666 G7 322 XXX 666 GOLPE PORNO pudore


GLI USA NON VOGLIONO REALIZZARE LA GUERRA CONTRO LA LEGA ARABA E NEANCHE LA INVASIONE DI TERRA, CONTRO ISIS (lo hanno impedito alla Francia), PERCHé HANNO DECISO DI ROVINARCI, DI DISTRUGGERE DEFINITIVAMENTE TUTTI I POPOLI LIBERI ] Iran Threatens to Ignore Nuclear Deal; CLICK for Latest Israel News!
United with Israel  How Can Anyone Be Shocked? Pollard to be Released this Week after 30 Years!
Father and Son Murdered by Arab Terrorists Near Hebron  litmans
WATCH: An Insider’s View of Islamic Extremists  Megyn Kelly Speaks with CIA Morgem Storm Examining the Mind of an Islamic Extremist
Opinion: How Can Anyone Be Shocked by the Terror?  A woman is evacuated from the Bataclan theater after an Islamic terror attack in Paris. (AP/Jerome Delay)
ISIS terror in Paris  At Least 129 Killed, 350 Wounded in Multiple ISIS Terror Attacks in Paris
French Ambassador to Israel Addresses Tel Aviv Crowd Regarding Paris Terror Attacks  WATCH: French Ambassador Thanks Israelis for Support at Tel Aviv Rally
PM Netanyahu  PM Netanyahu Challenges PA Head Abbas to Condemn Terror Attacks Against Israelis
Jonathan Pollard  Jonathan Pollard to be Set Free After 30 Years
Natanz Iran  Iran Threatens to Ignore Nuclear Agreement with US-Led Global Powers
Foreign and Palestinian activists hold Palestinian flags as they march through an Israeli supermarket  WATCH: Don’t be Fooled by the Anti-Israel Boycott Movement
India Tibet Protest  There are 7.5 million Chinese Settlers in Tibet. Will the EU boycott Chinese products?
Prime Minister Netanyahu Updates Cabinet on Temple Mount Status and Recent News Developments  Netanyahu Under Arrest Warrant in Spain; Israel Calls it a ‘Provocation’
 www.unitedwithisrael.org info@unitedwithisrael.org USA: 1-888-ZION-613 Israel: +972-2-533-7841
KingxKingdom
ISLAM è IN DISCONTINUITà, sia, CONTRO ABRAMO che, CONTRO TUTTI I PROFETI DI ISRAELE è UNA APOSTASIA DEMONIACA: LA FECCIa della Dissimulazione e IPOCRISIA, MENZOGNE E TRADIMENTI! SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! nessun musulmano nel mondo condanna la sharia, perché sa che l'ISLAM dovrà fare il nostro genocidio: al momento opportuno! ] IDF Special Forces Capture Terrorist Who Murdered Father and Son on Friday. It has been cleared for publication that a joint security operation between the Shin Bet security forces and IDF Duvdevan counter-terrorism forces succeeded in capturing one of the terrorists behind in the murder of Rabbi Ya'akov Litman and his son Netanel on Friday. Security forces also seized what they believe to be the murder weapon, as well as the vehicle that was used in the shooting attack close to the town of Otniel. Under interrogation the terrorist implicated himself in the attack. The remaining details of the case are still the subject of a gagging order. Last night, father and son were buried amid scenes of immense grief at Jerusalem's Har Hamenuchot cemetery. Some details are already known about the attack, including how the terrorists - who first raked the family car with gunfire as they overtook it - then attempted to "confirm" their kill by firing repeatedly at the car after it ground to a halt. 18-year-old Netanel managed to alert emergency services to the attack before being fatally wounded, while his 16-year-old brother, who was shot in the leg, also called emergency services and even directed them to the scene. This morning, it was further revealed that one of the terrorists actually opened the back passenger door of the car after peppering it with bullets, and came face-to-face with the family's 12-year-old daughter Moriah, who shouted "No!" The terrorist did not open fire, and security forces are investigating if this was the result of his weapon jamming. Moriah's cousin, Rabbi Mordechai Antebi, recounted her terrifying ordeal to Reshet Bet radio. He added that Moriah immediately recognized the terrorist's picture when she was shown a lineup of five suspects by Shin Bet security personnel. Source: Arutz Sheva
KingxKingdom
‘Zionists Out of CUNY!’ Chanted at Student Protestors, Administration Looks Other Way Video [ SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] Vicious implicitly antisemitic slogans were chanted at a protest at Hunter College in Manhattan on Thursday afternoon after organizers on Facebook called for participants to oppose the school’s “Zionist administration.” But despite footage of the rally circulating online, a spokesperson for Hunter initially denied the hateful nature of the demonstration. “Zionists out of CUNY! Zionists out of CUNY,” shouted protesters, who had ostensibly gathered to fight for free tuition and other benefits. “Intifada! Intifada! Long live the Intifada,” they chanted, as a group of Jewish students waved Israeli flags nearby. A Hunter College representative, who had not been made aware of the demonstration — or the blatantly antisemitic social media announcements — responded Thursday evening: “The rally just took place. There were less than 50 students and it was totally focused on tuition. There was no claim of antisemitism.”
The protest, part of the nation-wide Million Student March set for November 12, was advertised on Facebook by “NYC Students for Justice in Palestine” and other affiliate groups, using antisemitic slurs to attribute the financial plight of students in the City University of New York system to its “Zionist administration [that] invests in Israeli companies, companies that support the Israeli occupation, hosts birthright programs and study abroad programs in occupied Palestine, and reproduces settler-colonial ideology … through Zionist content of education… [aiming] to produce the next generation of professional Zionists.” StandWithUs Northeast Region Director Shahar Azani told The Algemeiner on Friday morning that the Hunter event “is another example of the hijacking of various social causes by the anti-Israel movement. It contaminates the atmosphere on campus; poisons relationships between different groups; and keeps people further apart, thus distancing any hope for change. No student should feel marginalized or threatened while attending school. It is up to us to instill those values to the younger generation and to stand up to those who refuse to adhere to them. If we are unable to do so at our schools, one wonders what the point is of school at all.” Source: The Algemeiner
KingxKingdom
ISIS Threatens to Strike Washington in New Video [ SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] Islamic State warned in a new video on Monday that countries taking part in air strikes against Syria would suffer the same fate as France, and threatened to attack in Washington. The video, which appeared on a site used by Islamic State to post its messages, begins with news footage of the aftermath of Friday's Paris shootings in which at least 129 people were killed. The message to countries involved in what it called the "crusader campaign" was delivered by a man dressed in fatigues and a turban, and identified in subtitles as Al Ghareeb the Algerian. "We say to the states that take part in the crusader campaign that, by God, you will have a day, God willing, like France's and by God, as we struck France in the center of its abode in Paris, then we swear that we will strike America at its center in Washington," the man said. It was not immediately possible to verify the authenticity of the video, which purports to be the work of Islamic State fighters in the Iraqi province of Salahuddine, north of Baghdad. The French government has called the Paris attacks an act of war and said it would not end its air strikes against Islamic State in Syria and Iraq. French fighter jets launched their biggest raids in Syria to date on Sunday targeting the Islamic State's stronghold in the city of Raqqa. The operation was carried out in coordination with US forces. Police raided homes of suspected Islamist militants across France overnight following the Paris attacks. "Al Ghareeb the Algerian" also warned Europe in the video that more attacks were coming. "I say to the European countries that we are coming, coming with booby traps and explosives, coming with explosive belts and (gun) silencers and you will be unable to stop us because today we are much stronger than before," he said. Apparently referring to international talks to end the Syrian war, another man identified in the video as Al Karrar the Iraqi tells French President Francois Hollande "we have decided to negotiate with you in the trenches and not in the hotels."
KingxKingdom
SE NON DEMOLIREMO ISLAM SHARIA NAZISMO, SENZA RECIPROCITà E SENZA DIRITTI UMANI DEL DEMONIO E LA SUA LEGA ARABA, NON FINIRà MAI IL TERRORISMO! BRUCIAMOLI VIVI! ] IDF soldiers come under fire during house demolition of terrorist. IDF troops shot and killed three Palestinian gunmen in the West Bank on Monday morning, after they came under fire while carrying out the demolition of a terrorist’s home in Kalandiya, the IDF spokesperson said. According to the IDF, after the gunfight, clashes broke out in the village, with rioters throwing rocks, firebombs, and using explosive devices against the soldiers, who escaped without injury. The soldiers from the combat engineering corps and special forces units were carrying out the demolition of the home of Muhammed Abu Shaheen, who the Shin Bet says was the trigger man in the murder of Israeli Danny Gonen in June. Gonen was killed near the settlement of Dolev after he was flagged down by a Palestinian man on the side of the road – believed to be Abu Shaheen - who fired at Gonen at point blank range with a 9mm handgun. Abu Shaheen was indicted in August along with six other Palestinians, who security forces say formed a cell that carried out a series of attacks, including the murders of Malachi Rosenfeld and Danny Gonen.
Abu Shaheen is also suspected of other failed attempts to murder Jews and to have fired on soldiers in Kalandiya on a number of occasions. The demolition on Monday follows the demolition by the IDF Engineering Corps on Saturday of the homes of four terrorists responsible for killing Israelis during the recent wave of terror attacks. They include the Kfar Silwad house of Maad Hamed, one of the men responsible for the shooting death of Malachi Rosenfeld, 27, of Kochav HaShahar, who was killed near Shvut Rachel in June. The three other houses belonged to members of the cell that murdered Naama and Eitam Henkin in a shooting attack in October on the road between Elon Moreh and Itamar in the West Bank. The demolitions were approved by the High Court of Justice on Thursday. The court also rejected the demolition of an additional terrorists’ house. On Sunday night, the Shin Bet announced that they had arrested the chief suspect in the murder of a Rabbi Ya’akov Litman, 40, and his son Netanel, 18, who were shot dead outside of Otniel in the West Bank on Friday, while en route to a pre-wedding celebration for one of the Litman daughters. In a statement on the arrest, the Shin Bet said that the alleged trigger man, Shadi Ahmed Matawa, a 28-year-old father of two from Hebron, was turned in by his father and brother. The Shin Bet said that the two men decided to turn him in because they feared that their house would be demolished and that cooperating with authorities could prevent the possible demolition.
KingxKingdom
MY HOLY JHWH PER ME è COME UNA MAMMA TIGRE CHE DICE: "IL MIO CUCCIOLO UNIUS REI RIUSCIRà A SBRANARE LA SUA PREDA NWO 666?" e questo deve da tutti essere compreso io sono l'aspetto politico della 12 Tribù di ISRAELE, l'unico regno politico di Dio che potrebbe comparire su questo pianeta! è fisiologico per me convertire con l'amore, e per gli ostinati distruggere con la violenza i ribelli!
ACTUNG ] [ 11/09; 13/11; il NWO 666 FMI: gufo JaBullOn: potrebbe scegliere come data simbolica: il 31/12, per compiere un prossimo clamoroso attentato islamico!
==========
oBAMA 666 SPA NWO XXX PORNO fed BCE SPA FMI: rothschildd bildenberg il gufo NWO, gela Hollande e dice: "no ad attacchi di terra contro ISIS!" ma, lui chi si crede di essere quel Sodoma Gender lobby culto satana?
=========
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ J'accuse di Putin: ISIS riceve finanziamenti da 40 Paesi, compresi membri del G20. Durante il vertice del G20 di Antalya, la Russia ha dato esempi di come persone fisiche di 40 Paesi, compresi membri del G20, riescano a finanziare ISIS. Lo ha dichiarato il presidente Vladimir Putin intervenendo nella fase finale del vertice internazionale. "Ho presentato esempi, relativi ai nostri dati, sul finanziamento da parte di persone fisiche a beneficio di ISIS. Come da noi stabilito, i fondi provengono da 40 Paesi, in particolare da alcuni membri del G20, — ha sottolineato il presidente russo. Secondo Putin, il tema della lotta contro il terrorismo è stato uno dei fondamentali al vertice del "G20". Allo stesso tempo è stato affrontato il tema dell'implementazione della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che è stata approvata su iniziativa della Russia, con lo scopo di impedire il finanziamento del terrorismo, nonché l'eliminazione del contrabbando di oggetti artistici, che i terroristi hanno preso dai musei dei territori occupati: http://it.sputniknews.com/mondo/20151116/1554044/Terrorismo-Russia-ONU-Sicurezza-Arte-Contrabbando.html#ixzz3rjWhA6Bx
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ in Italia ogni paese, ed ogni quartiere di Città ha la sua Mafia, a Bari si uccide, ormai, una persona ogni settimana! Renzi, “l’Italia ha vinto la mafia e può risolvere tutte le sfide” 19:07 16.11.2015URL abbreviato: 22654012 ] MATTEO RENZI è UNA TRUFFA TOTALE! è UN VIGLIACCO SENZA LE PALLE! il sistema massonico di: DEMO PLUTO GIUDAICO MASSONE: violazione, alto, tradimento furto sovranità monetaria, ha bisogno di relativismo, pensiero unico massonico dominante, mafia, corruzione, lobby massoniche, ecc.. certo ci volle il fascismo per stanare gli usurai! e fu soltanto colpa di Hitler se il fascismo prese una piega antisionista! Il premier Matteo Renzi ha lasciato la sede del summit del G20 per rientrare in Italia dopo avere cancellato l'incontro bilaterale col presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, per problemi di agenda. Nella conferenza stampa ai margini del G20, il premier italiano ha sottolineato che "la sfida del terrorismo è molto grande, drammatica. I terroristi stanno colpendo i luoghi simbolo della nostra identità. Come si risponde? Non certo con un atto d'istinto, occorre essere molto determinati, duri, noi saremo totalmente pronti a esprimere questa determinazione e questa tenacia ma occorre anche avere l'intelligenza, la saggezza e l'equilibrio di parlare alla nostra gente e di dire che questa non è una questione che si risolve con uno schiocco delle dita. Chi ha in mente soluzioni semplicistiche non si rende conto di creare solo illusioni. Dunque occorre una strategia. Occorre dire che il terrorismo è in varie parti del mondo, occorre avere un approccio complessivo". Renzi ha rimarcato positivamente "il principio italiano di riportare la Russia al tavolo della discussione, il che sta finalmente portando qualche risultato. Questo — ha però avvertito — non vuol dire delegare alla Russia la risoluzione dei problemi ma riuscire tutti insieme ad avere una strategia seria. occorreranno mesi o forse anni per risolvere questo problema. E non crediamo nemmeno alle banalizzazioni di chi dice che arrivano troppi migranti. Nessuna sottovalutazione, massimi controlli: l'Italia è impegnata, abbiamo fatto quasi 60mila controlli". Nel finale il premier ha aggiunto che "l'Italia è un grande Paese, in condizione di risolvere tutte le sfide, anche quelle più drammatiche. L'Italia, secondo Renzi, ha vinto il terrorismo interno, la mafia, e perciò è in condizione di affrontare una sfida difficilissima. Ma la sfida più grande è vincere la paura": http://it.sputniknews.com/italia/20151116/1555192/Renzi-Italia-vinto-Mafia-G20.html#ixzz3rjXPJUKn
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ PERCHé HAMAS E OLP SONO TERRORISTI SHARIA LEGALI? Mo: Israele, Movimento islamico dichiarato 'illegale' E' la Frazione Nord dello sceicco Raed Salah. TEL AVIV - Il governo israeliano ha dichiarato ''illegale'' il Movimento islamico (Frazione Nord) dello sceicco Raed Salah. Le sue attivita' sono da ora vietate perche', secondo il ministro della Sicurezza interna Ghilad Erdan, ha ''fomentato violenze e atti di terrorismo''.  ] E PERCHé IN 66 ANNI ISRAELE (666 ROTHSCHILD SPA NWO ) NON è RIUSCITA A VINCERE IL TERRORISMO ISLAMICO ANCORA? [ Forza Israele https://www.facebook.com/forzaisraele/ affidare a Israele la direzione mondiale della lotta al terrorismo e tempo sei mesi la piaga scompare
Angelo Dureghello [ Trieste ] Si, finché, qui e' pieno di comunisti ipocriti che dicono che il pericolo non c'e', nessun provvedimento sara preso. Poi ci mitraglieranno come pecorelle indifese.
Bruno Bozner [ tra deci anni cominceranno a farlo anche in europa, ma temo sarà tardi
=======================
è indispensabile dichiarare guerra alla Turchia ed a tutta la LEGA ARABA!  (ANSA) - ROMA, 16 NOV - Era il febbraio dello scorso anno: l'Isis celebra gli attacchi a Parigi contro Cherlie Hebdo e il supermarket Kosher nel suo nuovo numero della rivista Dabiq, il magazine patinato in lingua inglese, fiore all'occhiello della propaganda di Abu Bakr al Baghdadi. "L'intelligence mi conosce bene, mi hanno anche arrestato diverse volte. Hanno cercato in tutti i modi di arrestarmi ma non ci sono riusciti: ed eccomi qua in Siria", dice tra l'latro Abaaoud.
==================
DISTRUGGERE LA LEGA ARABA ED ISOLARE GLI USA DI SATANA è UN NOSTRO IMPERATIVO CATEGORICO! ] [ e questo è vero Kerry 322 Bush 666 Rthschild sono sacerdoti di satana molto civilizzati! ] IO CREDO CHE NOI DOVREMMO UCCIDERE LA LEGA ARABA, SENZA ODIARE LA SUA GENTE! QUELLO CHE MI FA PAURA è IL SENTIMENTO DI ODIO CHE SI VUOL FAR NASCERE TRAI I POPOLI A TUTTI I COSTI!  (ANSA) - PARIGI, 17 NOV - Il conflitto contro i militanti dello Stato islamico non è uno scontro di civiltà, "infatti, sono mostri psicopatici. Non hanno nulla di civile": lo ha detto ieri sera il segretario di Stato americano John Kerry all'ambasciata americana di Parigi.
KingxKingdom
nessuno è più volto del diavolo massone satanista GENDER di lui OBAMA il demonio! io gli ordino di auto distruggersi! Obama: "Non basta colpire Isis in Sira e Iraq" - Il presidente Usa Barack Obama: "L'Isis è il volto del diavolo, dobbiamo distruggerlo". [ è indispensabile dichiarare guerra a tutti questi paesi canaglia, protetti da OBAMA 666 GENDER IDEOLOGIA SODOMA! Putin: "Isis finanziato da membri G20" - Vladimir Putin ha dichiarato che i jihadisti dell'Isis sono finanziati da persone fisiche provenienti da 40 Paesi, tra cui anche membri del G20. Il presidente russo ha precisato di aver condiviso con i colleghi del summit ad Antalya i dati a disposizione della Russia sul finanziamento ai terroristi.
KingxKingdom
La Santa Sede baluardo contro lo scontro di civiltà ] mentre [ LA LEGA ARABA SHARIA è SATANA ] di Francesco Peloso Nell’ultimo quarto di secolo, da quando cioè la caduta del Muro di Berlino ha ridisegnato la carta geografica del mondo, la Santa Sede è stata di fatto l’unica istituzione globale che si è opposta con decisione e lucidità al cosiddetto scontro di civiltà;
KingxKingdom
un miracolo COME TANTI ] [ Un santo che girava in incognito in ospedale ravviva la fede di tre infermiere. "Quell'infermiere ha lavorato tutta la notte con un entusiasmo che contagiava... Mi sembrava un uomo molto particolare, soprattutto per la tranquillità che ispirava”Sei anni fa, il tre novembre, l’infermiera Margarita de los Ángeles Parra era di guardia nel reparto maternità dell’ospedale di ginecologia e ostetricia di Tlatelolco (Messico). Com’era abituale, Margarita doveva vegliare quella notte sul benessere delle future mamme e di quelle che avevano appena partorito. Visto che i minuti passavano e la sua collega di guardia non arrivava, ha iniziato a inquietarsi. In quel pomeriggio erano nati tredici bambini, e ogni madre aveva bisogno di cure diverse, e inoltre il ginecologo assegnato a quel settore doveva assistere ai parti. Margarita credette di essere praticamente sola, ma avrebbe ricevuto un aiuto straordinario, come ha dichiarato al settimanale Desde la Fe, anche se solo qualche ora dopo avrebbe capito chi fosse stato il suo peculiare collega di lavoro…
“All’improvviso”, ha raccontato, “è apparso un uomo magro e moro con il camice da infermiere. ‘In cosa posso aiutarti?’, mi ha chiesto. Sono rimasta sorpresa per la fiducia con la quale si era rivolto a me, visto che non ci conoscevamo. Non avevo finito di dargli istruzioni che già stava assistendo le donne e i neonati. Sempre sorridente, accarezzava i capelli delle pazienti. Anche se non lo avevo mai visto, mi è sembrato normale che fosse in servizio, perché in genere se una persona manca al lavoro chiede a un infermiere o a un medico di sostituirla”.
Margarita ricorda il sorriso particolare del suo collega e i suoi denti bianchi e brillanti che risaltavano sul volto dalla pelle più scura. La sorprendeva che dedicasse tanto tempo ad ascoltare tutto quello che gli dicevano le neomamme e a verificare l’evoluzione dei bebè. “Quell’infermiere ha lavorato tutta la notte con un entusiasmo che contagiava. Prendeva le mani delle pazienti tra le sue, e le donne che non avevano ancora partorito si tranquillizzavano molto quando si avvicinava. Mi sembrava un uomo molto particolare, soprattutto per la tranquillità che ispirava”, ha aggiunto.
Per il resto della notte altre due infermiere si sono unite al servizio. Le donne si sono preoccupate quando l’infermiere sconosciuto è sembrato all’improvviso un po’ pallido e sudato. A Margarita è anche sembrato che tremasse come se avesse la febbre, ma anche in quelle condizioni continuava ad assistere le donne e i bambini con grande affetto. “Insieme alle mie colleghe l’ho convinto a uscire dal padiglione e a riposarsi un po’. Lui ci ha sorriso, è uscito e non lo abbiamo più rivisto”.
Quando stava albeggiando, Margarita ha risposto alla chiamata di una signora che non si sentiva bene e sentiva di aver avuto un rialzo di temperatura. L’ha assistita e l’ha invitata a tranquillizzarsi, dicendole che tutto sarebbe andato bene. Per sua sorpresa, la donna le ha risposto: “Sì, sono tranquilla, perché San Martín de Porres è venuto a farmi visita e mi ha detto che starò bene”.
Abituata, dice l’infermiera, a che i pazienti negli ospedali riferiscano di vedere qualche familiare defunto, la Madonna o i santi, Margarita si è limitata a sorridere con benevolenza. “Ma la signora ha notato la mia incredulità e mi ha detto: ‘Le giuro che era qui, era vestito da infermiere!’”.
Anche se il raziocinio di Margarita resisteva a credere a ciò che le aveva detto la paziente, ha commentato l’accaduto con le sue due colleghe, che non hanno esitato a crederci: “Non si riferiva all’infermiere che è stato per un po’ con noi?”, ha chiesto una di loro, aggiungendo: “In effetti assomigliava molto a San Martín de Porres”.
“In quel momento mi è venuta la pelle d’oca. Ancora poco convinta, ho detto loro: ‘E che miracolo è venuto a fare qui?’ ‘Non lo so’, ha risposto la mia collega, mentre camminavamo tutte e tre verso una delle finestre. In quel momento un raggio di sole ci ha illuminate, lasciando intravedere una bellissima alba. Nella stanza, le pazienti erano molto contente, alcune già con i loro piccoli e altre che aspettavano i dolori del parto”.
“Quella notte San Martín de Porres forse è stato con noi o forse no, ma ciò che è certo è che avevamo lavorato insieme, gomito a gomito, ricordandoci che siamo diventate infermiere per assistere e servire i nostri simili nel dolore, alleviare la loro angoscia, aiutarli nel loro dolore… e questo è già un grande dono che Dio ci ha fatto quella notte!”
La storia di Martín inizia con la visita che fece alla città di Lima (Perù) un cavaliere spagnolo dell’Ordine di Alcántara, don Juan de Porres, che allora lavorava come diplomatico agli ordini del re Filippo II di Spagna. La sua permanenza in città, pur se breve, gli permise di conoscere e stringere i rapporti con una giovane immigrata afropanamense di nome Ana Velázquez. Da quel legame sarebbero nati due figli che il padre non riconobbe: Juana e suo fratello Martín, il 9 dicembre 1579.
http://it.aleteia.org/2015/11/16/un-santo-che-girava-in-incognito-in-ospedale-ravviva-la-fede-di-tre-infermiere/
KingxKingdom
EPPURE C'è CHI è COSì SATANISTA FARISEI ROTHSCHILD OBAMA MAOMETTANO CHE CONTINUA A SFIDARE LA MISERICORDIA DIVINA! Pray for Burundi. Il Paese è a rischio caos e si profila un'emergenza umanitaria. La Chiesa burundese invita a pregare per la pace. Michael Hampton. Chiara Santomiero/Aleteia, 16 novembre 2015, Burundi's policemen and army forces face protestors during a demonstration against incumbent president Pierre Nkurunziza's bid for a 3rd term on 13 May 2015 in Bujumbura. In the neighborhood of Musaga, hundreds of people waved sticks and threw stones as police responded with tear gas, a water cannon and live rounds. Protestors looted the local police post in Musaga, burning furniture, mattresses and clothing in a barricade fire, an AFP photographer said. Burundi's presidency said an attempted coup by a top general had "failed" on May 13, 2015 and pro-president Burundi troops at state broadcaster fire warning shots over the heads of hundreds of protesters, an AFP reporter said. Burundian general Godefroid Niyombare on May 13 announced the overthrow of President Pierre Nkurunziza, following weeks of violent protests against the president's bid to stand for a third term. AFP PHOTO / JENNIFER HUXTA. “Di notte la polizia arriva nelle case a prendere le persone e il giorno dopo veniamo a sapere che sono morte. Troviamo cadaveri nelle strade. Ormai l’insicurezza è totale“. Lo racconta ad Aleteia una fonte della Chiesa della capitale del Burundi, Bujumbura, che chiede di rimanere anonima per motivi di sicurezza. E’ capitato anche a dei religiosi salesiani di essere prelevati, ma fortunatamente all’indomani sono stati rilasciati. “La paura attanaglia tutti – prosegue la fonte -: migliaia di persone si sono spostate in altre parti del paese, altre centinaia di migliaia hanno passato il confine verso il Ruanda, l’Uganda, la Repubblica democratica del Congo, la Tanzania e anche l’Europa”.
I fatti di Parigi hanno fatto scomparire dai media l’attenzione per il dramma del Burundi. Dallo scorso aprile nel Paese africano si sono intensificati gli scontri causati dalla candidatura prima e dalla rielezione poi del presidente Pierre Nkurunziza per un terzo mandato, in violazione della Costituzione e degli accordi di pace di Arusha che nel 2000 avevano sancito la fine della guerra civile e dato origine a un complicato sistema di condivisione del potere. Circa 200 persone sono state uccise dalle forze di sicurezza governative durante la repressione delle proteste e si calcola che più di 200 mila burundesi abbiano lasciato il Paese. Anche stamattina, come riferisce l’Agenzia Fides, si è combattuto in diversi quartieri della capitale Bujumbura.
Il 12 novembre il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato una risoluzione che dà 15 giorni di tempo al segretario generale Ban Ki-moon e al suo inviato in Burundi, Jamal Benomar, per esprimere un parere sulla possibilità dell’invio nel Paese africano di una forza militare e di polizia sotto l’egida dell’Onu. Per una decisione in tal senso, occorrerebbe, alla scadenza del termine, una nuova risoluzione o un’autorizzazione – difficile da immaginare – da parte del governo del contestato presidente Nkurunziza.
Un appello al dialogo e un invito alle parti ad incontrarsi per per far cessare le violenze e trovare una soluzione politica alla crisi era stato rivolto congiuntamente, sempre il 12 novembre, dal segretario generale aggiunto dell’Onu, Jan Eliasson, dal presidente della Commissione dell’Unione africana, Nkosazana Dlamini Zuma, e dall’alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza comune dell’Unione europea, Federica Mogherini.
“La Commissione per il dialogo interburundese esistente – spiega ad Aleteia la fonte da Bujumbura – non include tutti i gruppi politici e non è, quindi, efficace”. E’ invece necessario “il dialogo tra tutte le parti, anche coloro che hanno preso le armi, per il bene del Paese”.
La Chiesa burundese, che si è pronunciata contro la rielezione di Nkurunziza, aveva già chiesto, senza successo, di aprire il dialogo con l’opposizione in un comunicato pubblicato al termine dell’ Assemblea Plenaria dello scorso settembre. Nella stessa occasione aveva chiesto “il rispetto dello stato di diritto e la garanzia dei diritti delle persone” condannando “gli atti criminali che si registrano quotidianamente in particolare nella capitale Bujumbura, dove ogni notte si verificano omicidi, e dove diverse persone non dormono nel proprio domicilio per paure di essere rapite o uccise. In alcuni quartieri, denuncia il comunicato, gli abitanti sono consegnati in residenza sorvegliata e, non potendo uscire di casa per andare a lavorare o procurarsi da mangiare, rischiano di morire di fame“. “La povertà minaccia la popolazione– avevano scritto i vescovi- e questa accresce il dramma che stiamo vivendo, dal momento che alcuni membri della comunità internazionale sembrano aver sospeso i loro aiuti al Burundi” (Agenzia Fides 24 settembre 2015).
Papa Francesco, che a fine novembre visiterà il Kenya, l’Uganda e la Repubblica Centrafricana, il 17 maggio 2015 ha chiesto di pregare per “il caro popolo burundese” invitando tutti a “abbandonare la violenza e ad agire responsabilmente per il bene del Paese”. Dal 14 al 22 novembre la Chiesa cattolica burundese ha lanciato una novena di preghiera per la pace sia in Burundi che in alcuni altri Paesi dell’Africa centrale: la preghiera e la volontà di pace sono le “armi” che mette sul tavolo della riconciliazione nazionale. “La preghiera – conclude la fonte di Aleteia – ci dà la forza di sperare contro ogni speranza“.
http://it.aleteia.org/2015/11/16/pray-for-burundi/?utm_campaign=NL_it&utm_source=topnews_newsletter&utm_medium=mail&utm_content=NL_it-Nov%2016,%202015%2007:23%20pm
KingxKingdom
COMUNISTI GENDER IDEOLOGIA DI MERDA: LA ROVINA DELLA NOSTRA CIVILTà! ] [  L’Italia dei paradossi: sì alla mostra con Cristo nell’urina a Lucca, no all’arte sacra a Firenze. Anche l'arte diventa fonte di discriminazione. Dall'esaltazione della blasfemia al "divieto d'accesso" per gli scolaretti. Paradossi in Toscana
http://it.aleteia.org/2015/11/14/piss-christ-mostra-blasfema-lucca-arte-sacra-firenze/
KingxKingdom
la legge è uguale per tutti: ora gli USA devono pagare per tutti i loro
 delitti! ]]
http://www.byoblu.com/post/2015/11/12/i-documenti-uk-che-fanno-gelare-il-sangue-da-enrico-mattei-ad-aldo-moro.aspx
I documenti UK che fanno gelare il sangue: da Enrico Mattei ad Aldo MoroPaolo Becchi: Parigi  è un False FlagLe guerre USA? Pianificate. Tutte. 14 anni fa.http://www.byoblu.com/post/2015/11/05/le-guerre-usa-pianificate-tutte-14-anni-fa.aspx
Ecco da dove arrivano tutte le cose che sappiamo dell'ISIS. Chi è Rita KatzGenerale francese: L'ISIS CREATO DAGLI USAhttp://www.byoblu.com/post/2015/11/15/generale-francese-lisis-creato-dagli-usa.aspx
KingxKingdom
I documenti desecretati USA che raccontano la nascita dell’ISIS [[ la legge è uguale per tutti: ora gli USA devono pagare per tutti i loro delitti! ]] Pubblicato 16 novembre 2015 - 19.30 - Da Claudio Messora, NUOVI DOCUMENTI USA - ECCO COME E' NATO L'ISIS.. UN PO’ DI STORIA, E’ il 2004 quando Abu Musab al-Zarqawi fonda al Qaeda in Iraq, nota con l’acronimo di AQI. Nel 2006 viene fatto fuori da un raid USA. Al suo posto arriva Abu Ayyub al-Masri, che annuncia subito la creazione dello Stato Islamico dell’Iraq (ISI). Dopo la sua uccisione, avvenuta nel 2010 in un’operazione congiunta USA-Iraq, capo dell’ISI diviene Abu Bakr al-Baghdadi, che l’anno successivo, nel 2013, dichiara di avere assorbito un gruppo di militanti, supportati da Al Qaeda, che operano in Syria, conosciuto con il nome di Jabhat al-Nusra, o anche Fronte al-Nusra. Il leader dell’ISI dichiara così la nascita dell’ISIL, lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (con il termine di “Levante” ci si riferisce storicamente a tutta l’area che si affaccia sul Mediterraneo dell’est), o anche come Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS). Il Fronte al-Nusra, guidato da Abu Mohammad al-Julani, però nega. Dopo 8 mesi di TFfaide interne, il 3 febbraio 2014 al-Qaeda recide i legami con al-Baghdadi, ma un ramo del Fronte al-Nusra, che opera nella città siriana di Al-Bukamal, si unisce all’ISIL.
abu bakr al-baghdadiE’ interessante notare come al-Baghdadi sia stato prigioniero degli Stati Uniti in Iraq, nel Camp Bucca, dal 2005 al 2009. Qui lo vediamo in una foto diffusa dal Ministero degli Interni iracheno. “Non era tra i peggiori“, ha dichiarato il colonnello Ken King che lo ebbe in custodia. Conosceva le regole e non si metteva mai in pericolo. Gli Usa l’avrebbero consegnato infine alle autorità irachene, con una solida documentazione a corredo, ma in seguito sarebbe stato inspiegabilmente rilasciato. E avrebbe avviato il regime del terrore che tutti noi oggi conosciamo. Quantomeno curioso. Soprattutto in considerazione delle numerose, leggendarie foto che ritraggono il senatore McCain, nei suoi viaggi in Siria tesi a costituire una forza che si opponesse ad Assad, con un giovane che, se non è al-Bagdhadi, ci somiglia in maniera impressionante. McCain Al-Baghdadi raffronto paragone comparison
Insieme al presunto al-Baghdadi, ci sarebbe stato anche il temibile Khalid al-Hamad, soprannominato “il mangiatore di cuori” per via di questo video dove divora il cuore di un soldato pro-Assad.
Khalid al-Hamad McCain. Come che sia, il 29 giugno del 2014 l’ISIL proclama la nascita di un califfato mondiale. Al-Baghdadi si autonomina califfo e il gruppo cambia il suo nome in IS, semplicemente “Stato Islamico”, concetto che viene rifiutato da governi e leader musulmani in ogni parte del mondo.
Il NUOVO DOCUMENTO DESECRETATO USA. Un po’ di storia era necessaria per comprendere che nel 2012 esisteva solo lo Stato Islamico dell’Iraq (ISI), ma l’ISIL non esisteva ancora. Acquisisce quindi particolare significato il contenuto del documento desecretato quest’anno, grazie alle pressioni di Judicial Watch, e redatto il 12 agosto 2012 dalla DIA, la Defense Intelligence Agency degli Stati Uniti d’America. La DIA è la componente del Dipartimento della Difesa (Department of Defense, DoD) che fornisce ai decisori politici e militari, nonché al presidente USA in persona, un servizio di intelligence sia sui governi e sugli stati delle zone calde, che sui protagonisti in genere capaci di influire sul complesso degli equilibri geopolitici, pur non essendo Stati veri e propri. Non è un mistero per nessuno che gli Stati Uniti (e non solo loro) desiderino la caduta del regime politico di Assad in Siria, per acquisire il controllo di un’area altamente strategica come quella che consente ai paesi produttori di petrolio di avere uno sbocco nel Medirettaraneo. Se volete comprendere un po’ meglio la posta in gioco, guardatevi questo video, parlato in spagnolo ma sottitotolato in italiano. SIRIA: LA SPIEGAZIONE DI TUTTO (il video che dovete vedere per capire) E cosa scrive, nell’agosto 2012, la Defense Intelligence Agency? Scrive che i salafiti, i fratelli musulmani e AQI (al-Qaeda Iraq) sono le principali forze che guidano l’insurrezione in Siria, e inoltre che anche l’occidente, i paesi del golfo e la Turchia vogliono far cadere Assad, mentre la Russia, la Cina e l’Iran sono dalla parte del regime. Ecco il passaggio a cui fare riferimento:
Department of Defense - Isis 1. Nel documento, a pagina 3, si spiega che al-Qaeda Iraq conosce bene la Siria perché si è addestrata lì, prima di trasferirsi in Iraq. Si dice poi che l’AQI sostiene le forze che si oppongono ad Assad e che richiama i sunniti alla guerra contro la Siria, in quanto stato infedele.
Poi, nell’analisi sulle possibili conseguenze in Iraq, sostiene che “se la situazione dovesse andare in fumo, c’è la possibilità di creare un principato salafita, dichiarato o meno, nell’est della Siria, e questo è esattamente ciò che i poteri che sostengono l’opposizione vogliono, per isolare il regime siriano“. Si ipotizza quindi che “L’ISI potrebbe anche dichiarare uno Stato Islamico attraverso la sua unificazione con altre organizzazioni terroristiche in Iraq e in Siria”.
Department of Defense - Isis 2Sappiamo dunque che le forze di opposizione ad Assad avevano bisogno della nascita dell’ISIS per abbattere il regime siriano. E lo stesso vice-presidente degli Stati Uniti d’America, Joe Biden, lo ha sostenuto (“non siamo riusciti a convincere i nostri alleati nel medio oriente a smettere di sostenere gli estremisti in Siria“, guarda il video), mentre l’ex generale Nato Wesley Ckark ha dichiarato che “I nostri amici e alleati hanno fondato l’ISIS per distruggere gli Hezbollah“. Ora, sappiamo con certezza, che gli USA consideravano l’ISIS, fin da prima della sua comparsa, come un modo di isolare il governo siriano, ma sappiamo anche che i suoi alleati lo hanno creato e sostenuto, mentre al Fronte al-Nusra veniva consigliato un po’ di trucco per presentarsi come forza moderata e beneficiare del supporto degli Stati Uniti in termini di armi, che poi finivano però anche nelle mani dell’ISIS. E del resto non si può sapere quanti di quei 60 miliardi di dollari di armi che gli USA hanno venduto all’Arabia Saudita (cioè gli alleati del medio oriente che secondo il vice-presidente degli Stati Uniti d’America hanno finanziato l’ISIS) siano in realtà finiti nelle mani del califfato.
Quello che sappiamo è che l’occidente, per assicurarsi il dominio di un’area strategica del pianeta come quella che dalla Siria conduce all’Iraq e all’Iran, ha fondato, finanziato e supportato in tutti i modi la nascita di un movimento destabilizzatore, fortemente votato alla propaganda, il quale avrebbe poi trovato unico canale di diffusione mediatico quel Site (Search for International Terrorist Entities, il sito di monitoraggio USA degli jihadisti sul web) dove Rita Katz ancora oggi diffonde le rivendicazioni dell’ISIS come se avesse un’esclusiva commerciale e, quasi sempre, senza linkare le fonti (per saperne di più sul site, leggi “Ecco da dove arrivano tutte le cose che sappiamo dell’ISIS. Chi è Rita Katz“).
Ecco perché i commenti di chi oggi invoca crociate contro gli infedeli, presentando uno scenario a senso unico dove qui siamo tutti buoni e di là sono tutti cattivi, riporta verità parziali, molto spesso demagogicamente tese a orientare l’opinione pubblica in favore di un intervento armato che serve molti scopi diversi, tra i quali il ridimensionamento di una forza sfuggita al controllo occidentale non è che uno di essi, mentre il conseguimento dell’obiettivo militare di abbattere Assad e di quello strategico di controllare l’area del medio oriente rappresentano sicuramente obiettivi primari, anche in considerazione del fatto che l’ISIS conta più o meno 50mila uomini. E non è credibile, in nessun modo, che i più potenti eserciti della Terra possano avere una qualunque, anche remota possibilità di non averne ragione – se davvero lo volessero – in meno di 24 ore.
KingxKingdom
io sono troppo sensibile all'amore! CHIUNQUE MI AMA? IO LO AMERò troppo anche! ed io non chiedo a nessuno: "cosa tu hai fatto nel tuo passato?" perché, la misericordia ha occhi soltanto per il tuo futuro: io vivo per realizzare la tua felicità!
KingxKingdom
qualcuno tradisce il NWO per servire Unius REI: chiunque dei miei rabbini sia stato: lui vuole entrare nel mio regno delle 12 tribù di israele e della felicità fratellanza universale! ] [ Error 520 Ray ID: 246569da42ed3d9b • 2015-11-16 18:56:24 UTc Web server is returning an unknown error ] Claudio MessoraCondiviso pubblicamente  -  19:35 ECCO I DOCUMENTI DESECRETATI USA CHE RACCONTANO LA NASCITA DELL'ISIS Gli Usa sono stati costretti a desecretare un rapporto del 2012, dove l'intelligence parla della nascita dell'ISIS come uno strumento utile a rovesciare Assad. http://www.byoblu.com/post/2015/11/16/i-documenti-desecretati-usa-che-raccontano-la-nascita-dellisis.aspx I documenti desecretati USA che raccontano la nascita dell'ISIS - Byoblu.combyoblu.com Gli Usa sono stati costretti a desecretare un rapporto del 2012, dove l'intelligence parla della nascita dell'ISIS come uno strumento per rovesciare Assad.
KingxKingdom
[ ++ INQUIETANTE SCOPERTA > GOOGLE TRADUTTORE TRADUCE "CI RIVEDREMO
PRESTO" IN "INSHALLAH" (VERSO QUALSIASI LINGUA) ++ ] il significato di
questo fenomeno demoniaco è troppo semplice, io ho lasciato sopravvivere
 gli alieni ed i sacerdoti di Satana soltanto perché, loro devono fare
il genocidio della LEGA ARABA!  allora "CI RIVEDREMO PRESTO" IN "INSHALLAH"
KingxKingdom
questa è per me una constatazione troppo vecchia: alieni controllano il
motore di intelligenza artificiale di google ] lorenzoJHWH si divertivano a tradurlo shalomgerusalemme: perché i demoni sono cinici! ] Lega Nord PadaniaCondiviso pubblicamente  [ ++ INQUIETANTE SCOPERTA > GOOGLE TRADUTTORE TRADUCE "CI RIVEDREMO PRESTO" IN "INSHALLAH" (VERSO QUALSIASI LINGUA) ++ a me adesso traduce bene ! We will meet again SOON We'll see you soon
KingxKingdom
my ISRAEL ] GLI USA 666 CIA JABULLON IL GUFO ROTHSCHILD, SONO CAPACI DI ACCENDERE SULLA TERRA IL FUOCO DELL'INFERNO, MA, POI, LORO NON HANNO NESSUNA CAPACITà DI PORRE UN RIMEDIO AI LORO DELITTI! SOLTANTO UNIUS REI PUò RIPORTARE L'AMORE DI DIO NEL MONDO!
KingxKingdom
my ISRAEL ] IO SU KERRY, giustamente, io HO DETTO TUTTO IL MALE DI QUESTO MONDO! e invece, questa volta lui ingenuamente pensa che, ASSAD può chiamare i sunniti che, la ARABIA SAUDITA ha armato con le autobombe che hanno fatto stupri e genocidi di bambini, hanno fatto i cannibali e dire loro: "OK ADESSO FACCIAMO UN GOVERNO DI UNITà NAZIONALE! " no! tutto questo ora non è più possibile! QUì C'è UN PROBLEMA ISLAMICO SHARIA NAZISTA CHE DEVE ESSERE AFFRONTATO CONTRO IRAN E contro: ARABIA SAUDITA, perché a questo punto, dove noi siamo giunti? non è più possibile poter tornare a quelle condizioni che potevano, sia pure, in modo molto difettoso: cioè, potevano poter funzionare come nel passato! E tutti loro soltanto ad una autorità divina come Unius REi si assogetterebbero volentieri! QUINDI, ANCHE VOI DOVETE RINUNCIARE AL VOSTRO NWO DI SATANA! OPPURE SE AVETE LE PALLE, POTETE SEMPRE SCATENARE LA GUERRA MONDIALE NUCLEARE!
KingxKingdom
pensare che ci sia una vera democrazia nel crimine REGIME di altro
tradimento massonico ed usurocratico: questa è una bestemmia ma, pensare
 che oggi questa bestemmia sia presente in Turchia islamica: in qualche
modo, questo rasenta le tragi commedie comiche! Turchia: partito curdo, annullare voto. leader dell'Hdp, Demirtas: 'Non è stato libero né equo'
C. S. P. B.Crux Sancti Patris BenedectiCroce del Santo Padre Benedetto
C. S. S. M. L.Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce
N. D. S. M. D.Non draco sit mihi dux
Che il dragone non sia il mio duce V. R. S.Vadre Retro satana
Allontanati satana! N. S. M. V.Non Suade Mihi Vana
Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L.Sunt Mala Quae Libas
Ciò che mi offri è cattivo I.V. B.Ipsa Venena Bibas
Bevi tu stesso i tuoi veleni + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto
Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!
==========================
17/11/2015 SRI LANKA
Sri Lanka, l’ira di Vijaya, profugo tamil: “Il governo ci ha traditi” (video)
di Melani Manel Perera
L’uomo vive nel campo profughi di Neethayan, vicino a Jaffna, con la madre, una moglie e due figli. Intervistato da AsiaNews racconta il disagio di dover dipendere dal governo, che non mantiene le promesse: “Vengono ogni tanto a darci del cibo, ma si disinteressano. Non abbiamo soldi neanche per comprare i chiodi per riparare il tetto”.    17/11/2015 MYANMAR
Il Parlamento birmano avviato a fine legislatura. Suu Kyi critica la lentezza del processo
di Francis Khoo Thwe
A Naypyidaw si è riunita per la prima volta dalle elezioni l’assemblea dei deputati. Il presidente della Camera ricorda che si tratta di un parlamento “uscente” e invita a lavorare per il popolo. La “Signora” contrariata dalla lentezza delle procedure che porteranno all’ingresso del nuovo Parlamento. Negli Stati Kachin e Shan si continua a combattere.
17/11/2015 INDIA
Militante indù: Cristiani servi dei maoisti, ecco perché non li hanno mai attaccati
di Nirmala Carvalho
Indresh Kumar, esponente del “braccio armato” del partito induista al governo, accusa la comunità cristiana dell’India di avere “accordi segreti” con i militanti naxaliti. Presidente del Global Council of Indian Christians: “Provocazioni false e pericolose, vogliono distruggere l’India secolare e multi-religiosa”.    17/11/2015 MONGOLIA – CINA
Mongolia, sindacalista si dà fuoco contro la vendita delle miniere alla Cina
“Il governo – ha detto prima del gesto l’uomo, non identificato – non sostiene più la nostra compagnia, le famiglie dei lavoratori sono oramai costrette a fare la fame. Ecco perché mi darò fuoco, per il popolo della Mongolia e per i nostri bambini”. Al momento il 90% delle esportazioni mongole finisce sul mercato cinese; inoltre, il 49% delle aziende operanti sul territorio nazionale è di proprietà cinese
17/11/2015 NEPAL
Nepal, manca gas per cucinare: code chilometriche per comprare legna da ardere
di Christopher Sharma
Iniziata la vendita ufficiale di legname dalle riserve statali. Si abbatteranno alberi fino ad esaurimento della domanda. 14 ore di fila per comprarne un chilo: “Siamo in coda per la sopravvivenza. Da giorni mangiamo solo riso battuto”. L’embargo non ufficiale dell’India continua da quasi due mesi.    17/11/2015 VATICANO
Papa: no a cristiani “mondani”, nei quali la “doppia vita” distrugge l’identità
“La mondanità spirituale ci allontana dalla coerenza di vita ci fa incoerenti”, uno fa “finta di essere così” ma vive “in un’altra maniera”. “Lo spirito cristiano, l’identità cristiana, mai è egoista, sempre cerca di curare con la propria coerenza, curare, evitare lo scandalo, curare gli altri, dare un buon esempio”.
17/11/2015 VIETNAM
Saigon, edifici cattolici nel mirino dei comunisti. Suore in campo contro l’esproprio
di Thanh Trung
Tre strutture appartenenti alla Congregazione delle Amanti della Santa Croce di Thủ Thiêm sono contese dall’amministrazione locale. Secondo l’accordo fra governo e cattolici, gli edifici devono ospitare scuole; il distretto vuole modificare la destinazione d’uso. I vertici della Chiesa locale e i fedeli accanto alle religiose nella loro battaglia.     17/11/2015 RUSSIA - FRANCIA
Musulmani russi contro il terrorismo: in nessun caso rappresenta l’islam
di Nina Achmatova
Parla il vice presidente del consiglio dei muftì e dell’amministrazione spirituale dei musulmani di Russia: negli attentati non vi è nessuna giustificazione; organizzazioni terroristiche vogliono creare conflitti tra musulmani. Il patriarca di Mosca invita a combattere l’estremismo anche sul piano culturale.
17/11/2015 ARABIA SAUDITA - STATI UNITI
Washington vende armi all’Arabia Saudita per 1,29 miliardi di dollari
Previste forniture di armamenti e pezzi di ricambio. Fra le armi anche 13mila bombe “intelligenti”. Il Congresso ha 30 giorni per approvare l’accordo, ma il via libera appare scontato. Si rafforza l’asse fra Usa e sauditi, dopo le tensioni per l’accordo nucleare iraniano. La regione mediorientale il il luogo dove si vendono più armi al mondo.     17/11/2015 EGITTO-ISLAM
Al Azhar: La lotta contro lo Stato islamico deve essere ideologica
Il problema del terrorismo islamico non è solo di sicurezza: occorre un controllo sull’insegnamento nelle moschee e fra gli imam per correggere le interpretazioni letteraliste e salafite del Corano. Al-Azhar si offre per un centro educativo in Europa, ma chiede anche “protezione” dagli estremisti.
17/11/2015 CINA
Pechino, il Partito celebra il riformista Hu Yaobang. Ma non lo riabilita
L’ex Segretario ha riabilitato milioni di persone cadute nelle campagne volute da Mao Zedong, ha aperto la Cina al mondo e ha preparato la transizione dall’economia statalista a quella di mercato. Accusato di aver “tollerato la liberalizzazione borghese”, è stato purgato: alla sua morte, nel 1989, sono scoppiati i moti di Tiananmen. A cento anni dalla sua nascita il Pcc pronto a commemorarlo “per sfruttare la sua buona immagine”.    16/11/2015 LIBANO
Chiese orientali: I governi del Medio Oriente non possono più garantire pace e sicurezza
Gli attacchi sanguinosi di Parigi (e Beirut) nel comunicato finale della sessione annuale dell’Apecl. Patriarchi e vescovi chiedono alle potenze mondiali di elaborare “soluzioni pacifiche” ai conflitti, garantendo l’unità territoriale. Collaborazione pastorale fra Chiese orientali, nullità del matrimonio ed elezione del presidente gli altri temi al centro dei lavori.
16/11/2015 BANGLADESH
Il Bangladesh festeggia i 150 anni delle Suore della Carità
Un giubileo commemorativo si è tenuto a Jessore, alla presenza del vescovo e dei fedeli. L’istituto religioso è stato fondato nel Paese asiatico grazie a tre suore italiane. Ora ci sono 21 conventi e 109 consacrate. Le suore della carità operano con le fasce più povere della società, soprattutto nei centri tessili dove le donne vengono sfruttate.     16/11/2015 INDIA
Mumbai, sopravvissuta ai pogrom di Kandhamal: Ho perso tutto tranne Gesù
di Kanaka Rekha Nayaka
Il racconto straziante di Kanaka Rekha Nayaka al Congresso eucaristico nazionale. Nei massacri del 2008 è stata testimone diretta del martirio di suo marito, trascinato con una catena al collo e decapitato dagli estremisti per aver rifiutato di convertirsi all’induismo. Gli assalitori, arrestati dopo i pogrom, oggi sono di nuovo in libertà.
17/11/2015
RUSSIA-FRANCIA-ISLAM
Putin: L’aereo russo sul Sinai caduto per un attacco terrorista. Hollande apre a un’alleanza con Mosca e Washington
Gli esperti hanno trovato tracce di esplosivo sui resti dell’aereo e sugli oggetti dei passeggeri. I servizi segreti russi mettono una ricompensa di 50 milioni di dollari per chi dà informazioni che portino alla cattura degli autori dell’attentato che ha fatto 224 morti. Il presidente francese spera nella collaborazione con Russia e Usa. Putin accusa: Anche Stati del G20 sostengono lo Stato islamico.
Parigi (AsiaNews) – È stato un attacco terrorista a far cadere l’aereo russo lo scorso 31 ottobre, dopo circa 20 minuti di volo da Shark el-Sheikh a San Pietroburgo, uccidendo 224 persone. Lo ha dichiarato oggi il presidente Vladimir Putin, commentando un incontro tenutosi ieri sera con i responsabili della sicurezza  e della difesa.
“Non è la prima volta – ha detto – che la Russia si trova di fronte a barbari crimini terroristi… Le lacrime non saranno asciugate dalle nostre anime e dai nostri cuori. Ciò rimarrà per sempre. Ma non ci fermeremo nel trovare e punire gli autori”.
Alexander Bortnikov, capo dei servizi segreti (Fss) ha dichiarato che fra i rottami dell’aereo e sugli oggetti dei passeggeri sono state ritrovate tracce di esplosivo di fabbricazione straniera. Con ogni probabilità la bomba conteneva circa un chilo di esplosivo.
Le conclusioni della Russia arrivano a due settimane dalle dichiarazioni Usa e britanniche che avevano subito parlato di attentato terrorista. Vi era stata anche una rivendicazione dello Stato islamico (SI) della penisola del Sinai che parlava di “punizione” per l’impegno russo in Siria affianco a Bashar Assad.
I servizi segreti hanno offerto una ricompensa di 50milioni di dollari per chi dà informazioni che portino alla cattura dei responsabili dell’attacco. Allo stesso tempo, Putin ha dichiarato che i bombardamenti russi sulle postazioni dello Stato islamico in Siria non si fermeranno.
Le rivelazioni del presidente russo cadono a pochi giorni dagli attentati terroristi di Parigi, anch’essi rivendicati dallo SI e giustificati come una risposta ai bombardamenti della Francia contro l’Isis in Siria.
Il presidente francese Francois Hollande ha definito un “atto di guerra” la serie di attentati che hanno ucciso 129 persone e fatto 400 feriti. Anch’egli ha deciso di continuare la lotta contro l’Isis in Siria, ha prolungato lo stato di emergenza in Francia per 3 mesi e ha richiesto poteri speciali per il presidente in casi di emergenza, suggerendo un cambiamento della costituzione.
La prossima settimana Hollande si recherà a Washington e a Mosca per tentare di costruire una coalizione contro lo Stato islamico.
Fino ad ora, gli Stati Uniti si sono impegnati in una coalizione – che comprende anche alcuni Paesi arabi – per bombardare postazioni Isis in Siria e Iraq, ma senza molti risultati. La Francia ha deciso di partecipare ai bombardamenti qualche giorno prima della decisione russa, presa su richiesta del presidente siriano Bashar Assad.
A dividere le tre potenze vi è proprio il destino di Assad. Per Usa e Francia egli dovrebbe abbandonare il campo prima di una discussione sul futuro assetto della Siria. Per la Russia, Assad e il suo governo sono l’unica possibilità per non far precipitare nel caos la Siria, già provata da quasi cinque anni di guerra.
Un altro problema messo in luce due giorni fa da Putin ad Antalya, alla fine dell’incontro del G20, è che vi sono almeno 40 Stati nel mondo che finanziano l’Isis e fra questi “anche alcuni membri del G20”. Con ogni probabilità Putin si riferiva all’Arabia saudita e alla Turchia, la prima sostenitrice di gruppi islamici contrari ad Assad; la seconda sospettata di essere un corridoio di sicurezza per far entrare nuove reclute dell’Isis in Siria e far uscire petrolio da vendere di contrabbando.
===========================
chi fomenta odio, e violenza che non sono un atto di legittima difesa va all'inferno! NEW DELHI, 17 NOV - Ashok Singhal, controverso leader nazionalista indiano fondatore del movimento 'Vishwa Hindu Parishad' (Consiglio mondiale indù), è morto oggi all'età di 89 anni in un ospedale vicino a New Delhi dove era stato ricoverato per problemi respiratori. Fervente difensore dell'induismo di fronte alle presunte "continue aggressioni" dell'islamismo e del cristianesimo, Singhal capeggiò un movimento che nel 1992 portò, fra gravi tensioni con i musulmani, alla distruzione di una moschea.
========================
Forces rally to defend Christian Syrian town from IS
Published: Nov. 13, 2015 by World Watch Monitor
Efforts are being rallied to save one of the last remaining centres of indigenous Christian presence in the Levant against a renewed jihadi attack.Militants of the theologically-based “Islamic State” have come within 3 kilometres of the Syriac Orthodox town of Sadad in western Syria, the Assyrian ...
    Syria Assyrians Homs Islamic State
Latest News
    Egyptian Copt's 'faked Facebook blasphemy' acquittal delayed
    Published: Nov. 17, 2015
    Bishoy Garas has always maintained his Facebook profile was hacked
    An Egyptian Christian, jailed for 38 months on unsubstantiated charges, has had his expected ...
    Myanmar's Christians cautiously hopeful
    Published: Nov. 12, 2015
    Kevin Osborne / Fox Fotos / Lonely Planet Images
    In Myanmar, Aung San Suu Kyi’s party, the National League for Democracy , has won a landslide ...
    BJP's Bihar defeat a vote against ‘intolerance’
    Published: Nov. 12, 2015 by Anto Akkara
    BJP supporters gather in Amethi, Uttar Pradesh, in May 2014 to listen to Narendra Modi speak shortly before his election victory.
    Indian Prime Minister Narendra Modi's visit to the UK – a first visit by an Indian head of state for ...
    Fleeing Boko Haram – nowhere to run, nowhere to hide
    Published: Nov. 12, 2015
    37 Assyrian Christians released in Syria
    Published: Nov. 9, 2015
    India: village church attacked, Christians hospitalised
    Published: Nov. 6, 2015
    Global Church meets to seek unity in face of persecution
    Published: Nov. 6, 2015
    UN report focuses on children’s rights
    Published: Nov. 5, 2015
    Pakistan NGO tackles demeaning low-caste word for ‘Christians’
    Published: Nov. 2, 2015


Il 666, G7, 322, contro Mosca. tutte le menzogne e le minacce di un Occidente senza il senso del pudore! "L'annessione della Crimea è una minaccia".
[ i massoni europei hanno deciso di realizzare la guerra mondiale, perché hanno fatto il golpe ed impediscono al popolo ucraino di andare a votare.. sono loro che hanno messo in pericolo la struttura difensiva della Russia e non viceversa] Al Bundestag, "è una sfida che dobbiamo affrontare". 13 marzo, Ucraina: Merkel, periodo con fiato sospeso #BERLINO, "Temo che, vivremo un lungo periodo con il fiato sospeso. Ma è una sfida che dobbiamo affrontare": lo ha detto Angela Merkel parlando al Bundestag. "In gioco c'è il rispetto dei principi della Nazioni Unite", ha aggiunto.
Ucraina: se sanzioni Russia risponderà
Nuove esercitazioni militari russe vicino confini con Ucraina
13 marzo, 12:27 [ Quindi è la CIA che ha fatto il golpe in Ucraina se FBI, indaga su tutto ma, non su chi ha pagato i cecchini che hanno ucciso le persone! ] Arrestato oligarca vicino a Ianukovich. A Vienna, nell'ambito di un'inchiesta dell'FBI. 13 marzo, Arrestato oligarca vicino a Ianukovich #VIENNA, E' stato arrestato nella notte a Vienna l'oligarca ucraino Dmitry Firtash, vicino al presidente Viktor Ianukovich. Lo ha annunciato l'agenzia di stampa austriaca APA. La polizia ha spiegato che l'arresto è avvenuto nell'ambito di un'indagine dell'FBI. Rogozin: bisogna creare "le misure di risposta" all'Occidente
Il vice primo ministro Dmitry Rogozin giovedi ha deciso di riunire i capi di importanti gruppi industriali del Paese per progettare le misure di risposta ai Paesi occidentali che minacciano la Russia di sanzioni economiche, ha scritto il politico nel suo microblog su Twitter.
"Per superare le possibili sanzioni dell'Occidente e sviluppare risposte oggi si riunisco i capi di importanti gruppi industriali", si dice nel comunicato.
In precedenza Rogozin ha dichiarato la necessità di un ri-armamento dell'esercito russo alla luce delle minacce degli Stati Uniti e della NATO.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_13/Rogozin-bisogna-creare-le-misure-di-risposta-allOccidente-7804/

Mo: Kerry, sospetti da entrambe le parti. Accordo "difficile ma possibile"
13 marzo, 10:31 [ sospetti? la sharia è il genocidio del genere umano. è il vero terrorismo dei Boko Haram e di tutti i maleddedetti assassini seriali sotto gida Onu Amnesty. se non rinunciano alla sharia?, devono essere sterminati! ]
Mo: Gaza, razzo esplode in area Ashqelon. Ban Ki-moon condanna "con forza" lancio razzi. 13 marzo, #TEL AVIV,  (ipocrita Ban Ki-Moon, lui deve condannare la sharia, che arma la mano omicida, saudita, in tutto il mondo! ) Un razzo lanciato da Gaza è esploso nell'area di Ashqelon, dove poco fa sono risuonate le sirene di allarme. Non è chiaro al momento - riportano i media - se sia caduto in un'area aperta o in una residenziale. Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha condannato oggi "con forza" i razzi lanciati dalla Striscia contro Israele che hanno provocato la reazione dell'Esercito dello Stato ebraico.
La notte di giovedì gli aerei militari israeliani hanno colpito alcuni bersagli nella Striscia di Gaza in risposta al bombardamento massiccio del suo territorio da parte dei palestinesi, comunicano i media arabi, riferendosi ai testimoni palestinesi.
Sono state colpite le basi dell'ala armata dell'organizzazione Jihad islamica palestinese, che ha rivendicato l'attacco missilistico dell'Israele.
Ieri il Premier israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che Israele reagirà "in modo molto deciso" all'attacco.


sarà un altro christian Dhimmi, condannato a morire dall'ONU Amnesty, LEGA ARABA merda, senza libertà di Religione, merda, sistema massonico Bildenberg, per realizzare la UMMA imperialismo sharia nazi. [ il destino che aspettava quel ragazzo in Pakistan? era comunque la morte! ]. Ruba pistola a poliziotto e si suicida davanti Questura. Afghano di 21 anni, doveva rinnovare permesso soggiorno. 12 marzo, Agenti di polizia all'esterno della Questura dove un giovane afghano di 21 anni ha rubato la pistola ad un poliziotto, e si e' sparato in testa. Ruba pistola a poliziotto e si suicida davanti Questura
(di Francesco De Filippo) #TRIESTE, Si è avvicinato a un poliziotto lasciando il proprio posto in fila nell'affollato atrio della Questura, gli ha sottratto la pistola, lo ha spinto facendolo cadere e, prima di scappare, gli avrebbe rivolto contro l'arma. Poi è fuggito, tra la gente spaventata, inseguito da un ispettore. Fatti pochi metri, ha messo il colpo in canna ed ha sparato, prima contro una chiesa poi alla propria testa. E' morto in serata all'ospedale di Cattinara, dove era ricoverato. Protagonista della vicenda è un giovane afghano di 21 anni, forse affetto da squilibri psichici. Solo dai filmati delle telecamere di sicurezza si potrà capire se il giovane ha puntato la pistola contro i due poliziotti, ed eventualmente capire se intendeva sparare ma lo ha fermato il fatto che fosse innestata la sicura. Ma si tratta di un elemento secondario nella vicenda, che dovrà essere approfondito dagli investigatori. I quali dovranno sentire anche l'agente al quale è stata sottratta la pistola, che è stato portato in ospedale per leggere contusioni. La vicenda ha sconvolto la città giuliana. Il giovane afghano era stato preso in carico dal Consorzio Italiano di Solidarietà di Trieste dopo che era stato rintracciato in strada, in ottobre. Aveva chiesto asilo, ottenendo un permesso di soggiorno per motivi umanitari, scaduto ieri. Per questo oggi è andato in Questura, voleva chiederne il rinnovo. Qualcosa, però, è scattato nella sua mente, forse già da giorni in uno stato di eccitazione, secondo quanto si è appreso. E da accertamenti risulta che avesse già manifestato intenti suicidi. ''Un dramma della disperazione'', lo ha definito il questore, Giuseppe Padulano, che "poteva avere ripercussioni ben peggiori perché in quel momento nell'atrio e nei pressi della Questura c'erano molte persone''. Padulano ha lodato gli agenti: ''Si sono subito resi conto, con sangue freddo, che non potevano intervenire con le armi da fuoco proprio a causa della folla''. Certo, il ragazzo conosce l'uso delle armi: alla fine della corsa ha tolto la sicura ed ha scarrellato mettendo il colpo in canna. Un'operazione che, in un momento di grande concitazione, non è così automatica. Anche in questo caso, c'è un aspetto sociologico inquietante: un video completo di quanto avvenuto sarebbe stato girato con un telefono cellulare da un testimone che l'avrebbe caricato su Facebook.

[tutta la follia di una religione imperialistica per la conquista del mondo attraverso lo strumento del genocidio sotto egida ONU Farisei Amnesty Bildenberg USA UE, massoni satanisti di merda! ] Afghanistan: uccisi 3 attivisti politici. Erano sostenitori del candidato presidenziale Abdullah Abdullah.

Gaza: assassino terrorista Abu Mazen, dice: " stop escalation militare!" ma, questo è nei fatti sono i terroristi che si devono fermare di aggredire Israele, con strumenti sempre più moderni e sofisticati. 13 marzo, #RAMALLAH, Il presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas) ha esortato oggi Israele a fermare "l'escalation militare contro la Striscia di Gaza assediata": lo ha detto il suo portavoce citato dall'agenzia ufficiale palestinese Wafa.

12 marzo 2014, [ tutte le vittime dei cecchini Bush 322 Kerry ]
Negli ospedali di Kiev ancora 173 ricoverati dopo gli scontri a Maidan
Oltre 170 feriti a seguito degli scontri a Kiev rimangono ricoverati negli ospedali della capitale ucraina, riferisce oggi il ministero della Salute del Paese.
"Dai luoghi dove sono avvenuti gli scontri nel centro di Kiev si erano rivolti alle squadre di assistenza medica e agli ospedali pubblici 1.241 feriti, 812 dei quali erano stati ricoverati in ospedale. Sino ad oggi 12 marzo 2014 si trovano ancora ricoverati nelle strutture sanitarie della capitale 173 persone," - si legge nel rapporto.

[ il potere della mediazione, contro, il potere della congiura internazionale, il monopolio massonico delle NetWork TV satellite, un solo universo di bugie a senso unico] 12 marzo 2014, Il presidente del Venezuela Maduro diventa conduttore radiofonico.
Il capo di Stato del Venezuela ora conduce un programma radiofonico chiamato "In contatto con Maduro." La prima trasmissione è avvenuta ieri.
Secondo le idee del presidente, il nuovo format di comunicazione con i cittadini del Venezuela permetterà di discutere dei problemi urgenti del Paese, di rispondere rapidamente alle critiche dell'opinione pubblica e di commentare in diretta l'attualità.
Nicolas Maduro ha anche rilevato che le trasmissioni radiofoniche saranno disponibili anche sulle sue pagine nei social network, in modo da raggiungere un nuovo livello di comunicazione e interazione con i venezuelani.
Maduro ha anche riferito di aver creato una pagina personale su Facebookdove i suoi interventi possono essere letti in diverse lingue.

Since Ayatollah Ali Khamenei's warning in 2010 of the ever-expanding influence and numbers of house churches, the treatment of Christians has rapidly worsened. The regime tries to destroy those who reach out to converts and seekers by monitoring services, arresting converts, banning Farsi language services and closing some churches. Attacks against Christian communities have increased, and the prohibition of house church activities is enforced more strictly. Yet the regime's harsh treatment of Christians only further fuels the flames of church growth.
PRAY: Preaching, evangelism and publishing Christian books in the Farsi language is illegal. Pray for protection for those seeking to spread God's Word inside the country.
 It is said that children of political and spiritual leaders are leaving Islam for Christianity. Pray that more Muslims will discover the truth of the gospel.
 At least 40 Christians are in prison for their faith. Ask the Lord to sustain them.

Saudi Arabia. Christian Persecution in Saudi ArabiaThe open practice of any religion other than Islam is forbidden here, and conversion to another faith is punishable by death. Most Christians are ex-pats from Asia or Africa. During 2013, several Christian migrant fellowships were raided by police, and tens of worshippers detained and deported. Muslim-background believers run the risk of honor killing if their faith is discovered. Yet a small but growing number of Muslims are coming to Christ and sharing their faith on the internet and satellite TV.
PRAY: Widespread unemployment and increasing discontent amongst young people makes this a breeding ground for extremists. Ask God to halt the spread of extremist views.
 That more Muslims will meet Jesus through satellite TV or dreams and visions of Jesus.
 In 2013, two men were convicted of proselytizing, and were sentenced to a few hundred lashes and several years in prison. Pray for their release.

About Persecution
And you will be hated by all for my name's sake. But the one who endures to the end will be saved." Matthew 10:22
Persecution is defined as a policy or campaign to exterminate, drive away, or subjugate a people because of their religion, race or beliefs. According to The Pew Research Center, almost 75% of the world's population lives in areas with severe religious restrictions. Many of these people are Christians.
So, who are the 75%? Where are Christians facing persecution?
Persecution occurs whenever believers are denied the protection of religious freedom, prevented from converting to Christianity because of legal or social threats, physically attacked or killed because of their faith, forced to leave their job or home because of the threat of violence, or imprisoned and interrogated, and often tortured for refusing to deny their faith.
Christians face persecution in more than 60 countries around the world. Each year, Open Doors ranks the top 50 countries where Christians are persecuted in the annual World Watch List. You can learn more about Christians who are persecuted (and how you can help them) here at: http://www.worldwatchlist.us
It can be disheartening to learn that so many Christians are being persecuted for their faith. But it is key to remember that Christ was persecuted and suffered- to the point of death on the cross. He tells us that if we follow Him, we will be persecuted (John 15:18-21).
In 1 Corinthians 12:26, the apostle Paul talks about Christians (as the Body of Christ) facing persecution:
"If one member suffers, all suffer together; if one member is honored, all rejoice together."
Though we may not face persecution, we are called to be united with the part of the Body of Christ that does face persecution daily. The most important way to unite with our brothers and sisters who do face persecution is through prayer.
Romans 15:30 says, "I urge you, brothers and sisters, by our Lord Jesus Christ and by the love of the Spirit, to join me in my struggle by praying to God for me."
One Nigerian widow said, "I didn't know that anyone outside of Nigeria knew what was happening to us Christians. Now that I know that others are praying, I am greatly encouraged."
You can learn more about praying for persecuted Christians, and sign-up for free resources at:
http://www.opendoorsusa.org/pray/prayer-updates/.
*Definition from Random House Dictionary

Egypt Pressure is increasing both on Egypt's indigenous Coptic community and on those who come to faith from a Muslim background. Muslims who convert to Christianity have long faced persecution from family members, who punish them for abandoning the Islamic faith. But in recent years, Egypt's historical Christian communities have increasingly been targeted, as well. In August 2013, following the ousting of President Morsi, the Muslim Brotherhood was responsible for the burning of 38 churches and the damaging of 23 churches, in an upsurge in sectarian violence against Coptic Christians.
PRAY Muslim-background believers face severe limitations within their homes and extended families. Pray for strength to persevere despite the challenges.
 Islam is gradually taking over the country's culture. Pray that Christians will have courage to continue to be a light to their nation.
 For Egypt's political leaders. Pray that political and economic stability will be restored.

Christian Persecution in AfghanistanThe situation in the country remains unstable, and Islamic extremist groups continue to gain power. Christianity is still considered a 'Western' religion, and is seen as hostile to Afghan culture, society and Islam. Those who leave Islam are treated as apostates, and face huge pressures from family, society and local authorities. In September 2013, an Afghan MP called for the execution of converts to Christianity. There is no public church, even for ex-pats. Christian converts keep their faith secret, since any connection with Christianity is dangerous.
PRAY:
 All Afghan Christians come from a Muslim background, and are at risk if their faith is discovered. Ask God to protect and encourage them.
 The Taliban continues to threaten and attack Afghan citizens. Pray that their influence will diminish.
 That the withdrawal of international forces in 2014 will not lead to a return to civil war.
Pakistan's Christians are caught in the crossfire between Islamic militant organizations that routinely target Christians, and an Islamizing culture that leaves Christians isolated from the rest of the population. The notorious blasphemy laws continue to have devastating consequences for minorities, including Christians. Women and girls from minority groups are particularly vulnerable, and sexual assaults against underage Christian girls by Muslim men continue to be reported. In September 2013, a twin bomb attack on Anglican All Saints Church in Peshawar left 89 people dead.
PRAY:
 Many Christians who can afford to are leaving the country. Ask God to give His people courage to remain as a witness to their nation.
 For the newly elected Prime Minister. Ask God to move him to take action to defend the rights of Christians and other minority groups.
 For protection for young Christian girls who are particularly at risk of abduction or assault.
Nigeria 2014 - Nigeria
Christian Persecution in NigeriaLevels of violence against Christians in 2013 remained extremely high, with hundreds of cases of physical aggression, the destruction of nearly 300 churches and the death of 612 Nigerian Christians. Pentecostal leader, Rev. Faye Pama Musa, was shot dead by two suspected Boko Haram members. However, violence from this Islamic terrorist group is not the only form of persecution. Local government and social groups leave hardly any space for Christians to live their own lives; many Christian villages are denied basic facilities, such as wells and schools.
PRAY: For God's Spirit to be at work, comforting families who have suffered trauma or loss.
 Thank God for the generous gifts of Open Doors supporters to widows and orphans.
 For the protection of the Open Doors team as they take Bibles, relief and training to believers in need.

Catching Our Eye
Malatya murder suspects out of jail

As expected, the five men suspected of killing three Christians in Malatya, Turkey, nearly seven years ago have been released from jail as their trial continues.

The Malatya First High Criminal Court released the suspects March 8 in response to a new law, which took effect last week, that reduces the amount of time suspects awaiting trial can be held from 10 years to five. The Malatya murder suspects had been detained since the day of the killings in April 2007.

Radio Shema, a Christian broadcast ministry in Ankara, issued a statement March 11 saying the suspects are under house arrest and have been fitted with tracking beacons.

A verdict in the long-running trial is expected April 10.

Source: Today's Zaman
Kidnappers release Syrian nuns

A group of nuns kidnapped in Maaloula, Syria, in December were released early Monday, tired but unharmed.

"God did not leave us," Mother Pelagia Sayyaf, superior of the Mar Takla monastery in Maaloula, told news reporters after the nuns had been released to Syrian authorities as part of a prisoner exchange involving 150 women and children who had been held by the Syrian government.

Sayyaf said she and the other nuns and their attendants were well treated during their captivity in Lebanon. "The [al-Nusra] Front was good to us... but we took off our crosses because we were in the wrong place to wear them,'' she was quoted by the BBC as saying.

The al-Nursa Front, a jihadist group affiliated with al-Qaida, is believed to have abducted the women.

Source: BBC
'Allah' verdict postponed

Malaysia's Federal Court has reserved judgment on a Catholic newspaper's application to appeal against a ban on the use of the word 'Allah' in its publication.

In a case which started in 2008, The Herald appealed to the Federal Court after the Court of Appeal's Oct. 2013 decision to ban the newspaper from using the word to refer to the Christian God.
No date has been set for when the Federal Court will again consider its judgment.
The case has potential wider repercussions for all Christian publishing, although it is still not clear what implications any judgement might have for Christian worship and other practices in Malaysia.

Nigeria's churches will not stay silent during violence, leader says
Published: March 12, 2014
Boko Haram attacks continue in north, killing dozens
. on redditMore Sharing Services4
Nigeria's largest church network is calling on the country's president for more protection from Boko Haram attacks.
The president, meanwhile, is calling for more prayer.
"We will not keep silence amidst persecution Christians are facing," Rev. Ayo Oritsejafor, president of the Christian Association of Nigeria, told World Watch Monitor on March 7.
"The killings in Northern Nigeria are condemnable and act of wickedness to humanity," Oritsejafor said. "It is unfortunate that worshippers are being killed in their homes and places of worship. We are not happy with this trend and will continue to pray to God to bring an end to this excruciating situation we are going through in Northern Nigeria."
Deadly attacks have been carried out on an almost daily basis in central and northern-eastern States of Nigeria. On the night of March 8, three churches were burnt down to ashes in an attack attributed to Boko Haram in Fota town, in the Gombi Local Government area of Adamawa state.
The attackers, suspected to be from the militant Islamic Boko Haram insurgency, also burnt down a police station and killed seven police men before moving to the churches, said Rev. Lawrence Dim, a Catholic priest in the area.

"Many of the people have fled the area, but [the attackers] burnt down three churches: there is EYN and LCCN Churches and one other church. They also injured some people and killed some," Dim told World Watch Monitor, though he did not estimate the number of victims.

On Feb. 26, at least 14 people were killed in coordinated attacks by heavily armed Boko Haram fighters on Kirchinga, Michika and Shuwa villages in Adamawa State. Many properties including three Catholic churches were set on fire. More than 400 were killed in Borno, Adamawa and Yobe states in February.

In Central Nigeria, widely called the Middle belt, the predominantly Christian Berom community has sustained heavy lost following increasing attacks by suspected Fulani herdsmen.

Eighteen people, most of them women and children, were killed on March 4 and 5 in four villages — Dorok, Gwon, Gwarama, and Gwarim; all in the Riyom Local Government area of Plateau State. Among the victims were eight people of the same family. The assailants, wearing military-style uniforms and armed with sophisticated weapons, burnt more than 200 houses, churches and other places of prayer.
According to one survivor, who identified himself as Peter Daniel, the attackers vowed to annihilate residents who returned back to their villages.
Across Plateau state, at least 163 people have been killed in attacks by suspected Fulanis since the beginning of the year. Each wave of violence brings renewed criticism, from the Christian Association of Nigeria and other quarters, that Nigerian security forces are not doing enough to stop the killings.

Of Nigeria's estimated 160 million people, about 70 million are Christians. The CAN is their most representative umbrella group, comprising notably five major denominational groups: the Catholic Church in Nigeria, the Christian Council of Nigeria, the Christian Pentecostal Fellowship of Nigeria, the Organization of African Instituted Churches, and the Evangelical Church Winning All.

Rev. Oritsejafor, the CAN president, appealed to government and security agencies to be proactive towards protecting lives and properties, and to prosecute the perpetrators.

On Feb. 5, Nigeria President Goodluck Jonathan sacked his army chiefs, replacing them with new generals with orders to crush Boko Haram. More recently, a presidential spokesman acknowledged the conflict with Boko Haram is a "war situation" and that the army is dealing with a "serious enemy."

On March 9, President Goodluck Jonathan called for more prayer to defeat the insurgency.

"We need more prayers to end terrorism. With prayers and the measures put in place, we will surmount the challenges", the president said in a speech at the opening session of the Catholic Bishops Conference of Nigeria, in Abuja, the federal capital.

The government's inability to put down the Islamist surge has raised widespread criticism from religious and political leaders. Violence is expected only to increase as federal elections scheduled for February 2015 approach.

The 2011 election Jonathan, a Christian from Nigeria's south, prompted unprecedented violence across the largely Muslim north in which at least 170 Christians were killed, hundreds were injured and thousands displaced, and more than 350 churches were burned or destroyed by mobs.

Is conflict in Nigeria really about persecution of Christians by radical Muslims? Published: June 24, 2013
New report coincides with President's claim: 'More Muslims than Christians killed'.
St Rita's Catholic Church in Kaduna, north-central Nigeria, after a suicide bomb attack in October 2012.St Rita's Catholic Church in Kaduna, north-central Nigeria, after a suicide bomb attack in October 2012.

World Watch Monitor
Nigeria's President Goodluck Jonathan was reported last week to have said that statistics show that more Muslims than Christians have been killed by Boko Haram.
Speaking at his Presidential villa in the capital at the opening meeting of the Honorary International Investors' Council, led by UK Baroness Lynda Chalker (a former Secretary of State for International Development), he is reported to have said: "Initially, people thought the insurgency is about religious issues, but the pattern of attacks shows clearly that it has nothing to do with religion. Just as there are threats to churches, so also there are threats to mosques.

"They attack everywhere, killing Muslims and Christians. Even more Muslims have died in the conflict than Christians have. So the groups, whether political or whatever interest have external influence, considering the issues of Al Qaeda.

"Basically, it goes beyond religious issues. They are terrorists that have decided to destabilise the country for some reasons, sometimes it could be Western influence, governance issues and so on. They are terror groups that are not representing any religion."

The Christian Association of Nigeria (CAN) has refuted his assertion. Its spokesman Sunday Oibe responded: "Our attention has been drawn to a purported claim by President Goodluck Jonathan that the Boko Haram insurgents in the north have killed more Muslims than Christians and that it is not a religious issue.

"The purported statement by Mr. President is highly disappointing considering the fact that Christians and their churches and businesses have been the major targets of the Boko Haram terror group.

"We want to believe that the President was misquoted… If it is true that Mr. President actually made this assertion, then we are highly disappointed and sad at this veiled attempt to distort the facts as it concerns the activities of the Boko Haram sect.
Nigeria President Goodluck Jonathan during 2011 Commonwealth Heads of Government Meeting in Australia.Nigeria President Goodluck Jonathan during 2011 Commonwealth Heads of Government Meeting in Australia.
"We say this because there has never been any bomb that has been exploded in any mosque or targeted at any mosque in the entire activities of the Boko Haram sect in the north. The Boko Haram members even said that when a Muslim is killed, it is by mistake".

A new paper, produced for the World Watch List by a Nigerian researcher who prefers to remain anonymous for security reasons, argues that the situation in Nigeria is a classic example of what could be referred to as persecution eclipse.

This is a situation, writes the author, whereby persecution and civil conflict overlap to the extent that the former is in a real or imaginative sense overshadowed or rendered almost invisible by the latter.

The paper argues that persecution eclipse minimises, overlooks or denies the suffering of a victim of persecution; encourages a causal analysis that provides vicarious justifications for the perpetrators' actions; shifts the focus of interrogation from religious freedom violations to conflict analysis; and embraces an instrumental view of conflict in which religion assumes an insignificant place in the analysis.

The concept of persecution eclipse is proposed to show how religious freedom itself can become a casualty in a situation where genuine persecution becomes lost in a murky debate.

The author distinguishes two broad categories of persecution that Christians in northern Nigeria experience: insidious persecution (typified by the daily experiences of harassment, exclusion and discrimination of many Christian minorities in the region) and elevated persecution, a more lethal form of persecution, based on outright violence.

"The majority of conflicts reported in international media as 'clashes' between Muslims and Christians in actual fact have been one-sided violence against Christians."

--World Watch List
The author claims that insidious persecution has been occurring for years, and that while elevated persecution used to be sporadic, it has become entrenched very visibly in recent years.
Civil unrest obscures religious persecution and can itself be a vehicle for persecution, the author claims, through its negative impact on the stability of society and the way it encourages Islamist groups to violently pursue their religious agenda.

"Inter-religious conflicts [relating to] the struggle over power and resources are endemic in Nigeria," writes the author. "These conflicts have been used as vehicles to pursue the objectives of persecution and to widen its scope. In order to misinform the outside world, perpetrators have learned to invent narratives that conceal the nexus between persecution and conflict, and engage in propaganda using mainstream and social media."

Another dimension of this misinformation, he argues, is that "the majority of the incidents of conflicts that have been reported in the international media as 'clashes' between Muslims and Christians in actual fact have been one-sided violence against Christians."

This report makes many interesting observations, but it doesn't investigate them in depth. However, the author has laid the groundwork for a more detailed investigation, on which others can build.
N. Korea to execute 33 for missionary work
Published: March 10, 2014
Government claims they were building a network of underground churches

A 2009 photo of a North Korean women's prison camp, near the border with Dandong, China.A 2009 photo of a North Korean women's prison camp, near the border with Dandong, China.

Courtesy Open Doors International
North Korea has ordered the death of as many as 33 people because of their alleged contact with a missionary, South Korea's largest news organization has reported.

The 33 North Koreans are charged with attempting to overthrow the regime by setting up 500 underground churches, according to the South Korean newspaper Chosun Ilbo, which cited an unnamed source. The newspaper said they are accused of working with Kim Jung-wook, a South Korean arrested by North Korean authorities in October on suspicion of trying to establish underground churches.

The executions will be carried out in a secret location administered by the State Security Department, Chosun Ilbo reported.

Kim, a Baptist missionary, appeared on North Korean television on Feb. 27 and said he was working at the direction of the South Korean National Intelligence Service, and that his goal was the collapse of the Pyongyang regime. It's unknown whether Kim's TV appearance will earn his release.

During the same television broadcast, North Korean authorities showed recorded interviews with five North Koreans who said Kim had provided money to them, Chosun Ilbo reported. The news agency did not say whether the five shown on the broadcast were among the 33 who had been arrested. It did report, however, that they said Kim vowed, after toppling the regime, to build a church on the Pyongyang spot where today a statue of North Korean founder Kim Il-sung stands.

It's not known how many of the 33 arrested people are Christian.

Kim was arrested in the North last October for allegedly establishing underground churches. Chosun Ilbo cited an unnamed source from China as saying North Korean agents kidnapped Kim in the border city of Dandong, China, and took him into North Korea.

North Korean leader Kim Jong-Un has ordered "unclean elements" from the country. Last year, his uncle and mentor Jang Song-Thaek was executed. Jang's children, brothers and grandchildren were killed shortly thereafter.

The sentencing of the 33 North Koreans came a day after Australian missionary John Short arrived in China after being detained for several weeks in North Korea for leaving Christian pamphlets in a Buddhist temple. North Korea's state news agency, KCNA, said Short had apologised and admitted violating North Korean laws. According to KCNA, North Korea expelled Short, 75, partly in consideration of his age.

American missionary Kenneth Bae remains imprisoned in North Korea following his November 2012 arrest while leading a tour group. Prosecutors alleged Bae was planning a coup by setting up bases in China, encouraging North Korean citizens to bring down the government, and waging a smear campaign. Despite apparent ill health and diplomatic pressure to release him, Bae continues to serve a 15-year sentence.
"The ashes whirled over the road we walked every day. Each time my feet crunched, I thought: 'One day the other prisoners will walk over me.' "

--North Korean refugee and former labor-camp prisoner
Christians estimated to number in the tens of thousands are held in North Korea's prisons and labor camps. Last week, one survivor of a three-year interment described to World Watch Monitor the conditions of the camp where she was imprisoned. Her name is being withheld because of her fears that the North Korean government might retaliate against family still living in the North.

The woman said she and several others were arrested a decade ago for fleeing North Korea, and were returned to North Korea and sent to prison.

"These escapees betrayed me and told the police I had taught the Bible to them," the woman told World Watch Monitor. "I had been beaten during the first interrogations, but now the torture became worse. The guards put a rod between my knees and pushed me down. I told God I could not take the torture anymore and prayed He would guard my lips so I would not deny Him."

After almost a year in different prisons, the woman was sent to a labor camp for nearly three years.

"The walls of our barracks were bloodstained, because we killed as many fleas and lice as we could," she said. "We received only a few spoons of rotten corn meal each. The soup we ate was usually just dirty water. If we were thirsty and wanted extra water, we needed to steal it from the nearby stream, which was polluted by the garbage of the guards."

The death rate was so high that bodies stacked up outside the crematorium, she said.
"Sometimes, they rotted for days in sheds before they were disposed or burnt. The ashes whirled over the road we walked every day. Each time my feet crunched, I thought: 'One day the other prisoners will walk over me.' "

If there were other Christians in the camp, they didn't reveal themselves.
"Nobody spoke about their faith in the camp," the woman said. "Besides, I was lucky enough to be sent to a re-education camp, and I was eventually released. Most Christians are put in so-called total-control zones. Political labor camps.

"Nobody is ever released from there." Anti-religion hostility rose worldwide in 2012, study says Published: January 15, 2014. Growth most rapid in North Africa, Middle East on reddit More Sharing Services9
The world became generally more hostile to religious believers of all faiths, Christianity included, in 2012, according to a major annual report issued Jan. 14.
Christians were harassed in more countries than followers of other faiths, though pressure on Muslims and Jews was widespread globally, according to the study, conducted by the Washington, D.C.-based Pew Research Center.

The report, now in its sixth year, measures constraints on religious freedom in two major categories: social hostilities and government restrictions. It surveys conditions in 198 countries, encompassing 99 per cent of the world's population.
Social Hostilities

A third of the world's countries had high measures of social hostilities in 2012, the highest level recorded in the study's six-year history. Pew defines social hostilities as ranging from terrorism and mob violence to harassment over religious attire.

Nearly half of all countries reported abuse of religious minorities by individuals or groups who took offense at, or felt threatened by, the minority. In the first year of the study, less than a quarter of all countries reported such abuse.

Violence, or the threat of it, against religious minorities to enforce religious norms was reported in 39 per cent of countries, compared to 33 per cent a year earlier and 18 per cent in the first year of the study.

The report said 2012 growth of social hostilities was especially rapid in Northern Africa and the Middle East, and was highest in Pakistan.
Government restrictions

High rates of official limits on religion were found in 29 per cent of the countries, about the same as the previous year. Pew examines 20 indicators of government control, including bans on specific faiths, restrictions on conversions, and preferential treatment to certain religions, among others.

Increases were detected among several of those 20 measures. Government limits on worship were citied in 74 per cent of countries, up from 69 per cent in 2011. Restrictions on public preaching were found in 38 per cent of countries, up from 31 per cent. And government force, such as arrest and prosecution, was documented in 48 per cent of the world's countries, up from 41 per cent.

Egypt ranked highest on the report's list of government restrictions.

Taking both categories — government restrictions and social hostility — into account, high levels of overall religious restrictions were reported in 43 per cent of the world's countries, the highest ever recorded by Pew. In all, three-quarters of the world's population lives under high levels of restrictions, according to the report.
The Christian experience

The Pew Center report concerns itself with all religions, not Christianity alone. It did say, however, that Christians in 2012 were harassed in more countries, 110, than any other single religion. Muslims were harassed in 109, and Jews, 71. Since the report began in 2007, Christian harassment has been reported in 151 countries, and harassment of Muslims in 135.
About the report

The Pew report released Tuesday covers 2012. It doesn't take into account momentous developments in 2013, such as the ouster of Muslim Brotherhood leader Mohamed Morsi from Egypt's presidency and the subsequent violence against Coptic churches across Egypt; or the anarchy and deadly Muslim-Christian violence in the Central African Republic; or the continued exodus of Christians from Syria and much of the Middle East; or the bombings in Peshawar, Pakistan, that killed scores of Christians.
Pew also excludes North Korea from its study, citing the inability to obtain reliable data from, or about, the reclusive country.

Data for the report is drawn from 18 public information sources, most published by national governments, the United Nations, European Union, and non-government human-rights organizations.

ISLAMABAD, 12. Ancora sangue sulla campagna antipolio in Pakistan. Ieri due poliziotti, che faceva da scorta ad alcuni volontari impegnati nelle vaccinazioni, sono stati uccisi in un'imboscata tesa da un gruppo di miliziani. L'attacco è stato compiuto nella città di Dera Ismail Khan, nel nord-ovest del
Paese. Come hanno riferito fonti locali, gli agenti stavano ritornando da un servizio di scorta a un team di volontari che avevano vaccinato Pakistan uccisi due agenti che scortavano i volontari Ancora sangue sulla campagna antipolio i bambini di un villaggio quando sono stati attaccati da un gruppo di uomini armati. Gli assalitori si sono poi dileguati. Il Pakistan, insieme all'Afghanistan e alla Nigeria, è uno dei tre Paesi nel mondo in cui la poliomielite non è stata ancora debellata. Secondo le stime fornite dall'organizzazione mondiale della sanità (Oms), nel 2013 sono stati registrati
novantuno casi di contagio in Pakistan, soprattutto nei territori tribali del nord-ovest: nel 2012 i casi riscontrati erano stati cinquantotto. Le vaccinazioni sono fortemente ostacolate dai talebani che anche su questo fronte intendono, con attacchi e imboscate, bloccare i progressi del Paese minandone il tessuto umano e sociale. I primi di marzo i miliziani avevano compiuto un altro attacco contro gli operatori della campagna antipolio, nel distretto di Khyber: undici poliziotti che facevano da scorta e un bambino erano rimasti uccisi.




Intelligence Afghana. sotto attacco KABUL, 12. Una base dell'intelligence
afghana a Kandahar, nel sud del Paese, è stata attaccata questa mattina da un gruppo di miliziani. Tre attentatori suicidi (indossavano giubbotti con
esplosivi) hanno assaltato il compound, tentando di entrare nella base, ma sono stati bloccati dalle forze di sicurezza locali. I tre attentatori sono stati uccisi prima che potessero raggiungere il loro obiettivo, hanno affermato, in un comunicato, fonti della base dell'intelligence. Ieri era stato ucciso in pieno giorno a Kabul, con un colpo alla testa, un giornalista svedese, Nils Horner, 51 anni: lavorava come corrispondente per la radio nazionale svedese. Un testimone ha raccontato di aver sentito un colpo di pistola e di aver visto due persone allontanarsi di corsa. Il giornalista era esperto di zone di guerra. Era già stato in Afghanistan per reportage sulla caduta del regime talebano nel 2001. Aveva lavorato anche in Iraq nel 2003, per seguire l'evoluzione del conflitto. Questa mattina l'omicidio del giornalista è stato rivendicato dal gruppo talebano denominato Fidai Mahaz.

Do Pakistani Taliban need an accord with the government?
The truce declared by Tehreek-e-Taliban Pakistan in early March and the reported negotiations with the Pakistani authorities once again raise the old questions : Is it possible to negotiate with terrorists, whosoever they might be?
Is not the truce just a tactical move aimed at giving respite toTaliban to regroup and launch a new offensive? Anyway, there is no reason to believe that they are willing to renounce forever the old methods of terrorist activities.
At the beginning of this week, the Ministry of Internal Affairs of Pakistan sent a letter to the heads of police departments of several provinces and the capital Islamabad. The letter cautions that the Pakistani Taliban and Al Qaeda have found a new target for terrorist attack, viz., the former President Pervez Musharraf, whose case on charges of treason is now being heard in court.
This comes amid seemingly incipient negotiations between the government and the Taliban. In early March, the Taliban announced a ceasefire, and last week Prime Minister Nawaz Sharif even had breakfast with representatives of the movement, which created a mixed reaction in the community, to put it mildly, says Boris Volkhonsky, expert at the Russian Institute for Strategic Studies.
The main question that should be answered for evaluating what is happening at present is: how sincere are the Pakistani Taliban in their desire to end the violence, and is the truce and the start of negotiations not just a tactical move giving them the necessary breathing space before a new offensive? In addition, there is still no answer to another important question: to what extent do the leaders of the Taliban who declared their readiness to begin negotiations control the heterogeneous groups united under the "Taliban" umbrella?
The answers to these questions are rather disappointing. The very next day after the announcement of the truce, terrorists carried out a bloody attack in Islamabad that killed 11 people. This means that either the Taliban are not sincere in their desire for peace, or their leaders do not control the entire movement. Threats addressed to former President Musharraf can also be explained easily. General Musharraf, who had a reputation of being a fairly strong-arm leader, waged an uncompromising struggle against them. During his presidency the question about any negotiations with the terrorists did not even arise. And this terrorist movement has gained its current strength over the years of rule by perhaps the weakest leader in the history of Pakistan - Asif Ali Zardari.
The current Prime Minister Nawaz Sharif, who "inherited" the strengthened Taliban from his predecessor, found himself in a very difficult position, says Boris Volkhonsky. Levers of the power of pressure, which were in the hands of Musharraf, do not work so effectively now, and he has to resort to pacification, like it or not. But as the experience of the whole world shows, concessions to terrorists rarely lead to positive results. Often they only inflame and whet their appetites.
Of course, as the old adage goes, a bad peace is better than a good war. But if you look at the real business of the Pakistani Taliban and not at their peaceful declarations, we come to a disappointing conclusion. Apparently, they only need truce in order to create the appearance of willingness to participate in the political process. Nobody is thinking about renouncing terrorist methods as of now.


Jihadist International Is Coming
The extremist anti-government group "Jabhat al-Nusra" in Syria has merged with the group "Islamic State of Iraq" related to Al-Qaeda. This was stated by Abu Bakr al-Baghdadi, the leader of Iraqi militants. In his audio announcement, he says that the two groups will fight under the same name, the "Islamic State of Iraq and al-Sham".
Jabhat al-Nusra, which is based on foreign mercenaries, is known for its terrorism and violence against civilians. Earlier this group was only suspected of having connections with the Iraqi Al Qaeda. Now these connections are an ascertained fact.
It is particularly remarkable that the U.S has officially put both the Iraqi and Syrian groups on the list of terrorist groups. In words, the Western politicians condemn the methods used by the militants but in fact the Islamic extremists and the West are once again acting as allies, according to the analyst Evgeny Ermolaev.
"Recently, there was a great deal of talk in the West about the growing influence of jihadist groups connected with Al-Qaeda, not only in Syria but also in other Middle East countries. Even a catchy phrase "jihadist axis of evil" was coined in analogy with the "axis of evil", with which George W. Bush, Jr. associated Iraq, Iran and North Korea. Later, Deputy Secretary of State John Bolton added Cuba, Libya, and Syria to this axis. This verbal construction was purely a propaganda. The idea was to justify U.S. actions against states that were not acceptable to them.
Jihadist "axis of evil" is not a fabrication but a real phenomenon. However, America fights against this phenomenon only in words. That is at least strange for the government that declared the "global war on terror." In fact, the Iraqi or the Syrian rebels do not suffer any inconvenience from being included in the "black list". And this is despite the fact that everyone knows an approximate list of countries from which money for the gunmen can come. It is not difficult to track these cash flows, if desired, especially when the countries involved in this are close partners of the United States. The same can be said of the arms supply. However, the "war on terror", which previously the United States waged extremely selectively, disappears at all in the case of Syria. This fact confirms once more that the West and the Islamic extremist groups are again allies. And the militants, who like to call themselves "jihadists", are again leading the jihad for American interests in the region.
However, in recent weeks the European security services have openly expressed their anxiety over potential threats from jihadist mercenaries fighting in Syria. Is a split about to happen in the West over the tactics in Syria?
Victor Nadein-Raevskii, an expert, says:
The jihadist groups included in the "axis of evil" are interested not only and not so much in the expansion towards non-Muslim, for example, European countries. At this stage, their main goal is the Arab-ruled regimes. Not all, but those on which the finger is pointed as a permitted object. The jihadists consider the Arab regimes that are helping extremists as allies for the time being. Like the West, with which jihadists are now united by the common goals.
But this is a short-sighted policy of the sponsors of the jihadists. The history of the "terrorist empire of Osama bin Laden" has already demonstrated this. Intoxicated by blood and easy money, zealot extremists easily cross the limits initially set by their sponsors. This transforms them from a regional to a global problem. In recent past, the West has had to declare a "global war" against its former allies, who transgressed the outlined boundaries.
Now the history repeats itself, and it seems that the Europeans have begun to understand it. But the mechanism of Western support to jihadists is already running at such high speed that it is difficult to stop it. The Americans, at least, are not in a hurry to stop it.
As a result, the "jihadist international" is growing before our eyes. And it is hard to believe that the West and the conservative Arab regimes can limit the area of its influence to Syria alone, just as they were not able to confine the "al-Qaeda" in the borders of Afghanistan earlier. Consolidation of extremist networks of Syria and Iraq is only the first signal of major problems emerging for the world in future.