SPIONAGGIO INDUSTRIALE

SPIONAGGIO INDUSTRIALE, FATTO DA UNO STATO, per PROTEGGERE LA SUA SICUREZZA NAZIONALE, IN CASO DI CONFLITTO BELLICO, ecc .. è LEGITTIMO!  GLI USA SONO UN BULLISMO TOTALE, PERCHé LORO FANNO MOLTO DI PEGGIO, senza temere mai nessuna conseguenza ... 20/05/2014 CINA - STATI UNITI
Pechino, braccio di ferro con gli Usa sullo spionaggio industriale e telematico
Il governo americano mette nella lista dei "most wanted" cinque ufficiali dell'esercito cinese, accusati di furto di segreti commerciali e spionaggio. Pechino risponde con furia, convoca l'ambasciatore Usa e si ritira dal tavolo congiunto sino-americano per la sicurezza telematica. Dietro lo scontro, la lotta per la supremazia nell'Asia pacifico e la volontà di "ridimensionare" le mire cinesi.
per lo stesso motivo, la spia israeliana, che, è stata condannata all'ergastolo, deve essere liberata immediatamente, o deve avere una piccola pena accessoria! in realtà, non si possono condannare, le spie, che, non commettono reati penali, contro, la vita delle persone! .. perché, la colpa è sempre, di chi si è lasciato spiare, perché, non aveva difese adeguate! così, deve essere riconosciuto, il diritto di uno Stato a spiare un altro Stato.. questa è la REALTà, ed anche la giustizia, nei confronti dei satanisti americani, che sono avvantaggiati dalla tecnologia, in questo settore! le NAzioni non devono diventare facili prede del satanismo dei farisei anglo-americani! per vedere innalzate Satana Rothschild, sul mondo, anche, in modo formale!

ISRAELE NON HA NESSUNA POSSIBILITà DI SOPRAVVIVERE! ] 20/05/2014 [ Dio ha deciso di benedire potentemente, la Cina, per il suo odio contro, la religione cristiana, e per il suo amore, verso i cristiani ] [ le lobby massoniche di farisei, per derubare la sovranità politica e monetaria, sono riusciti a rovinare quasi tutto in Occidente! .. ecco perché Israele, che, comunque ed a dispetto di tutto, rappresenta, sempre, il REGNO di DIO, NON HA NESSUNA POSSIBILITà DI SOPRAVVIVERE! ] Zhejiang: more crosses and churches demolished. Domestic and official Churches persecuted. by Bernardo Cervellera. A Catholic Way of the Cross destroyed, domestic communities shut down and scattered. Officially, it is to “beautify” the city by destroying buildings held to be “illegal”. But the real reason is that it is an attempt to eliminate anything that contrasts the Party’s power and seize land for property development . Religions are the biggest threat to society (ie the Party ) . A Protestant minister : You can destroy a building, but not the church as a community. Rome (AsiaNews) - A source for AsiaNews in China has sent us a new list of crosses and religious buildings that have been demolished in the region of Zhejiang. After the destruction of the church of Sanjiang in Wenzhou, the campaign against crosses and buildings deemed to be overly flashy is gaining ground and targeting Protestants and Catholics buildings, of official and underground churches (see photo) . Among the photos there is also an ordinance ordering the closure of a local church and the prohibition on the faithful to gather. Two days before the bulldozers tore down the imposing (Protestant) church of Sanjiang, it was the turn of the Catholic shrine of Longgang, where authorities destroyed many statues that were part of the Way of the Cross, forcing the faithful to transfer the larger statues to a warehouse. The central pavilion, occupied by statues of Christ , the Virgin Mary and Saint Joseph was walled to hide the religious symbols from view. Also in this case the reason given was that the constructions are "illegal" . Since 2013 , when Zhejiang was slated to become a hub of economic development  by 2020, a campaign has been enacted to "beautify " the region by removing the illegal structures . The campaign is called the "Rectify Three, Demolish One" campaign intended to halt violation of building regulations,  a move to "make space for development. According to the provincial government these demolitions affect all communities and private dwellings without distinction . But it is a fact that the campaign is targeting mainly Christian sites . The faithful note that the demolition notices began to circulate after Xia Baolong , party secretary of Zhejiang earlier this year inspected a church in Baiquan and noted it had a cross that towered "too obviously", deeimg it offensive to the eye. On later seeing a forest of crosses in the skyline in other cities, he gave the order to " rectify " the situation. Since then, tearing down crosses , destroying statues and razing churches has become the Party's most conspicuous task. Crosses were torn down in Hangzhou, Yongjia county and in neighboring Anhui. The "advice" of the Party was not to position the crosses on the spire, rather at the foot of the building, on the walls, or even better, inside the church. The government defends itself by saying that all those crosses and demolished buildings violated building codes and that, before their forced destruction, the communities were given time to rectify the error. But the faithful denounce that the notice was imposibly short : the church of Sanjiang , only had 4 days for "rectification", in short, to destroy over 500 "illegal" square meters. The fact that the demolition of churches is part of a wider plan was clearly revealed by the Secretary Xia Baolong who, in an interview with Xinhua on the 17th of February, denounced thaat  "hostile forces of the West"had  infiltrated the Christian communities . And in July 2013 he warned the Party of Wenzhou against the influence of the underground community. Almost as if to confirm these "concerns", on 6 May the University of International Relations and the Academy of Social Sciences published a "Blue Book". It states that all religions pose one of the biggest challenges to national security and that "hostile western forces are infiltrating the religions of China". Ormai, soffocare le religioni, controllarle e demolire o ridurre i loro edifici fa parte di una campagna a livello nazionale.
In una delle foto che mostriamo nella sequenza legata a questo articolo, vi è un'ordinanza in cui le autorità ordinano la chiusura di una chiesa domestica sotterranea, che si radunava in un appartamento. E si esige: By now, the effort to suffocate religions, control or eradicate them and demolish their buildings has become a nationwide campaign . In one of the photos featured in the sequence linked to this article, there is a notice in which the authorities order the closure of an underground house church, which gathered in an apartment. The orders are as follows: 1) An immediate stop to all religious practices;
2 ) Removal of all religious objects from the building;
3 ) Dismissal of all participants in the services.
The same applies to several underground Catholic communities.
It seems that the Chinese government fear the prediction of some academics, that by 2025 China will be the country with the most Christians in the world, with about 165 million faithful. This "prophecy", based on socialogical projections was made by Yanggang Yang, a professor of sociology at Purdue University ( Indiana, USA).
The hostility toward Christians is not so much ideological, rooted as it were on the old Marxist schemes. It is fueled by economic reasons and lust for power: removing land and buildings from Christians to feed the hunger for space and building speculation; it reduces their visibility and unity and furthermore, avoids them becoming stakeholders in the play for power. Increasingly, in fact , Christians become human rights activists, engaged in civil society against corruption, oppression , violence , pollution, all the plagues that the Communist Party of China Xi Jinping said it would fight without having ever changed a thing, other than targeting political enemies.
It is worth noting that in 2003-2004 a campaign was launched in Zhejiang to demolish hundreds of churches . Since then, the community of Zhejiang and Wenzhou have grown even more and now the Christians are about 15% of the population of the city of 9 million inhabitants. Their strength lies in faith and not in buildings. One of them, Pastor Yang, commenting on the destruction of the church of Sangjiang said: " When it comes to our faith, the word jiaohui (church, congregation, fellowship) is not the same as jiaotang (church building). It may be possible to deal violently with a jiaotang, but not with the jiaohui. Christians shouldn't be so sad. Maybe this is a good time to reflect and wonder if we have put too much focus on church buildings. With this jiaotang now destroyed, we should focus our efforts on building the jiaohui".
 ·
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
8 minuti fa

20/05/2014 [ Dio ha deciso di benedire potentemente, la Cina, per il suo odio contro, la religione cristiana, e per il suo amore, verso i cristiani ] CHINA. Zhejiang: todavía cruces e iglesias demolidas. La Iglesia oficial y la domestica en la persecución. de Bernardo Cervellera. Destruido un Viacrucis católico, cerrada y dispersada la comunidad domestica. Las razones oficiales son el "embellecimiento" de la ciudad, eliminando las construcciones ilegales o impidiendo tales. Pero la verdadera razón es eliminar cuanto contraste con el poder del Partido y apoderarse de tierras para el desarrollo edilicio. Las religiones son la mayor amenaza para la sociedad (es decir, el Partido). Un pastor protestante: Pueden destruir un edificio, pero no la Iglesia como una comunidad. Roma (AsiaNews) - Una fuente de AsiaNews en China nos ha enviado un nuevo conjunto de cruces y edificios religiosos demolidos en la región de Zhejiang. Después de la la distrucción de la iglesia de Sanjiang  en Wenzhou, la campaña contra las cruces y edificios demasiado vistosas toma cada vez más terreno y golpea edificios protestantes y católicos, las iglesias oficiales y subterráneos (ver foto). Entre las fotos también hay una ordenanza que ordena el cierre de una iglesia local y la prohibición de los fieles a reunirse. Dos días antes de que las excavadoras masacraran a la imponente iglesia de Sanjiang (protestante ), fue el turno de la capilla católica de Longgang, donde las autoridades han destruido muchas estatuas del Vía Crucis, obligando a los fieles a la transferencia de las estatuas más grandes a un almacén. El pabellón central, ocupado por las estatuas de Cristo, la Virgen María y San José fue amurallada para ocultar de la vista de los signos religiosos. También en este caso, la razón que se da es que todas esas construcciones son "ilegales". A partir de 2013, cuando se determinó que el Zhejiang sería una zona de gran desarrollo económico en 2020, ha puesto en marcha una campaña para "embellecer" la región mediante la eliminación de las estructuras ilegales. La campaña se llama de las "tres revisiones y una demolición", indicando así el porcentaje de edificios para destruir, recuperando tierras que se utilizarán para un amplio desarrollo de la construcción. De acuerdo con los gobiernos provinciales las demoliciones afectan a todas las comunidades y lugares privados, sin distinción. Pero es un hecho que la campaña está dirigida principalmente a los sitios cristianos. La fieles han notado que los avisos de destrucción comenzaron a circular después que Xia Baolong, secretario del partido de Zhejiang a principios de este año, realizó una inspección y ha señalado en Baiquan una iglesia con una cruz que se elevaba de manera "demasiado obvia" y ofensivo a la vista. Viendo, pues en otras ciudades un horizonte de un bosque de cruces, dio la orden de "corregir" esa visión. Desde entonces, derribar las cruces, destruir estatuas y demoler las iglesias se ha convertido en el compromiso más visible del Partido. Las cruces fueron arrancados en Hangzhou, condado Yongjia y en la vecina de Anhui. El "consejo" del Partido es poner las cruces no en una torre, sino en el fondo, en las paredes del edificio, o mejor aún, dentro de la iglesia. El gobierno se defiende diciendo que todas esas cruces y edificios demolidos estaban más allá de las medidas del plan de desarrollo y que, antes de la destrucción forzada han dado a las comunidades tiempo para corregir el abuso. Pero los fieles se quejan de que el tiempo era demasiado corto: la iglesia de Sanjiang, para destruir más de 500 metros cuadrados "ilegales" ha tenido sólo 4 días para la "rectificación" espontánea. Que la demolición de las iglesias son parte de un diseño más grande es evidente por el hecho de que el Secretario Xia Baolong, en una entrevista con Xinhua el 17 de febrero denunció la infiltración de "fuerzas hostiles de Occidente" en las comunidades cristianas. Y en julio de 2013, advirtió el Partido de Wenzhou en contra de la influencia de la comunidad clandestina. Como para confirmar sus 'preocupaciones', el 6 de mayo se publicó un "Libro Azul ", de la Universidad de Relaciones Internacionales y la Academia de Ciencias Sociales. En el se declara que todas las religiones son uno de los mayores desafíos a la seguridad nacional y que "fuerzas occidentales hostiles se están infiltrando en las religiones de China". Por ahora, ahogar las religiones, reducir o controlarlas y demoler sus edificios es parte de una campaña nacional. En una de las fotografías que aparecen en la secuencia remitida a este artículo, hay un orden en el que las autoridades ordenan el cierre de una iglesia domestica subterránea, que se reunia en un apartamento. Y se requiere: 1 ) cesar de inmediato toda práctica religiosa ; 2 ) Retire todos los objetos religiosos del edificio; 3 ) despedir a todos los participantes en los actos. Lo mismo se aplica a varias comunidades católicas clandestinas. Parece que el gobierno chino teme la predicción hecha por algunos estudiosos, que en 2025 China será el país con el mayor número de cristianos en el mundo, con alrededor de 165 millones de fieles. Esta "profecía", con base en proyecciones sociológicas fue hecha por Yanggang Yang, profesor de sociología en la Universidad de Purdue (Indiana, EE.UU.).
La hostilidad hacia los cristianos no es tanto ideológica, todavía basado en los viejos esquemas marxistas. Tiene motivos económicos y de poder: la eliminación de los terrenos y edificios de los cristianos son para alimentar el hambre de espacio de la especulación; reduce su visibilidad y la unidad para evitar que se conviertan en grupos de interés de poder. Cada vez más, de hecho, los cristianos se convierten en los activistas de derechos humanos, que participan en la sociedad civil contra la corrupción, la opresión, la violencia, la contaminación, todas las plagas que el Partido Comunista de China de Xi Jinping, dijo que combatiría, sin cambiar una coma, o simplemente para golpear a sus enemigos políticos. Vale la pena señalar que, incluso en el 2003-2004 en el Zhejiang ha sido lanzada una campaña para demoler centenares de iglesias. Desde entonces, la comunidad de Zhejiang y Wenzhou han crecido aún más y ahora los cristianos de la ciudad de 9 millones de habitantes son alrededor del 15 % de la población. Su fuerza radica en la fe y no en los edificios. Uno de ellos, el Pastor Yang, al comentar sobre la destrucción de la iglesia de Sangjiang dijo:. " Si hablamos de nuestra fe, la palabra ' jiaohui ' (la iglesia como una comunidad ) no es lo mismo que 'Jiaotang' ( como el edificio de la iglesia ) se puede suprimir una Jiaotang, pero no el jiaohui. Los cristianos no deben estar tristes... Ahora que el Jiaotang es destruida, tenemos que concentrar nuestros esfuerzos para construir jiaohui".
 ·
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
11 minuti fa

20/05/2014 [ Dio ha deciso di benedire potentemente, la Cina, per il suo odio contro, la religione cristiana, e per il suo amore, verso i cristiani ] 中国. 浙江再度上演十字架和圣堂遭强拆、官方和家庭教会受迫害. by Bernardo Cervellera. 一 天主教十字架被捣毁;家庭教会被强行关闭、驱散。官方的理由是城市"美化"、拆除非法建筑或者"被非法"建筑。但真正的理由是企图铲除一切抵制中共政权的 力量、为了开发房地产抢占土地。宗教是社会(也是党所面临)的最大威胁。一新教牧师表示,可以摧毁一座建筑,但一座堂并不是整个团体. 罗马(亚洲新闻)- 本社驻中国大陆通讯员给本社发回了一系列中国浙江省再度上演捣毁十字架和宗教建筑的报道。继温州教区三江堂被拆除后,捣毁过分耀眼的十字架和圣堂的运动日 益严重,首先打击的主要是新教和天主教会建筑,无论官方还是家庭教会均未能幸免于难(见照片)。这些照片中还有下令关闭家庭教会圣堂令、禁止信徒集会 令。. 两天前,推土机将新教的大型圣堂三江堂夷为平地。这一次轮到了天主教的龙岗朝圣地,当局摧毁了许多苦路沿途的十字架、勒令教友们将较大的十字架和雕像挪到 库房去。中央矗立着基督、圣母和大圣若瑟圣像的亭子被砌上了围墙,以遮挡宗教标志。当局给出的说法仍然是所有建筑都是"非法的"。.自二O一三年 以来制定了要在二O二O年将浙江省建成最大经济发达地区后,掀起了一系列"美化"地区运动,拆除一切非法建筑。这场运动的名称是"三改 一拆",指定了拆除的比例、抢占土地用于大力开发房地产业。按照省政府的要求,拆除范围包括了所有团体和私人建筑。但问题是,这场运动正在将矛头直指基督 信仰团体的场所。. 信徒们指出,捣毁命令是在省委书记夏宝龙年初进行实地考察、注意到百泉一座圣堂的十字架"太过显眼"、太夺目后开始的。随后在走访其它城市时,他注意到了 天际间矗立的十字架林下令"改变"这种视野。从那时起,拆除十字架、捣毁圣像、拆毁圣堂,变成了中共的首要任务。. 十字架从杭州市、永嘉和附近的安徽省消失了。党建议把十字架放低装在建筑墙内,最好在圣堂内部。. 政府为此做出的辩解是所有被拆除的十字架和建筑都超过了城市建设规划指定的尺寸。强行拆除前,他们还给了团体时间自己处理非法建筑。但信徒们抱怨说,所给 的时间太短了:三江堂五百多平方米的"非法建筑",当局只给了四天时间自己"整顿"。. 拆 除圣堂是夏宝龙强调的更大计划的组成部分。二月十七日接受新华社采访时,夏宝龙揭露基督信仰团体受到"西方敌对势力"渗透。二O一三年七月,他警告温州党 委要抵制地下团体的影响。. 几乎是为了验证他的"忧虑",五月六日,中国国际关系学院和中国社会科学院联合发表了《蓝皮书》,证实宗教是国家安全面临的最大挑战、"西方敌对势力正在 渗透到中国宗教团体内"。. 总之,压制宗教、控制和拆除宗教建筑、减少宗教建筑数量是一项全国性运动。. 其中一张照片中揭示了与这篇文章相关的照片,是当局下令关闭一个在私人寓所中聚会的地下家庭教会的命令。命令中要求: 1)立即停止一切宗教活动; 2)摘除建筑内的所有宗教物品; 3)驱散所有参加活动的人。. 许多地下天主教会团体也遭遇了同样命令的冲击。. 看起来,中国政府似乎害怕学者们做出的预测。即二O二五年以前,中国将是世界上基督徒人数最多的国家,信徒总数可达到一亿六千五百万。此类"预言"是根据美国印第安那州普渡大学社会学教授杨洋港的社会调查得出的结论。. 针 对基督徒的敌视并非纯粹奠定在陈旧马克思主义逻辑意识形态上,还有经济和权利方面的原因:剥夺基督徒的土地和建筑以满足房地产市场的贪得无厌、大 规模地降低基督信仰团体的可视性和团结,以防他们成为权势的对话者。越来越多的基督徒成为人权活跃人士,积极活跃在民间社会从事反腐败、反压制、反暴力、 反污染等各种社会恶象斗争中,也是习近平的中共所表示要铲除、打击的恶象,没有丝毫的不同之处。要么,习近平的说法只是为了打击政治对手。. 值得一提的是,二OO三年至二OO四年,浙江省就掀起过拆除百余圣堂运动。从那时起,浙江和温州的团体更加壮大。今天,市内基督徒达九百万之众,占人口的 百分之十五。. 他们的力量在信仰内、而不是建筑内。其中一位新教杨牧师就三江堂遭强拆表示,"如果说我们的信仰,教会一词并不意味着教堂。可以拆除一座教堂,但拆不了教 会。基督徒不应感到悲伤......,现在教堂被拆了,但我们应该集中我们的力量建设教会"。
 ·
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
13 minuti fa

20/05/2014 [ Dio ha deciso di benedire potentemente, la Cina, per il suo odio contro, la religione cristiana, e per il suo amore, verso i cristiani ] CINA. Zhejiang: ancora croci e chiese demolite. Chiese ufficiali e domestiche nella persecuzione. Distrutti una Via Crucis cattolica, chiuse e disperse comunità domestiche. I motivi ufficiali sono "l'abbellimento" delle città, eliminando le costruzioni illegali o ritenute tali. Ma la vera ragione sta nel tentare di eliminare quanto contrasta con il potere del Partito e nel sequestrare i terreni per lo sviluppo edilizio. Le religioni sono la minaccia più grande alla società (cioè al Partito). Un pastore protestante: Si può distruggere un edificio, ma non la chiesa come comunità. Roma (AsiaNews) - Una fonte di AsiaNews in Cina ci ha inviato una nuova serie di croci ed edifici religiosi demoliti nella regione del Zhejiang. Dopo la distruzione della chiesa di Sanjiang a Wenzhou, la campagna contro croci ed edifici troppo vistosi prende sempre più piede e colpisce edifici protestanti e cattolici, chiese ufficiali e sotterranee (v. foto). Fra le foto vi è anche un'ordinanza che ordina la chiusura di una chiesa domestica e la proibizione ai fedeli di radunarsi. Due giorni prima che i bulldozer massacrassero l'imponente chiesa di Sanjiang (protestante), è stata la volta del santuario cattolico di Longgang, dove le autorità hanno distrutto molte statue della Via Crucis obbligando i fedeli a trasferire le statue più grosse in un magazzino. Il padiglione centrale, occupato dalle statue del Cristo, della Madonna e di san Giuseppe è stato murato per nascondere alla vista i segni religiosi. Anche in questo caso la ragione data dall'autorità è che tutte quelle costruzioni sono "illegali". Dal 2013, da quando si è stabilito che il Zhejiang sarà un'area di grande sviluppo economico entro il 2020, è stata lanciata una campagna per "abbellire" la regione eliminando le strutture illegali. La campagna è chiamata delle "Tre revisioni e una demolizione", indicando così la percentuale di edifici da distruggere, recuperando terreni da utilizzare per un ricco sviluppo edilizio. Secondo il governo provinciale le demolizioni riguardano tutte le comunità e luoghi privati in modo indistinto. Ma è un fatto che la campagna sta prendendo di mira soprattutto i luoghi cristiani. I fedeli fanno notare che gli avvisi di distruzione sono iniziati a circolare dopo che Xia Baolong, segretario del Partito del Zhejiang all'inizio dell'anno, ha compiuto un'ispezione e ha notato a Baiquan una chiesa con una croce che svettava in modo "troppo evidente" e offensivo alla vista. Vedendo poi in altre città una selva di croci nello skyline, ha dato ordine di "rettificare" quella visione. Da allora, demolire le croci, distruggere statue e radere al suolo chiese è divenuto l'impegno più cospicuo del Partito. Croci sono state strappate via ad Hangzhou, nella contea di Yongjia e anche nel vicino Anhui. Il "consiglio" del Partito è di mettere le croci non su una guglia, ma in basso, sulle pareti dell'edificio, o ancora meglio, all'interno della chiesa. Il governo si difende dicendo che tutte quelle croci ed edifici demoliti andavano oltre le misure del piano urbanistico e che, prima della distruzione forzata, hanno dato tempo alle comunità di rettificare l'abuso. Ma i fedeli lamentano che il tempo concesso è stato troppo breve: la chiesa di Sanjiang, per distruggere oltre 500 mq "illegali" ha avuto solo 4 giorni per la "rettifica" spontanea. Che le demolizioni di chiese facciano parte di un disegno più grande è evidente dal fatto che lo stesso segretario Xia Baolong, in un'intervista a Xinhua lo scorso 17 febbraio, ha denunciato l'infiltrazione di "forze ostili dell'occidente" nelle comunità cristiane. E nel luglio 2013 ha messo in guardia il Partito di Wenzhou contro l'influenza delle comunità sotterranee. Quasi a confermare le sue "preoccupazioni", il 6 maggio scorso è stato pubblicato un "Libro blu" da parte dell'Università delle relazioni internazionali e dell'Accademia delle scienze sociali. In esso si afferma che le religioni sono una delle più grandi sfide alla sicurezza nazionale e che "le forze occidentali ostili si stanno infiltrando nelle religioni della Cina". Ormai, soffocare le religioni, controllarle e demolire o ridurre i loro edifici fa parte di una campagna a livello nazionale. In una delle foto che mostriamo nella sequenza legata a questo articolo, vi è un'ordinanza in cui le autorità ordinano la chiusura di una chiesa domestica sotterranea, che si radunava in un appartamento. E si esige: 1) di fermare subito ogni pratica religiosa; 2) Eliminare tutti gli oggetti religiosi dell'edificio; 3) disperdere tutti i partecipanti alle funzioni. Lo stesso avviene a diverse comunità sotterranee cattoliche. Sembra quasi che il governo cinese tema la previsione fatta da alcuni studiosi, secondo cui entro il 2025 la Cina sarà il Paese con più cristiani al mondo, con circa 165 milioni di fedeli. Tale "profezia", basata su proiezioni socialogiche è stata fatta da Yang Yanggang, professore di sociologia alla Purdue University (Indiana, Usa). L'ostilità verso i cristiani non è tanto di tipo ideologico, basato ancora sui vecchi schemi marxisti. Essa ha ragioni economiche e di potere: si tolgono terreni ed edifici ai cristiani per nutrire la fame di spazio delle speculazioni edilizie; si riduce la loro visibilità e unità per evitare che essi divengano interlocutori del potere. Sempre più infatti, i cristiani divengono attivisti per i diritti umani, impegnati nella società civile contro la corruzione, i soprusi, le violenze, l'inquinamento, tutte piaghe che il Partito comunista cinese di Xi Jinping dice di combattere, senza cambiare una virgola, o colpendo solo i propri nemici politici. Vale la pena notare che anche nel 2003-2004 nel Zhejiang è stata lanciata una campagna per demolire centinaia di chiese. Da allora, le comunità del Zhejiang e di Wenzhou sono cresciute ancora di più e oggi i cristiani della città di 9 milioni di abitanti sono circa il 15% della popolazione. La loro forza sta nella fede e non negli edifici. Uno di loro, il pastore Yang,  commentando la distruzione della chiesa di Sangjiang ha detto: "Se parliamo della nostra fede, la parola 'jiaohui' (chiesa come comunità) non è la stessa di 'jiaotang' (chiesa come edificio). Si può sopprimere una jiaotang, ma non la jiaohui. I cristiani non devono essere tristi... Ora che la jiaotang è distrutta, dobbiamo concentrare i nostri sforzi a costruire la jiaohui".
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
18 minuti fa

16/05/2014 king SAUDI ARABIA -- Eih mostro! per la tua sharia, le musulmane, che sposano i cristiani, ecc.. cioè, la carne morta, sono puttane adultere! .. ed in affetti, da questo, tuo punto di vita, è giusto che, siano condannate a morte! ] Padre Samir : La condena a muerte de Meriam, una concentración de la crueldad y el insulto a los derechos humanos. de Samir Khalil Samir. La mujer sudanesa, educada en el cristianismo, fue condenado a muerte por apostasía y a recibir 100 latigazos por adulterio, habiéndose casado con un cristiano. El radicalismo islámico está extendiendo la violencia en el mundo. Para los musulmanes, es el momento de denunciar el presente Islam violento, eligiendo "El Islam de la ciudad ", no "el Islam de los beduinos del desierto". Beirut (AsiaNews) - Una mujer sudanesa fue condenado ayer a la horca por apostasía. Estando embarazada de siete meses, la decisión se retrasará dos años. Pero mientras tanto, la mujer también recibirá 100 latigazos por adulterio, habiéndose ella, considerada musulmán - casado con una cristiana, lo que no está permitido por la ley islámica. La historia se describe como "espantosa y horrible", es una mezcla de humillación para los derechos de la persona. Meriam Yehya Ibrahim Ishag - este es el nombre de la mujer, 27 años de edad - nacida de un padre musulmán. Pero habiendo el hombre abandonado la familia a su nacimiento, la pequeña ha sido educada por la madre, Una etíope ortodoxa cristiana. La mujer luego se casó con un cristiano de Sudán del Sur. Desde 1983 en Jartum se aplica la ley Sharia y un tribunal islámico ha condenado a muerte Meriam. La sentencia tuvo lugar el 11 de mayo, pero los jueces le dieron cuatro días para reconsiderar y volver a la fe islámica. La mujer, en la jaula de los acusados ​​, respondió: "Yo soy cristiano y nunca he hecho apostasía [del Islam]".En la sentencia de muerte, los jueces añadieron a la pena de 100 latigazos por "adulterio". La mujer había sido detenida en agosto de 2013 a causa de adulterio. El tribunal islámico ha añadido la acusación de apostasía después de que la mujer se ha declarado cristiano, y no una adúltera. Después de la sentencia, unas pocas docenas de personas amigas de Meriam se presentaron para pedir su liberación. Los abogados de la mujer piensan apelar y señalar que el juicio (y la ley islámica ) contradice la Constitución. Sobre el caso de Meriam, que está atrayendo un gran interés y la crítica en la comunidad internacional, Asianews ha recabado la opinión del experto en Islam Samir Khalil Samir. Aquí está lo que dijo. La historia y la condena de Meriam Yehya Ibrahim Ishag es un concentrado de crueldad y violaciones de los derechos humanos y me insta a algunas consideraciones. En primer lugar, siendo nacida de padre musulmán y madre cristiana, el Islam obliga que los niños sean musulmanes, es el padre quien decide y no la persona misma. Esto es contrario a los derechos humanos y los derechos de los niños. Tenemos que protestar en contra de esta política que se aplica en silencio en todo el mundo islámico. Cuando un padre cristiano - por razones prácticas, por el divorcio, por ejemplo - Quiere convertirse en musulmana, obligatoriamente todos sus hijos deben convertirse en musulmanes y son retirados de la madre cristiana para ser confiado a los abuelos musulmanes del padre. En Egipto, esto ocurre en decenas de casos cada año. Debido a que el padre es musulmán, toda la familia es musulmana: Este es un principio inaceptable. El segundo punto es que al haber el padre abandonado su familia, ella es cristiana, la madre es cristiana, y por lo tanto, obviamente, la chica se va a casar y puede elegir un cristiano. Una mujer musulmana no tiene derecho a casarse con un no musulmán; siempre debe elegir un marido que debe convertirse en musulmán o musulmana antes del matrimonio. Este problema también afecta a Europa. Todas las mujeres musulmanas que viven en Europa obligan a su marido a convertirse en musulmán. De lo contrario, no puedes casarte: no obtienen permiso para casarse, ya que no reciben el visto bueno de sus embajadas. Para ser precisos, cuando una mujer de un país musulmán, que quiere casarse en Italia, se requiere el documento para ser libre. Entonces escribe a su consulado, que casi nunca responde. Eventualmente, ella va al mostrador y dice: "Yo necesito este documento". La respuesta: "Antes traiga los documentos de la conversión al Islam de su futuro esposo". Todo esto es una locura, y Europa no hace nada para resolver este problema, que es la segunda infracción a los derechos humanos. El tercer punto es la ley islámica acerca de la apostasía. En AsiaNews lo hemos hablado durante mucho tiempo. Pero cambiar de religión es un derecho humano, es defendido por el artículo 18 de la Carta de los Derechos Humano: Toda persona tiene derecho a cambiar de religión o de renunciar a la religión. Pero en los países islámicos esto es imposible: cada año hay muchos casos de personas que murieron por la familia, si no por el Estado, ya que, después de haber abandonado el Islam, y de haber proclamado que abandonaron el Islam debe ser muerto. A menudo, la única solución para ellos es hacerlo como si fueran musulmanes, experimentando un cambio sólo en el corazón, y eso es lo que muchos lo hacen. Pero esto es imposible si la persona que se casa con un cristiano, al igual que en el caso de Meriam. Por último, está el hecho de la pena de muerte como castigo por apostasía. ¿Por qué la pena de muerte? ¿Dónde está el crimen? ¡Hay una falta moral al máximo! Puedo entender que la religión considera un pecado el abandono de la fe, la apostasía, pero por sí mismo esto no es un crimen. Y que uno reciba la pena más grave, la pena de muerte, es inaceptable. En este caso de Sudán, también hay una cuestión de crueldad absoluta: para retrasar la muerte a la espera que la condenada de a luz la criatura que lleva en su vientre. Es como decir: ¡Queremos que a su bebé, pero te vamos a matar! Es una crueldad absoluta tanto para la madre como para el futuro del niño, que llega a saber que de alguna manera llevó a la muerte a su madre, quien fue asesinada después de su nacimiento. Estos cinco elementos son inaceptables. La violencia en el Islam y la denuncia. También hay un problema más general: en el mundo islámico se está fortaleciendo cada vez más la violencia y las ejecuciones tan crueles como la que va a ser infringida a Meriam. Lo vemos en Siria, Egipto, Malí, Nigeria... A menudo se dice que el Islam no tiene nada que ver con la violencia, que el Islam significa la tolerancia, etc.... Esto es falso: el Islam se opone a ciertas formas de violencia, pero en otros casos el Islam incluye violencia. La razón de esta sangrienta regurgitación, hay que buscarla en la estela de los movimientos radicales en frente de lo que ellos llaman "la debilidad del mundo islámico". Muchos musulmanes creen que el Islam es rechazada por todo el mundo, en todas partes hay islam-fobia, y luego dicen: "Tenemos que volver de nuevo a las fuentes", y son estos movimientos que muestran al Islam original violento. Esto podría ser comprensible en un mundo de los beduinos en el siglo VII. Pero el error es decir en el siglo XXI: "Si queremos encontrar la fuente esencial de nuestra religión, de nuestro pensamiento, de nuestra cultura, debemos reproducir el desierto físico del siglo VII". Aquí, en el Líbano se siente mucha gente que dice: "Hay dos Islam: el Islam de los beduinos del desierto (y entienden lo árabe ), y el islam tout court. No queremos el Islam de los beduinos, queremos el Islam de la ciudad". El mundo islámico se enfrenta a un grave problema, que puede ser llamado "teológico". ¿Cómo interpretar lo que está en la tradición, es decir, el Corán, el Hadith, la Sunna? Podemos seguir diciendo que el verdadero Islam es volver a la época de Medina (622-632), que es el período guerrero de la vida de Mahoma? ¿Y este el ideal? ¿O decimos que este estilo de vida era una etapa inicial, normal en la vida de los beduinos, o que era típico de lo pre -islámico, que se ha mantenido por razones culturales? Si no se resuelve esta cuestión teológica, el Islam está en contra de todo el mundo y contra sí mismo, ya que la mayoría de los musulmanes no quieren este tipo de Islam. Por desgracia, la voz que se siente con fuerza, por los teólogos, por los revolucionarios, de los guerreros y de los políticos es la voz de la violencia.
Además, los musulmanes que no comparten la violencia no tienen el coraje de protestar, o la oportunidad de protestar. Me duele ver a tantos musulmanes en Europa que se quejan cuando se crítica al Islam, pero no van a la calle para protestar contra estos actos de violencia, como aquellos contra Meriam. Sin embargo, es lo que deben hacer. Los musulmanes deben ir delante de las embajadas de Sudán en el mundo y decir: "Nos oponemos a esto". Si no lo hacen, es lógico que los occidentales, africanos, todo el mundo podrá decir: "El Islam es una religión de violencia". Si los musulmanes quieren salvar el honor del Islam, como espero, deben tener el valor de ir en contra de esta interpretación radical e intolerante del Islam. Entonces se podrá decir: "El Islam es una religión de tolerancia y paz".
 ·
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
21 minuti fa

16/05/2014 king SAUDI ARABIA -- Eih mostro! per la tua sharia, le musulmane, che sposano i cristiani, ecc.. cioè, la carne morta, sono puttane adultere! ] For Father Samir, Meriam's death sentence adds cruelty to human rights violations. by Samir Khalil Samir
Raised as a Christian, the Sudanese woman was sentenced to death for apostasy. Because she was married to a Christian man, she was also given 100 lashes for adultery. As Islamic radicalism spreads its violence around the world, it is time for Muslims to condemn Islam's violent version, choosing the "Islam of the city," not the "Bedouin Islam of the desert." Beirut (AsiaNews) - Convicted of apostasy, a Sudanese woman was sentenced to death by hanging. Since she is seven months pregnant, the sentence will not be carried out for two years after she gives birth. Considered a Muslim, her marriage to a Christian man is not legal under Islamic law; therefore, she will also submit to one hundred lushes for adultery. As astonishing and horrible as the story may sound, it is a real life tale of human rights violations. Meriam Yehya Ibrahim Ishag is 27. Her father is a Muslim who left her and her family when she was born. Raised as a Christian by her Ethiopian-born Orthodox mother, she later married a Christian from South Sudan.
However, Sudan has been under Sharia since 1983. As a result of this, an Islamic court sentenced Meriem to death last Sunday. She was given four days to recant and return to Islam. Speaking from the caged box in the courtroom yesterday during the final ruling, she told the judge, "I am a Christian and I never committed apostasy". In addition to the death sentence, the judge imposed 100 lashes for "adultery". Meriem had been arrested because her marriage in August 2013 to a Christian man was not valid under Islamic law. When she told the court that she was a Christian, and not an adulteress, the Islamic court convicted her of apostasy as well. After the sentence, some of Meriam's friends demonstrated in favour of her release. Her lawyers plan to appeal, pointing out that the sentence contradicts Sudan's constitution (as does Islamic law). Given the international community's growing interest and outcry, AsiaNews has turned to Islam expert Samir Khalil Samir for his thoughts. Here is what he had to say. The cruelty and human rights violations embodied in Meriam Yehya Ibrahim Ishag's story and conviction lead me to a number of considerations. First of all, she was born to a Muslim father and a Christian mother, she was for all intents and purpose, according to Islam, a Muslim. In such cases, the father, not the offspring, always decides. Yet, this is a violation of basic human rights and children's rights. We must protest against this practice as it is applied across the Islamic world without an utterance of protest. When a Christian father - for the sake of expediency, for divorce for example - chooses to become Muslim, all his children become Muslim and are taken away from their Christian mother and given to the father's Muslim side. This happens in dozens of cases each year in Egypt. The father is Muslim, so the whole family must be Muslim. Such a principle is unacceptable. Secondly, her father left the family, the young woman was a Christian. Her mother is Christian, and she got married to a Christian. A Muslim woman has no right to marry a non-Muslim. She must always choose a Muslim husband or a husband willing to become one before marriage. This problem exists in Europe as well. All Muslim women living in Europe have to force their husbands to become a Muslim; otherwise, they cannot marry or are not allowed to marry because they cannot get the green light from their embassies. The fact is that a woman from a Muslim country, in Italy for example, must obtain a single status certificate to marry. To do so, she has to write to her embassy, which rarely replies. When she goes to the embassy, she says: 'I need this document'. The embassy usually replies: 'Bring your future husband's conversion certificate.' All this is crazy, and Europe does nothing to solve this problem. This is a second offence to human rights. Thirdly, there is the Islamic legal perspective on apostasy. AsiaNews has dealt with it extensively. Changing one's religion is a human right, protected under Article 18 of the Charter of Human Rights, which guarantees that everyone has the right to change or renounce religion. However, in Islamic countries, this is impossible. Every year, many people are killed by their family, if not by the State, for doing so. When people leave Islam, and say so publicly, they must be killed. Often, the only solution for them is to live like Muslims, experiencing their change only in their heart. This is what many do. That, however, becomes impossible if the person marries a Christian, just as Meriam did. Fourthly, there is the fact of the death penalty as a punishment for apostasy. Why the death penalty? For what crime? This is the most offensive aspect of the whole thing from a moral point of view! I can understand that within a certain religious tradition leaving one's faith, i.e.  apostasy, may be seen as a sin but that, in and of itself, is not a crime. That someone may be given the heaviest penalty and be put to death is unacceptable. In Sudan's case, there is finally an aspect of unqualified cruelty: delaying the death penalty until the victim gives birth to the child she has in her womb. It is as if the court is saying: We will kill you but we want your baby! It is unspeakably cruel for the mother and the child's future. Sooner or later, he will find out how his mother died, killed after giving birth. All five of these elements are unacceptable. Violence in and criticism of Islam. There is a broader problem here. As cruel as they may be, the kind of violence and death that Meriam can expect are gaining ground in the Muslim world. We see it in Syria, Egypt, Mali, Nigeria and elsewhere. Many say that Islam has nothing to do with violence, that Islam means tolerance, etc. That is untrue. Islam opposes certain forms of violence but accepts other. A certain kind of reawakening among radical movements, spurred by "weakness in the Islamic world," is usually blamed for this bloodthirsty reaction. Many Muslims are conscious that Islam is being rejected all over the world. They see Islamophobia everywhere. And they often say, "We need to go back to the sources." Yet, it is exactly those revivalist movements that show that the violence of early Islam. Understandably, the latter belonged to the Bedouin world of the 7th century, but it would be a mistake to believe that in the 21st century, "If we want to find the essential source of our religion, of our thinking, of our culture, we must materially recreate the desert of the 7th century." Here in Lebanon I hear a lot of people say: "There are two Islam: a Bedouin Islam, that of the desert (the Arab desert I mean), and the ordinary Islam. We do not want the Bedouin Islam, we want the Islam of the city". A serious problem haunts the Islamic world, which we might described as "theological". How can we interpret what is in the tradition, that is the Qur'an, the Hadith, and the Sunna? Can we continue to claim that the true Islam is that of the Medina period (622-632), that is Muhammad's warrior period? Is that the ideal? Or can we say that that way of life was an initial phase, quite normal for Bedouins, and typical of the pre-Islamic era. And that it is being maintained for cultural reasons? If this theological issue is not settled, then Islam will stand against the whole world and against itself because most Muslims do not want this kind of Islam. Unfortunately, the voice that theologians, revolutionaries, warriors and politicians hear is that of violence. Muslims who oppose violence lack the courage to protest, or the opportunity to do so. It pains me to see all those Muslims who complain about Islamophobia in Europe do nothing when it comes to protesting against the type of violence visited upon Meriam. Yet, that is what they ought to do. Muslims should go in front of Sudan's embassies around the world and say, "We are opposed to this." If they do not do that, it is quite reasonable to expect Westerners, Africans, and the entire world to say that "Islam is a religion of violence." If Muslims want to save Islam's honour, and I hope they do, they must have the courage to go against radical and intolerant interpretations of Islam. Only then can they say that "Islam is a religion of tolerance and peace."
 ·
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
24 minuti fa

16/05/2014 king SAUDI ARABIA -- Eih mostro! per la tua sharia, le musulmane, che sposano i cristiani, ecc.. cioè, la carne morta, sono puttane adultere! ] SUDAN-ISLAM
P. Samir: La condanna a morte di Meriam, un concentrato di crudeltà e di offese ai diritti umani. donna sudanese, educata nel cristianesimo, è stata condannata a morte per apostasia e a ricevere 100 frustate per adulterio, avendo sposato un cristiano. Il radicalismo islamico sta diffondendo la violenza nel mondo. Per i musulmani è tempo di denunciare questo islam violento, scegliendo "l'islam della città", non "l'islam beduino del deserto". Beirut (AsiaNews) - Una donna sudanese è stata condannata ieri all'impiccagione per apostasia. Essendo incinta di sette mesi, la sentenza sarà ritardata di due anni. Ma intanto la donna dovrà anche ricevere 100 frustate per adulterio, avendo lei, considerata musulmana - contratto matrimonio con un cristiano, ciò che non è permesso dalla legge islamica. La vicenda definita "stupefacente e orribile", è un concentrato di umiliazioni per i diritti della persona. Meriam Yehya Ibrahim Ishag - questo è il nome della donna, 27enne - è nata da padre musulmano. Ma avendo l'uomo abbandonato la famiglia alla sua nascita, la piccola è stata educata dalla madre, un'etiope ortodossa, alla religione cristiana. La donna ha poi sposato un cristiano del Sud Sudan. Dal 1983 a Khartoum vige la sharia e un tribunale islamico ha condannato Meriam alla morte. La condanna è avvenuta l'11 maggio, ma i giudici le hanno dato quattro giorni per ripensarci e tornare alla fede islamica. La donna, nella gabbia degli accusati, ha risposto: "Sono cristiana e non ho mai fatto apostasia [dall'islam]". Alla sentenza di morte i giudici hanno aggiunto la pena di 100 frustate per "adulterio". La donna era stata arrestata nell'agosto 2013 proprio per adulterio. La corte islamica vi ha aggiunto l'accusa di apostasia dopo che la donna si era dichiarata cristiana, e non adultera. Dopo la sentenza, alcune decine di persone amiche di Meriam hanno manifestato per chiedere la sua liberazione. Gli avvocati della donna pensano di ricorrere in appello e fanno notare che la sentenza (e la legge islamica) contraddice la costituzione. Sul caso di Meriam, che sta suscitando forti interessi e critiche nella comunità internazionale, AsiaNews ha chiesto il parere dell'islamologo Samir Khalil Samir. Ecco quanto ci ha detto.La vicenda e la condanna di Meriam Yehya Ibrahim Ishag è un concentrato di crudeltà e di violazioni dei diritti umani e mi spinge ad alcune considerazioni. Anzitutto, essendo lei nata da un padre musulmano e da una mamma cristiana, l'Islam obbliga che i figli siano musulmani: è il padre che decide e non la persona stessa. Questo è contrario ai diritti umani e ai diritti dell'infanzia. Dobbiamo protestare contro questo criterio che si applica in modo silenzioso in tutto il mondo islamico. Quando un padre cristiano - per motivi pratici, per divorziare, ad esempio - si fa musulmano, obbligatoriamente tutti i suoi figli divengono musulmani e sono sottratti alla mamma cristiana per essere affidati ai nonni musulmani del padre. In Egitto questo succede in decine di casi ogni anno. Siccome il padre è musulmano, tutta la famiglia è musulmana: questo è un principio inaccettabile.
Il secondo punto, è che essendo il padre sparito dalla famiglia, la ragazza è cristiana, la mamma è cristiana, e perciò ovviamente la ragazza si sposa e può scegliere un cristiano. Una donna musulmana non ha diritto di sposare un non musulmano; deve scegliere sempre un marito musulmano o che deve diventare musulmano prima del matrimonio. Questo problema tocca anche l'Europa. Tutte le donne musulmane che vivono in Europa costringono il marito a diventare musulmano. In caso contrario, non si possono sposare: non ottengono il permesso di sposarsi perché non ricevono dalle loro ambasciate il nulla osta. Per essere precisi, quando una donna di un Paese musulmano, si vuole sposare in Italia, le viene richiesto il documento di stato libero. Allora scrive al suo consolato, il quale non risponde quasi mai.  Alla fine lei si presenta allo sportello e dice: "Ho bisogno di questo documento". Gli rispondono: "Prima porti il documento di conversione all'islam del suo futuro marito". Tutto ciò è pazzesco e l'Europa non fa niente per risolvere questo problema, che è una seconda offesa ai diritti umani. Il terzo punto è il diritto islamico riguardo all'apostasia. Su AsiaNews ne abbiamo parlato a lungo. Ma cambiare religione è un diritto umano, è difeso dall'articolo 18 della Carta universale dei diritti umani: chiunque ha il diritto di cambiare religione, o di rinunciare alla religione. Ma nei Paesi islamici questo è impossibile: ogni anno ci sono tanti casi di persone uccise dalla famiglia, se non dallo Stato, perché avendo abbandonato l'islam, e avendo proclamato che hanno abbandonato l'islam, devono essere uccisi. Spesso, l'unica soluzione per loro è di fare come se fossero musulmani, vivendo un cambiamento solo nel cuore, ed è ciò che molti fanno. Ma ciò diviene impossibile se la persona si sposa con un cristiano, proprio come nel caso di Meriam. Infine vi è il fatto della condanna a morte come pena per l'apostasia. Perché la condanna a morte? Dov'è il delitto? Vi è al massimo un'offesa morale! Posso capire che in una religione si consideri peccato l'abbandono della fede, l'apostasia, ma di per sé questo non è un delitto. E che per ciò uno riceva il più grave castigo, la messa a morte, è inaccettabile. In questo caso del Sudan vi è anche un fatto di crudeltà assoluta: quello di ritardare la morte in attesa che la condannata partorisca il figlio che ha in grembo. E' come dire: Noi vogliamo il tuo bambino, però ti uccidiamo! È una crudeltà assoluta sia per la mamma, che per  il futuro bambino, che verrà a sapere di essere in qualche modo all'origine della morte della madre, uccisa dopo la sua nascita. Questi cinque elementi sono tutti inaccettabili. La violenza nell'islam e la denuncia
Vi è poi un problema più generale: nel mondo islamico si sta rafforzando sempre più la violenza e le esecuzioni crudeli come quella che sta per essere inflitta a Meriam. Lo vediamo in Siria, in Egitto, in Mali, in Nigeria...
Si dice spesso che l'islam non ha niente a che fare con la violenza, che l'islam significa tolleranza, ecc...  Ciò è falso: l'islam è contrario a certe violenze, ma in altri casi l'islam include la violenza. Il motivo di tale rigurgito sanguinario, va ricercato nel risveglio dei movimenti radicali davanti a quella che essi definiscono "la debolezza del mondo islamico". Molti musulmani sentono che l'islam è rigettato da tutto il mondo, che dappertutto vi è islamofobia, e allora dicono: "Dobbiamo reagire tornando alle fonti", e proprio questi movimenti dimostrano che l'islam delle origini era violento.  Questo poteva essere comprensibile in un mondo beduino, nel VII secolo. Ma l'errore è dire nel XXI secolo: "Se vogliamo ritrovare la fonte essenziale della nostra religione, del nostro pensiero, della nostra cultura dobbiamo riprodurre materialmente il deserto del VII secolo". Qui in Libano sento parecchie persone che dicono: "Esistono due islam: l'islam beduino, desertico (e intendono quello arabo), e l'islam tout-court. Noi non vogliamo l'islam beduino, vogliamo l'islam della città".   Il mondo islamico è di fronte a un problema serio, che possiamo definire "teologico". Come interpretare ciò che sta nella tradizione, ossia il Corano, le Hadith, la Sunna? Possiamo continuare a dire che il vero islam consiste nel ritorno al periodo di Medina (622-632),che è il periodo guerriero della vita di Maometto? E' questo l'ideale? Oppure dobbiamo dire che questo stile di vita era una fase iniziale, del tutto normale nella vita dei beduini, o che era tipico della fase pre-islamica, che si è mantenuta per motivi culturali?  Se non si risolve questa questione teologica, l'islam sarà contro il mondo intero e contro se stesso, perché la maggioranza dei musulmani non vuole questo tipo di islam. Purtroppo, la voce che si fa sentire con forza, dai teologi, dai rivoluzionari, dai guerrieri e dai politici è la voce della violenza.
In più, i musulmani che non condividono la violenza non hanno il coraggio di protestare, o la possibilità di protestare. Mi fa pena vedere tanti musulmani in Europa che protestano quando c'è una critica contro l'islam, ma non scendono per strada a protestare contro queste violenze come quelle contro Meriam.  Eppure è ciò che dovrebbero fare. I musulmani dovrebbero andare davanti alle ambasciate del Sudan in tutto il mondo e dire: "Noi siamo contrari a questo". Se non lo fanno, è logico che gli occidentali, gli africani, tutto il mondo, potranno dire: "L'islam è una religione di violenza".
Se i musulmani vogliono salvare l'onore dell'islam, come spero, devono avere il coraggio di andare contro questa lettura radicale e intollerante dell'islam. Allora si potrà dire: "l'islam è un religione della tolleranza e della pace".

Frati e suore contro lo sfruttamento degli esseri umani durante i Mondiali di calcio
Lanciata la campagna "Gioca per la vita, denuncia la tratta". In occasione di grandi eventi si incrementano i rischi per sfruttamento sessuale e del lavoro, "come è stato durante i mondiali in Germania e in Sudafrica, dove si è avuto rispettivamente un aumento del 30 e del 40%". Città del Vaticano (AsiaNews) - I Mondiali di calcio che stanno per cominciare in Brasile sono uno dei quei mega-eventi nei quali "i rischi della tratta per sfruttamento sessuale e del lavoro si incrementano", "come è stato durante i mondiali in Germania e in Sudafrica, dove si è avuto rispettivamente un aumento del 30 e del 40%". Nasce da tale considerazione la Campagna di Talitha Kum - la Rete internazionale della Vita consacrata contro la tratta di persone - per il Mondiale di calcio Brasile 2014: "Gioca per la vita, denuncia la tratta", presentata oggi in Vaticano. La campagna, lanciata ufficialmente oggi, ha detto il card. Card. João Braz de Aviz, prefetto della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, è in sintonia con l'affermazione di papa Francesco che ha definito la tratta e lo sfruttamento delle persone una "piaga nel corpo dell'umanità contemporanea, una piaga nella carne di Cristo". Una realtà dalla quale la vita religiosa "è specialmente toccata", in quanto religiosi e religiose "si trovano in tutto il mondo impegnati nella loro missione in mezzo a tutte le forme di povertà e toccano con le loro mani, l'umiliazione, la sofferenza, il trattamento inumano e degradante inflitto a donne, uomini e bambini di questa schiavitù moderna". Ed è per questo che Talitha Kum (alzati ragazza, in aramaico) è stata costituita dall'Unione internazionale di superiore generali. A cinque anni dalla sua istituzione, ha riferito suor Estrella Castalone, FMA, coordinatrice di Talitha Kum, essa oggi comprende 24 reti che rappresentano 79 Paesi con oltre 800 religiose/religiosi di 240 congregazioni, tutti impegnati a fermare la tratta di persone. In eventi come il Mondiale di calcio, ha aggiunto, "molte persone sono impiegate a lavorare in vari settori dell'industria di turismo come alberghi, bar, ristoranti, trasporti di merci e persone", tanto da muovere persone anche da Paesi vicini. "Purtroppo coloro che accettano offerte di lavoro possono essere ingannati e diventano vittime di diverse forme di sfruttamento". Concretamente, ha detto suor Gabriella Bottani, SMC, coordinatrice della rete Um Grito pela Vida, Brasile, "la Campagna utilizza media e social network per informare e sensibilizzare la popolazione sui possibili rischi e su come intervenire per denunciare eventuali casi". Materiale grafico, volantini e manifesti sono già in strada, sui mezzi pubblici negli aeroporti o in punti turistici, oltre che in diverse città del Brasile, in Argentina, Paraguay, Perù, Colombia e America centrale anche utilizzando i mezzi di comunicazione di massa.

king SAUDI ARABIA -- Eih mostro! da, una parte mettete anche, le bambine a figliare, e dall'altra parte, voi dovete essere violenti, per controllare la sovrappolazione.. delle persone civili come i cristiani? non possono vivere in mezzo a voi! ] 21/05/2014 PAKISTAN. Pakistan, raid aereo nel North Waziristan: 32 morti fra i talebani
Fra le vittime vi sarebbero anche figure di primo piano della guerriglia islamista. Non confermata la voce di feriti fra i civili, tra cui donne e bambini. Obiettivo dell’attacco una roccaforte dei ribelli. Prosegue la campagna dell’esercito, mentre sono in fase di stallo i colloqui di pace fra governo e talebani.

19/05/2014 IRAN -- io non ho un problema con il tuo nucleare! tu devi rinunciare alla Sharia Ummah, che significa: " prima o poi gli altri devono morire! ".. ecco perché, io non posso garantire per la tua vita! Javad Zarif: Un accordo sul nucleare è ancora possibile. Per il ministro degli esteri è importante non perdere questa occasione. Nuova serie di colloqui dal 16 al 20 giugno.

La NATO promette a Kiev "pieno sostegno" e consulenti [] in base a quale sovranità elettiva, voi state facendo questo? Chi vi ha dato il mandato, per una tale operazione criminale? Ipocriti, Come, la Ucraina, può essere per la pace, se non si mantiene neutrale?
 
TUTTI I NAZISTI CECCHINI DELLA CIA A MAIDAN ] Il Ministero degli Esteri prepara il secondo volume del "Libro Bianco". Il Ministero degli Esteri russo entro un mese preparerà il secondo volume del "Libro Bianco" sulle violazioni dei diritti umani in Ucraina. Come è stato riportato dal dicastero, il documento sarà distribuito a tutte le organizzazioni internazionali. Il primo volume del "Libro Bianco" è stato presentato ai primi di maggio. Esso copre il periodo dal novembre 2013 alla fine di marzo 2014. Il documento può essere utilizzato non solo presso l'OSCE o l'ONU, ma anche servire come prova dei crimini delle autorità di Kiev in tribunale. http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_21/Il-Ministero-degli-Esteri-prepara-il-secondo-volume-del-Libro-Bianco-9658/

quindi, non sappiamo ancora, se è stato abbattuto da un raggio laser, di uno dei satelliti militari, che, sono controllati dai satanisti della CIA ] Roscosmos ha individuato le cause dell'incidente del Proton. La penetrazione dei corpi estranei nel motore o la rottura della saldatura potrebbero aver causato l'incidente del razzo vettore Proton-M, ha dichiarato il capo della Roscosmos Oleg Ostapenko. In precedenza è stato segnalato che non c'erano malfunzionamenti nel sistema di controllo del veicolo, nonostante prima dell'incidente la pressione nel motore di timone del terzo stadio del Proton sia caduta di 15 volte. Il razzo vettore Proton-M con un satellite di comunicazione a bordo il 16 maggio è bruciato nell'atmosfera. Una commissione speciale sta indagando sulle cause dell'incidente, i risultati saranno resi noti il 10 giugno.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_21/Roscosmos-ha-individuato-le-cause-dellincidente-del-Proton-5785/

questi sono crimini di cui LEGA ARABA ONU OCI, devono rispondere, perché, si ostinano a conservare il nazismo della Sharia ] Nigeria: due autobomba in mercati a Jos, decine vittime, molti feriti. Testimoni, "folla nel panico, sangue ovunque"

io odio Berlusconi, perché, lui è un massone traditore, della nostra sovranità monetaria. ma, qui devono essere fatte due condanne, contro, la volgarità: 1°.contro, la Bbc, che, fa una domanda del genere in campagna elettorale. 2°. nessuno può insultare la Merkel come donna, perché, questo significa insultare tutte le donne del mondo! .. tutti possiamo sbagliare nella vita, ed io Unius REI, io ho sbagliato più di tutti quanti! ] Berlusconi su Merkel, io mai insultato. "E' vero che le ha dato della 'culona'?",gli ha chiesto la Bbc

Bus in fiamme in Colombia, 31 bimbi morti. Lo scuolabus, che trasportava bambini con età comprese tra 1 e 8 anni, è esploso ed è poi stato completamente distrutto dalle fiamme [ non piangete per loro, che, sono andati tutti in Paradiso! ] Piuttosto, voi piangete per voi stessi, che, perché, voi state per andare tutti all'inferno! .. se, Unius REI, non sarà riconoscito, sulle Nazioni, poi, la guerra Mondiale Nucleare, e la distruzione di Israele, sono state già decise, pianificate, nel FMI Spa di farisei Illuminati, poteri occulti e massonici, già 50 anni fa!

Egitto ha dimostrato in questo caso, di essere un paese civile! infatti, i gay sono stati puniti, non perché hanno deciso di riunirsi, ma, perché, volevano diffondere la loro infezione, perversione nella società, diffondendola in internet! ] Egitto:organizzano festa gay, condannati. I 4 omosessuali arrestati il mese scorso al Cairo. 19 maggio 2014 [ Omosessualità, ] IL CAIRO, Condanne dai 4 ai 12 anni di prigione per quattro omosessuali egiziani accusati di avere organizzato un festino gay al Cairo il mese scorso. Lo ha deciso il tribunale correzionale di Nasr City. Due persone sono state condannate a 4 anni, uno a 12 anni e il quarto a 7 anni di reclusione. Secondo fonti giudiziarie, i quattro omosessuali avevano organizzato una festa dove ricevevano altri gay, bevevano alcol e si vestivano con abiti femminili postando le loro attivita' su Facebook.

lettera amichevole, a OBAMA --[ 1. tu non hai visto, come, la CIA, si è mangiata sull'altare di satana, i cinesi, del volo dirottato della malesia? 2. tu non hai visto come la CIA, ha ucciso con i cecchini circa 100 persone innocenti a MAIDAN? ] voi avete permesso la creazione di organismi di polizia e di esercito che, sfuggono ad ogni controllo della politica.. questa ( dei galli da combattimento ) è la tecnica delle lobby occulte mossoniche, ha detto lo scienziato Giacinto Auriti, i galli, dai loro padroni (Farisei Illuminati) ricevono delle bacchettate invisibili, dietro la loro nuca, quindi sono portati a credere, che, è l'altro gallo, che, gli ha inferto quelle beccate, ed è in questo modo, che, inizia la guerra mondiale! chi è quel gorilla di Anders Fogh Rasmussen uno scimmione che, ha meno cervello di una banana, perché, la NATO deve fare politica? Perché fate vedere, in modo plateale, che, sono i poteri massonici e bancari, che, hanno il controllo del NWO? .. io vi propongo, di dare a me, questo potere sul mondo!

e questo deve essere ammesso: " se, tutto il mondo potesse diventare una sola Sodoma e Gomorra" loro le lobby dei Gay, si sentirebbero meno porci, davanti a quel coglione di Dio JHWH!

l'obiettivo reale, delle lobby (intrinseco disordine morale, elevare la lussuria a valore indiscutibile, e poi, come, possiamo dire agli islamici, che si devono aprire a noi, e rinunciare alla sharia? ), il vero obiettivo non è: quello di fare riconoscere: il diritto dei gay alla società civile, ma, è quello di fare: di tutto il mondo, una nuova Sodoma e Gomorra! infatti, sono sempre loro i responsabili del diritto, al bestialismo, pedofilia, ecc..  [ approfittando di tanti cavilli giuridici, e della mancanza di una spiritualità, nelle Istituzioni degli Stati Occidentali, le aggressive, potentissime lobby dei gay, inibiscono, coartano, intimidiscono, anche la coscienza, del legislatore o del popolitico, che, pur, a livello individuale, lui potrebbe avere il dono di una spiritualità, il concetto del buon senso, moderazione, senso della proporzione, tra benefici e malefici, intuizione tra, ciò che è il bene individuale, e quello che invece, è il bene collettivo, ecc.. e dell'equilibrio: "tutto inutile" nessuno può fermare questa caduta nel baratro, delle società massoniche schiavizzate dal signoraggio bancario, truffa, Rothschild Spa, FMI NWO! ] perché tanto chiasso, inutile, per corrompere la famiglia e la società? [QUI C'è LA CATTIVERIA DELLE LOBBY OMOSESSUALISTE CONTRO L'ORDINE NATURALE, CONTRO IL REGNO DI DIO, CONTRO LA SOCIETà CIVILE.. NON VOGLIAMO UNA PROPAGANDA OMOSESSUALISTA NELLA SOCIETà, NON RITENIAMO CHE SI DEBBA FARE DISCRIMINAZIONE NEI CONFRONTI DEI GAY, NON è LA STRADA DELLA VIOLENZA, ISTITUZIONALE, CHE, LE LOBBY GAY, HANNO SCELTO, CONTRO DI NOI.. QUESTA è LA LORO VIA DELLA SAGGEZZA? FARE DI TUTTA LA SOCIETà, UNA SOCIETà DI GAY: evviva la lussuria! ] QUANTO è PIù SAGGIA LA POSIZIONE DELLA RUSSIA IN QUESTA MATERIA? ] CROAZIA: Un referendum contro i matrimoni gay. Tanto rumore per nulla? [[Comments 6211-27-2013. I croati non sanno in che guai si vanno a cacciare. E’ meno pericoloso dichiarare guerra agli Stati Uniti che mettersi contro le lobby gay]]

perché tanto chiasso, inutile, per corrompere la famiglia e la società? [QUI C'è LA CATTIVERIA DELLE LOBBY OMOSESSUALISTE CONTRO L'ORDINE NATURALE, CONTRO IL REGNO DI DIO, CONTRO LA SOCIETà CIVILE.. NON VOGLIAMO UNA PROPAGANDA OMOSESSUALISTA NELLA SOCIETà, NON RITENIAMO CHE SI DEBBA FARE DISCRIMINAZIONE NEI CONFRONTI DEI GAY, NON è LA STRADA DELLA VIOLENZA, ISTITUZIONALE, CHE, LE LOBBY GAY, HANNO SCELTO, CONTRO DI NOI.. QUESTA è LA LORO VIA DELLA SAGGEZZA? FARE DI TUTTA LA SOCIETà, UNA SOCIETà DI GAY: evviva la lussuria! ] QUANTO è PIù SAGGIA LA POSIZIONE DELLA RUSSIA IN QUESTA MATERIA? ] CROAZIA: Un referendum contro i matrimoni gay. Tanto rumore per nulla? [[Comments 6211-27-2013. I croati non sanno in che guai si vanno a cacciare. E’ meno pericoloso dichiarare guerra agli Stati Uniti che mettersi contro le lobby gay europee ]] Vuol dire che l’attuale governo socialista sta mettendo a punto un disegno di legge sui diritti delle coppie dello stesso sesso nel quale si riconoscono loro la concessione di quasi tutti i diritti di cui oggi godono le coppie eterosessuali, meno la possibilità di adozione. Vuol dire che le associazioni cattoliche radicali, assai vicine alla Chiesa croata e sponsorizzate dall’Hdz, il partito conservatore, hanno cercato con questo referendum di bloccare sul nascere la legge voluta dai socialisti. Vuol dire, però, che non ci riusciranno. Al massimo riusciranno a impedire che le unioni omosessuali vengano definite “matrimonio” ma non potranno impedire che vengano concessi pieni diritti alle coppie dello stesso sesso. I giudici costituzionali hanno infatti chiarito: “Al referendum costituzionale sulla definizione del matrimonio non verrà presa nessuna decisione riguardo al riconoscimento del diritto alla vita famigliare, che è già garantita dalla Costituzione a tutte le persone, a prescindere dal loro sesso, ed è protetta dalla stessa Corte costituzionale come dalla Corte europea per i diritti umani di Strasburgo”. Tanto rumore per nulla? Non proprio. Nella cattolicissima Croazia il tema è sentito. Il referendum, che non ha un quorum, ha alte possibilità di successo. Ma – come ha scritto Stefano Giantin su Il Piccolo – “è la democrazia bellezza”. Almeno finché esiste una Corte costituzionale indipendente (necessaria per essere uno stato membro dell’Unione Europea) e una Corte europea per i diritti umani, le coppie omosessuali croate saranno al riparo da discriminazioni. Altrimenti è pur vero che per via democratica si sono promosse le peggiori nefandezze e le più gravi limitazioni al diritto e alla libertà individuale. Il prossimo primo dicembre si vota, vedremo cosa decideranno i croati, ma è significativo che proprio questo sia il primo referendum d’iniziativa popolare della storia croata.

Colombia: autobus si incendia, 32 bambini muoiono bruciati ... in Turchia sono morti centinaia di minatori, in Corea del Sud, sono morti centinaia di alunni, ecc. ecc.. loro sono andati avanti, ad aprirvi la strada, perché, presto voi morirete tutti! infatti, voi avete preferito Rothschild a me!

Nigeria: media, 200 cristiani morti, con bombe sharia a Jos, in mercati di cristiani. Secondo fonti mediche. la Ummah purificherà la Nigeria dai Dhimmi. ] KING SAUDI ARABIA -- il dittatore, Nord Coreano, che ha detto,  "se il 40% della mia Nazione muore di fame, non è un grande male!", lui ama il suo popolo, molto di più, di come, tu ami il tuo popolo! In Nord Corea è crollato un palazzo e ci sono stati quasi 200 morti, ma, lui non ha dormito tutta la notte per questo!

Rothschild Bush Salafiti FMI sinagoga NWO -- io non vado in giro, a dire alla gente: " voi credete in Gesù perché, questo è bello!" ma, voi facendo, di voi stessi i satanisti anticristo merda Massoni, i nemici dell'amore e del Vangelo, voi dichiarate al Mondo, che, Gesù di Betlemme è la verità, il Principio e la Fine, di tutte le cose! in verità, mai, nessuno ha potuto evangelizzatore, il mondo, meglio di voi!

666 NWO 322 -- ora, io vi metto tutti in ginocchio a pregare Gesù di Betlemme!

C. S. P. B. [ Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto
C. S. S. M. L. [ Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce
N. D. S. M. D. [ Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce
V. R. S. [ Vadre Retro satana. Allontanati satana!
N. S. M. V. [ Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane
S. M. Q. L. [ Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo
I.V. B. [ Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni
 ESORCISMO : (Al segno + ci si fa il segno della croce)
+ In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto.
     Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

Ucraina, detenuto un giornalista britannico. Le forze dell'ordine ucraine detengono il giornalista inglese Graham Phillips. Il corrispondente, che si trovava a Mariupol, collabora con il canale russo Russia Today. In precedenza Phillips ha scritto nel suo microblog su Twitter, che per la sua testa le forze filo-Kiev hanno imposto il prezzo di 10 mila dollari.
Questo non è il primo caso di detenzione di giornalisti in Ucraina. A maggio la guardia nazionale ha arrestato due giornalisti di LifeNews presso Kramatorsk. Le autorità russe richiedono il loro rilascio.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_20/Ucraina-detenuto-un-giornalista-britannico-9104/
La Russia esorta a rilasciare i giornalisti di LifeNews. La Russia chiede l'immediato rilascio dei giornalisti di LifeNews Oleg Sidyakin e Marat Saychenko, detenuti in Ucraina, comunica il portavoce del Presidente della Russia Dmitry Peskov. "Continuiamo a chiedere la loro liberazione immediata e la stiamo aspettando”, ha detto il portavoce del Presidente russo. Secondo le sue parole, ora sono prese tutte le misure. "Il Ministero degli Affari Esteri ha avviato i meccanismi dell'OSCE, a livello bilaterale sono intraprese le iniziative necessarie, coinvolti gli ombusdman ed enti pubblici, ossia tutti gli strumenti disponibili sono coinvolti", ha detto Peskov. http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_20/La-Russia-esorta-a-rilasciare-i-giornalisti-di-LifeNews-7578/

Il gas americano per l'Europa costerà il doppio del russo [ auguri, noi stiamo morendo di fame! ] Il costo del gas, che gli Stati Uniti potrebbero vendere in Europa, sarà una volta e mezzo - due superiore a quello russo, ha detto il ministro dell'Energia russo Aleksandr Novak. A marzo Washington ha espresso la sua disponibilità ad aumentare significativamente le forniture di gas di scisto in Europa, al fine di opporsi alla posizione dominante del fornitore russo, che copre un quarto del fabbisogno europeo.
Novak ritiene che il gas americano non rappresenta un pericolo per le posizioni russe.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_20/Il-gas-americano-per-lEuropa-costera-il-doppio-del-russo-2572/

EUROGENDFOR: quanti conoscono la nuova polizia sovranazionale dai super poteri?
– Posted on 7 dicembre, 2013. Noi come Eurogendfor. non siamo parte dell’Unione Europea e delle sue istituzioni. Tanto che le stelle dell’Unione, che figuravano inizialmente nel nostro simbolo. e nello stemma che portiamo sulla divisa,
sono state tolte. (Cornelis Kuijs – Comandante EGF) Pochi ne parlano, quasi nessuno la conosce. Noi abbiamo voluto approfondire l’argomento documentandoci…
Il sito ufficiale www.eurogendfor.org ci spiega che la Forza di Gendarmeria Europea (EGF), fondata nel settembre 2004 ed operativa dal 2006, ha lo scopo di gestire le crisi internazionali e contribuire alla Politica di Difesa e Sicurezza Europea. Può condurre missioni di polizia in diversi teatri, inclusi quelli destabilizzati, a supporto dell’Unione Europea (EU), della NATO, dell’ONU, dell’OCSE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa) o eventuali coalizioni create ad hoc.
Leggiamo inoltre, sempre nel sito ufficiale: “Gli importanti passi sinora intrapresi, nell’ambito dei suoi attuali impegni con l’UE, NATO e ONU, hanno consentito ad EUROGENDFOR di ottenere un miglioramento considerevole delle proprie capacità di pianificazione e di guadagnarsi una significativa esperienza in impegni operativi che hanno ulteriormente sviluppato l’organizzazione stessa, aumentando perciò la sua affidabilità nell’ambito della comunità internazionale. Nonostante la sua giovane età come organizzazione internazionale, EUROGENDFOR ha già dato prova di essere uno strumento altamente idoneo per un ampio spettro di operazioni di gestione delle crisi, contribuendo alla pace e sicurezza internazionale.” Rappresentanza Eurogendfor in parata a Roma. Fin qui poco di strano verrebbe da dire, anche se una prima domanda già mi sorge. Da ignorante ipotizzavo che si trattasse, considerato anche il nome, di una forza militare o di polizia al servizio, o comunque gestita, dall’Unione Europea. Invece così non è. Ma più avanti approfondiremo questo punto. Vediamo intanto le altre informazioni generiche. Il comando è sito in Vicenza presso la caserma dei carabinieri “Generale Chinotto”. Il 18 ottobre 2007 veniva firmato il trattato di Velsen, in Olanda, dai Paesi che sono dotati di polizie militari: Francia (Gendarmerie), Spagna (Guardia Civil), Portogallo (Guardia Nacional) e Olanda (Marechaussèe) e, per l’Italia, i Carabinieri. Il 14 maggio 2010 i deputati italiani, 443 presenti, ratificavano con voto favorevole il “Trattato di Velsen” con 442 voti a favore ed un solo astenuto. Poco dopo la stessa cosa accadeva in Senato ed il 12 giugno 2007 entrava in vigore in Italia un trattato di cui nessun cittadino ne conosce l’esistenza. Il trattato, è di 42 articoli e disciplina compiti e poteri della Eurogendfor. Il trattato spiega che Eurogendfor ha valenza sovranazionale. L’area politica è costituita dei ministri degli esteri e della difesa dei Paesi membri, mentre l’area operativa è costituita dalle forze di polizia che la compongono. Ad oggi può contare su 800 uomini proiettabili in 30 giorni più una riserva di altri 1.500.
I compiti che può svolgere sono molteplici: pubblica sicurezza ed ordine pubblico, espletamento delle funzioni di polizia giudiziaria, controllo e supervisione della polizia locale, polizia di frontiera, attività di intelligence. Ma soprattutto, quello che più risalta agli occhi è che assume dei connotati da super-polizia con dei poteri illimitati che non risponde nemmeno ai governi o ai parlamenti degli Stati aderenti, nè tantomeno  all’Unione Europea e con immunità giudiziaria sia in ambito nazionale che sovranazionale. Vediamo nello specifico alcuni articoli:
art. 21 (inviolabilità di locali, edifici, archivi): I locali e gli edifici di EUROGENDFOR saranno inviolabili sul territorio delle Parti [...] Gli archivi di EUROGENDFOR saranno inviolabili. [...] art. 22 (immunità da provvedimenti esecutivi): Le proprietà e i capitali di EUROGENDFOR e i beni che sono stati messi a sua disposizione per scopi ufficiali, indipendentemente dalla loro ubicazione e dal loro dententore, saranno immuni da qualsiasi provvedimento esecutivo in vigore nel territorio delle Parti.
art. 23 (comunicazioni): Le comunicazioni indirizzate ad EUROGENDFOR o da questa ricevute non possono essere oggetto di intercettazioni o intereferenza. [...]
art. 28: Ciascuna Parte rinuncerà a pretendere ogni indennizzo dalle altre Parti in caso di danno procurato alle sue proprietà nell’ambito della preparazione e dell’esecuzione dei compiti di cui al presente Trattato, comprese le esercitazioni, qualora tale danno sia stato causato dal personale di EUROGENDFOR nell’esecuzione dei proprio compiti previsti dal presente Trattato. Art. 29: prevede  che gli appartenenti ad Eurogendfor non possano subire procedimenti a loro carico a seguito di una sentenza emanata contro di loro, sia nello Stato ospitante che nel ricevente, in tutti quei casi collegati all’adempimento del loro servizio. A questo punto le domande diventano tante… A cosa serve un altro corpo di polizia militare, se in ambito nazionale ed internazionale ne abbiamo già così tanti? E perché crearne proprio uno con dei super poteri ed con immunità giudiziaria? Se non risponde ai governi o ai parlamenti degli Stati aderenti, chi realmente decide la linea politico-strategica di EUROGENDFOR? Come mai gli Stati hanno firmato un trattato che da ampio potere ad una super-polizia sovranazionale senza che essi possano esercitare il benchè minimo potere decisionale/controllo sulla stessa?
L’ultima domanda è: come mai i media ed i giornali non ne parlano? È corretto che i cittadini non ne sappiano nulla?

Al-Qaeda e NATO sempre insieme contro gli stessi nemici. Un’alleanza che fa pensare…
– Posted on 8 gennaio, 2014. Dal Mali alla Siria, passando per la Libia e per gli attentati destabilizzanti in Libano e Russia. Nemici sul grande schermo e sui giornali, amici sottobanco tanto da poter ritenere che sono l’uno complementare all’altro. Oggi apprendiamo che il banchiere di Al-Qaeda, Yasin al-Qadi, che veniva designato come tale e ricercato dagli Stati Uniti dopo gli attentati contro le loro ambasciate in Kenya e Tanzania (1998) – era un amico personale sia dell’ex vicepresidente USA Dick Cheney sia dell’attuale primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan. Il famigerato “terrorista” aveva un tenore di vita lussuoso e viaggiava in un aereo privato facendosi beffe delle sanzioni ONU contro di lui. Così, ha visitato almeno quattro volte Erdoğan nel solo 2012, arrivando dal secondo aeroporto di Istanbul, dove, dopo aver scollegato le telecamere di sorveglianza, è stato accolto dal capo delle guardie di sicurezza del Primo Ministro senza dover passare per la dogana. Secondo la polizia e la magistratura turca l’incontro verteva su alcuni fondi utili a finanziare Al-Qaida in Siria. Nulla di nuovo. Solo l’ennesima conferma che la Turchia è il trampolino di lancio di Al-Qaida in Medio Oriente.
Potremmo anche parlare dell’addestramento di centinaia e centinaia di terroristi ricevuto in Giordania da parte servizi segreti israeliani, prima di essere infiltrati in Siria; oppure delle migliaia di terroristi fatti infiltrare,  dalle Forze Speciali statunitensi sotto direttive della CIA, lungo il confine turco-siriano. Nel giugno 2013 un articolo del LA Times intitolato “Gli USA hanno addestrato e armato segretamente i ribelli in Siria fin dal 2012“ spiegava: “Agenti della CIA e truppe speciali degli USA hanno segretamente addestrato i ribelli siriani sulle armi anticarro e antiaeree dalla fine dell’anno scorso, mesi prima che il presidente Obama approvasse l’intenzione di armarli direttamente, secondo funzionari statunitensi e comandanti ribelli. L’addestramento segreto  degli Stati Uniti presso le basi in Giordania e in Turchia, con la decisione di Obama di questo mese d’inviare armi e munizioni ai ribelli, ha risollevato le speranze dell’opposizione siriana assediata, secondo cui infine Washington avrebbe inviato anche armi pesanti. Finora i ribelli dicono di non avere le armi di cui hanno bisogno per riprendere l’offensiva nell’aspra guerra civile nel Paese“. E’ bene ricordare a questo punto, per chi dovesse meravigliarsi, che nella campagna antisovietica in Afghanistan, finanaziata da USA e Arabia Saudita, tra i vari capi talebani veniva designato Osama Bin Laden quale leader principale di riferimento per i servizi segreti sauditi. Ai mujaheddin già sotto il suo comando si univano dai 22mila ai 30mila combattenti stranieri. Nel 1989 Bin Laden costituiva degli uffici di reclutamento in 35 Paesi per la creazione di Al-Qaida, solo negli USA vi erano uffici in 30 città. Gestiva campi di addestramento, sempre con la complicità dei servizi americani e sauditi, in Afghanistan, nelle Filippine, in Sudan e in Somalia. L’ex direttore della CIA scriverà nelle sue memorie nel 1996, a proposito della conquista dell’Afghanistan da parte dei mujaheddin: “Fu una grande vittoria”. E’ da allora che la CIA (leggasi multinazionali e lobbies di potere sioniste) assieme all’Arabia Saudita e Qatar continuano a gestire, finanziare, addestrare Al-Qaida, allo scopo di agevolare la propria campagna imperialista con false-flag.

«Si può considerare ormai come accettato che la rivoluzione bolscevica del 1917 è stata finanziata e sostenuta, principalmente, dall’alta finanza ebraica, attraverso la Svezia: ciò non è che un aspetto della messa in atto del complotto del 1773». (“Times” del 10 marzo 1920) L’urlo della Grecia non è mai stato così forte. Posted on 28 settembre, 2013. Sono in molti a chiederselo: la Grecia che fine ha fatto? Sono finite le manifestazioni? Sono rientrati tumulti e scioperi? Assolutamente no. Semplicemente, se ne parla di meno, perché ciò che sta accadendo probabilmente è sfuggito dalle mani di chi ha voluto e causato il caos del Paese ellenico. Partiamo da una notizia, che in tempi normali avrebbe del clamoroso: dopo la rimozione, nel 2011, degli apparati dirigenti dell’esercito, il governo nei giorni scorsi, di fretta e furia, ha anche rimosso diversi dirigenti della polizia. Motivo? Questi episodi dimostrano come il governo tema che gli apparati militari e di sicurezza possano da un momento all’altro andare contro le volontà dell’esecutivo, in poche parole ad Atene c’è “aria” da colpo di Stato. Molti dirigenti della polizia infatti, avevano più o meno pubblicamente manifestato la propria contrarietà al clima di austerity imposto dalla troika europea, visto che gli stessi poliziotti spesso sono ridotti quasi alla fame e non riescono ad arrivare alla fine del mese; così, l’esecutivo ha pensato che era bene far piazza pulita ed evitare brutte sorprese. Ma in realtà, la mossa sopra descritta, può far propendere l’ago verso un contesto di paura ed insicurezza il quale, accompagnato da recenti sondaggi in cui i greci dimostrano nostalgia per i colonnelli, potrebbe rappresentare il preludio ad una svolta importante ad Atene. Che il governo ha paura e che la stessa UE rischia di perdere il controllo della bomba che ha innescato, lo si capisce anche da un altro gesto: tentare di dividere la piazza. Infatti, qualche giorno fa c’è stata una misteriosa aggressione mortale verso un rapper ateniese considerato di estrema sinistra; senza alcuna prova, le autorità giudiziarie hanno messo in galera un giovane inizialmente considerato come un militante di Alba Dorata. Al di là, per l’appunto, del fatto che le prove non sembrano così schiaccianti per il ragazzo imprigionato, si è anche venuto a sapere che il giovane non era affatto iscritto al partito di estrema destra entrato in Parlamento durante le ultime elezioni. Ma tanto è bastato, per far esplodere la violenza politica e nelle strade greche, si era smesso di inveire contro la troika europea, riprendendo invece slogan antifascisti abbandonati da tempo, in nome della comune lotta contro l’Euro; in quei giorni, i media ellenici hanno tuonato pesantemente contro Alba Dorata, nel tentativo di isolare questo partito e soprattutto di dividere il fronte antisistema. Ma è durato poco; scoperto l’arcano, anche i più facinorosi hanno smesso di incendiare bandiere di Alba Dorata e si è ripartiti con nuovi scioperi generali, bloccando il Paese e fermando di fatto ogni attività. Dunque, la Grecia non è recuperata e pacificata come il silenzio dei media europei porterebbe a pensare. Oramai, oltre alla nostalgia verso il periodo dei colonnelli, vi è da sottolineare come il 60% dell’opinione pubblica ha perso ogni fiducia verso i partiti dell’ex “arco costituzionale”, dichiarandosi invece più propensa a sperimentare nuovi sistemi politici, ma soprattutto chiedendo a gran voce l’uscita dall’Euro o comunque la fine di un’austerity che condanna il Paese al sesto anno consecutivo di recessione. In più, adesso anche i rettori delle Università iniziano a non ostacolare le proteste quotidiane che si svolgono negli atenei greci; questo perché, la stessa sopravvivenza dei presidi universitari, è a serio rischio: mancano bidelli, professori, manca anche il materiale, non si può far lezione in certi casi, insomma il sistema dell’istruzione superiore, e non solo, è a dir poco al collasso. Quindi, tra silenzi, omissioni, paure e proteste, la Grecia continua a far sentire il suo grido disperato e continua a resistere al tentativo sempre più aggressivo di svendita della sua sovranità, della sua storia e soprattutto della sua cultura. Il grido di Atene, è in realtà anche il grido di tutti gli europei che non si arrendono nel vedere maltrattato e ridotto a nuovo terzo mondo il vecchio continente. di Mauro Indelicato. fonte: www.ilfarosulmondo.it

Il decreto IMU-Bankitalia regala miliardi (delle nostre riserve auree) alle banche e i media sorvolano sulla rapina. Posted on 2 febbraio, 2014 Media, giornali e partiti politici, questa volta sono tutti d’accordo nello stigmatizzare il comportamento in aula dei parlamentari M5S. La cosa ce la stanno ripetendo fino alla nausea. E quindi mi è sorta una domanda: se hanno tutto il sistema contro, forse hanno toccato il tasto giusto? (lungi da me il voler fiancheggiare il M5S) Ed in effetti il tasto è molto dolente, si tratta delle banche e del regalo di diversi miliardi che stanno ricevendo dal nostro governo con il nuovo decreto legge. Nel 1936 la Banca d’Italia aveva un capitale pari a 300milioni di lire; il nuovo decreto ha rivalutato tale capitale in 7,5miliardi di euro. Col tempo la Banca d’Italia (Bankitalia s.p.a.) è divenuto un soggetto le cui quote sono detenute per il 95% da istituti privati e dal 5% dall’INPS (istituto pubblico). Ad essere più precisi: Intesa San Paolo s.p.a. 42,4%, Unicredit s.p.a 22,1%, Generali assicurazioni s.p.a 6,6%, a seguire altri istituti privati. Il nuovo decreto, pensato dal ministro dell’economia Saccomani (ex direttore generale della Banca d’Italia) prevede una furbata allucinante (leggasi criminale) che permette alle banche ed agli istituti assicurativi di rubare una parte delle nostre riserve auree per rimpinguare le casse delle banche. Tale decreto obbliga le banche a vendere le proprie quote fino a possederne un valore non superiore al 3%. Se le banche non dovessero trovare compratori, cosa probabilissima, sarà Bankitalia a ricomprare le quote. In che modo? Attingendo dalle riserve auree, un bene inalienabile il cui proprietario è il popolo italiano. Per Intesa San Paolo si tratta di un incasso di 2,9miliardi al lordo delle tasse e per Unicredit 1,6miliardi (fonte La Repubblica lunedì 31/01/2014).
Tutto questo per rafforzare le banche che, con o senza crisi, trovano sempre il modo per rubare al popolo. Ma sia ben chiaro, sempre in maniera legale.
(A titolo informativo, l’Italia possiede 2452 tonnellate di lingotto di riserve auree pari ad un valore di 23miliardi di euro. Buona parte di queste non sono custodite a Roma in via Nazionale ma nella Federal Reserve a New York. Furono trasferite là durante la guerra fredda per timore di un’eventuale vincita elettorale comunista o invasione da parte dell’URSS e, quindi, per supportare un’eventuale governo italiano in esilio. Dal termine della guerra fredda non si è mai accennato ad un ipotetico ritorno in patria.)
Tags: Banca d'Italia, Banche, banche e politica, bancocrazia, massoneria bancaria

Le Pen su Renzi: “Le sue promesse sanno di austerity e favoriscono solo i mercati finanziari, banche e le multinazionali”. Posted on 16 aprile, 2014
Interessante l’intervista di ieri sera della Gruber a Marine Le Pen, il politico europeo più conosciuto dagli italiani (secondo i sondaggi La7). La Gruber, con domande provocatorie ed astute, ha cercato in tutti i modi di mettere in difficoltà il politico francese che ha trionfato alle scorse amministrative nella stragrande maggioranza dei comuni di Francia.
Nota soprattutto per le sue posizioni anti-europeiste e contraria ai poteri forti della Troika (BCE-FMI-UE) ha sottolineato la necessità di uscire dall’euro per tornare ad una moneta nazionale con cambio 1 a 1. Ha affermato che, mentre la disoccupazione dilaga sempre più giorno dopo giorno, il Cac40 (indice di borsa di Parigi) è in piena salute, così come anche le banche degli altri Paesi e le multinazionali. Ha detto che Grillo è incoerente mentre ha confermato un patto con Matteo Salvini (Lega) per formare un gruppo anti-euro nel prossimo Parlamento europeo. Su specifica domanda riguardante Berlusconi ha detto che non crede sia spacciato perché non sembra il tipo mentre su Renzi ha affermato: “Non mi piace perché mi ricorda Sarkozy. Ha una buona dialettica ma le sue promesse sono espressione dell’austerity che fa male ai popoli e favorisce solo i mercati finanziari, banche e multinazionali”. Se l’hanno capito perfino in Francia. Redazione OsservatorioGlobale

CINA RUSSIA -- COME POTREBBERO FARE QUESTE COSE SPOCHE CONTRO DI NOI, SENZA LA VOSTRA COMPLICITà? A REAL DUTCH CHEMTRAIL DAY People are WAKING up, please join in and HELP Chemtrail Pilots SPRAYING BLOOD BIOLOGIA SINTETICA, ECC... VOI SIETE IL COMPLOTTO DELLA TERZA GUERRA MONDIALE, VOI SIETE GLI ASSASSINI! /watch?v=JmUP7CFzuJE

La Storia scritta dai vincitori a Montecassino non permette che si parli dei loro crimini
Montecassino. Hanno distrutto inutilmente un’abbazia, ( PERCHé DISTRUTTA INUTILMENTE? VI ERANO I DOCUMENTI, CHE, INCHIDAVANO ALLE LORO RESPONSABILITà, LE FAMIGLIE ROTHSCHILD AI LORO CRIMINI E COMPLOTTI! ) e violentato 2mila donne, ma noi li festeggiamo. Questa è l’Italia. A Montecassino hanno distrutto inutilmente l’abbazia, un monastero storico fondato nel 529 da san Benedetto da Norcia. In quella campagna (4 battaglie di Montecassino) hanno stuprato 2mila donne (almeno i dati accertati) e poi bimbe, e tanti uomini indifesi sono stati violentati ed impalati. Ma noi festeggiamo assieme al principino Harry. Ci limitiamo a riportare solo alcune notizie con relativa fonte: da WIKIPEDIA “Il termine marocchinate viene usato per indicare lo stupro di massa attuato dai goumier francesi, inquadrati nel corpo di spedizione francese in Italia (CEF), ai danni di alcune centinaia di persone di ambo i sessi e di tutte le età durante lacampagna d’Italia della seconda guerra mondiale, in particolare dopo la battaglia di Montecassino. […] In seguito a questa battaglia si ritiene che il generale Alphonse Juin abbia dato ai suoi soldati cinquanta ore di “libertà”[1], durante le quali si verificarono i saccheggi dei paesi e le violenze sulla popolazione denominate appunto marocchinate. A seguito delle violenze sessuali molte persone furono contagiate da sifilide, gonorrea ed altre malattie veneree, e solo l’uso della penicillina americana salvaguardò quelle zone da una vasta epidemia.
Le testimonianze. Il sindaco di Esperia (comune in provincia di Frosinone) affermò che nella sua città 700 donne su un totale di 2.500 abitanti furono stuprate, e alcune di esse, in seguito a ciò, morirono. Con l’avanzare degli Alleati lungo la penisola, eventi di questo tipo si verificarono altrove: nel Lazio settentrionale e nella Toscana meridionale.
Lo scrittore Norman Lewis, all’epoca ufficiale britannico sul fronte di Montecassino, narrò gli eventi: « Tutte le donne di Patrica, Pofi, Isoletta, Supino, e Morolo sono state violentate… A Lenola il 21 maggio hanno stuprato cinquanta donne, e siccome non ce n’erano abbastanza per tutti hanno violentato anche i bambini e i vecchi. I Marocchini di solito aggrediscono le donne in due – uno ha un rapporto normale, mentre l’altro la sodomizza. »(Nor man Lewis nel libro Napoli ’44)
Diverse città laziali furono investite dalla foga dei goumier (truppe marocchine): si segnalano nella Provincia di Frosinone le cittadine di Esperia, Castro dei Volsci, Vallemaio, Sant’Apollinare, Ausonia, Giuliano di Roma, Patrica, Ceccano, Supino, San Giorgio a Liri, Morolo e Sgurgola, mentre nella Provincia di Latina si segnalano le cittadine di Lenola, Campodimele, Sabaudia, Spigno Saturnia, Formia, Terracina, San Felice Circeo, Sabaudia, Roccagorga, Priverno, Maenza e Sezze, in cui numerose ragazze e bambine furono ripetutamente violentate, talvolta anche alla presenza dei genitori. Numerosi uomini che tentarono di difendere le proprie congiunte furono uccisi o violentati a propria volta. Su tutti, il caso del parroco di Esperia don Alberto Terrilli, il quale cercò invano di salvare tre donne dalle violenze dei soldati: fu legato e sodomizzato tutta la notte, morendo due giorni dopo per le sevizie riportate.” […) Una nota del 25 giugno del 1944 del comando generale dell’Arma dei Carabinieri dell’Italia liberata alla Presidenza del Consiglio, segnalerebbe nei comuni di Giuliano di Roma, Patrica, Ceccano, Supino, Morolo, e Sgurgola, in soli tre giorni (dal 2 al 5 giugno 1944, giorni della liberazione di Roma), 418 violenze sessuali, di cui 3 su uomini, 29 omicidi, e 517 furti .
Le stime ammonterebbero a circa 3.100 casi, come riportato in una inchiesta italiana sottostimata per difetto fino ai dati probabilmente inverosimili delle 50.000 denunce presentate entro la fine del conflitto.” “Prima della battaglia il generale avrebbe fatto alla truppa questo discorso: «Soldati! Questa volta non è solo la libertà delle vostre terre (colonia francese, ma la liberazione non funzionava così con un proclama) che vi offro se vincerete questa battaglia. Alle spalle del nemico vi sono donne, case, c’è un vino tra i migliori del mondo, c’è dell’oro. Tutto ciò sarà vostro se vincerete. Dovrete uccidere i tedeschi fino all’ultimo uomo e passare ad ogni costo. Quello che vi ho detto e promesso mantengo. Per cinquanta ore sarete i padroni assoluti di ciò che troverete al di là del nemico. Nessuno vi punirà per ciò che farete, nessuno vi chiederà conto di ciò che prenderete». A seguito delle violenze sessuali molte persone furono contagiate da sifilide, gonorrea ed altre malattie veneree, e solo l’intervento della penicellina americana escluse una vasta epidemia in quelle zone. C’è da dire che le violenze non si limitarono alle donne: ci furono centinaia di uomini e ragazzi sodomizzati e alcuni impalati vivi. Le violenze si estesero talvolta a bambine di 7-8 anni per arrivare a vecchie di 80 anni e piu’.
Vennero sodomizzati circa 800 uomini, tra cui anche un prete, don Alberto Terrilli, parroco di Santa Maria di Esperia, che morì due giorno dopo a causa delle sevizie. Molti uomini che tentarono di proteggere le loro donne vennero impalati.
In una relazione degli anni ’50 si legge: «circa 2.000 donne oltraggiate, di cui il 20 % affette da sifilide, il 90 % da blenorragia; molti i figli nati dalle unioni forzose – Il 40% degli uomini contagiati dalle mogli, l’81% dei fabbricati distrutto, sottratto il 90 % del bestiame, gioielli, abiti e denaro»” Redazione OsservatorioGlobale. Riportiamo queste testimonianze anche se sappiamo bene  che non è “politicamente corretto” parlare dei crimini commessi dagli alleati nel corso del secondo conflitto mondiale: si sa che loro erano portatori di “democrazia e libertà”, loro erano dalla parte del giusto mentre dall’altra parte c’era “il male assoluto”.  Ancora oggi abbiamo in Italia sul nostro territorio ben 113 basi americane, in alcune delle quali, sembra accertato che siano custoditi ordigni atomici tattici serviranno a difenderci da altri “mali assoluti” che potrebbero manifestarsi.

La CIA coordina neo nazisti e Jihadisti. di Thierry Meyssan
Il mondo sta cambiando. Un tempo, c’era una destra capitalista e una sinistra socialista. Oggi il mondo è dominato dagli Stati Uniti e la prima questione che si pone è quella di asservirsi ad essi o resistere. Come nella seconda guerra mondiale, troviamo tutte le ideologie in ciascun campo. Per ora Washington coordina l’alleanza tra nazisti e jihadisti in Europa con la benedizione dei russi anti-Putin. Il confronto tra i golpisti di Kiev, sostenuti dalla NATO, e i federalisti ucraini, sostenuti dalla Russia, ha raggiunto un punto di non ritorno. Il 2 maggio, il presidente Olexander Turchinov e l’oligarca israeliano Ihor Kolomoyskyi hanno organizzato un massacro presso la Casa dei sindacati di Odessa che la stampa occidentale ha all’inizio minimizzato e poi soffocato, quando le testimonianze e le prove si sono accumulate. Dopo questi orrori, non è più possibile per due popolazioni continuare a vivere insieme. Sono possibili tre scenari: o gli Stati Uniti faranno dell’Ucraina una nuova Jugoslavia e vi provocheranno una guerra, nella speranza di coinvolgere la Russia e l’Unione europea lasciandole impigliate lì; oppure si moltiplicheranno i teatri di confronto attorno alla Russia, a cominciare dalla Georgia; altrimenti ancora spingeranno dei combattenti affinché destabilizzino la Russia stessa, in Crimea o in Daghestan. Indipendentemente dall’opzione scelta, Washington mette già adesso in campo un esercito mercenario. Il Consiglio di Difesa di Kiev ha inviato emissari in Europa occidentale per arruolare dei militanti di estrema affinché venissero a combattere contro i federalisti (definiti come “filo-russi”). Così, è stata già creata una cellula Pravy Sektor Francia i cui membri saranno presto integrati nella Guardia Nazionale ucraina. Inoltre, il Consiglio di Difesa di Kiev intende “fare numero” aggiungendo a questi neonazisti dell’Europa occidentale degli jihadisti che hanno già una vera e propria esperienza militare. In realtà, se siamo disposti a ignorare l’accozzaglia simbolica degli uni e degli altri, nazisti e jihadisti di oggi hanno in comune sia il culto della violenza sia il sogno sionista di dominare il mondo. Sono pertanto compatibili con tutte le altre organizzazioni sostenute da Washington, compreso il Fronte di Sinistra russo di Sergei Udaltsov, assieme al suo amico, il leader anti-Putin Alexei Navalny. Esistono già numerosi contatti tra loro. Anziché applicare la divisione destra/sinistra della guerra fredda, l’unica linea di scissione pertinente oggi è quella imperialismo/resistenza. In Ucraina, la gente di Kiev fa riferimento alla lotta della Wehrmacht contro gli ebrei, i comunisti e i russi, mentre quella di Donetsk festeggia la vittoria della patria contro il fascismo durante la “Grande Guerra Patriottica” (Seconda Guerra Mondiale). Le persone di Kiev definiscono la propria identità attraverso la propria Storia, reale o mitica, mentre quelle di Donetsk si affermano come persone provenienti da diverse comunità storiche, ma unite nella loro lotta contro l’oppressione. La prova che questa linea di demarcazione sia l’unica rilevante è rappresentata dall’oligarca ebreo Ihor Kolomoisky che finanzia coloro che scandiscono lo slogan “Morte agli ebrei!”. Si tratta di un mafioso che si è accaparrato una delle più grandi fortune d’Europa impadronendosi a mano armata di grandi imprese della metallurgia, della finanza e dell’energia. È sostenuto dagli Stati Uniti e ha piazzato diverse personalità statunitensi – tra cui il figlio del vicepresidente americano Biden – nel Consiglio di Amministrazione della sua holding del settore gas [2]. Non solo non ha alcun problema a finanziare gruppi nazisti, ma ha gioito quando questi hanno ucciso su suo ordine degli ebrei anti-sionisti a Odessa.
La collaborazione tra nazisti e jihadisti non è nuova. Essa trova la sua origine in tre divisioni musulmane delle Waffen SS. La 13ª divisione «Handschar» era formata da bosniaci, la 21ª «Skanderbeg» da kosovari e la 23ª «Kama» da croati. Tutti erano dunque musulmani che praticavano un Islam influenzato dalla Turchia. A dire il vero, la maggior parte di questi combattenti fece diserzione nel corso della guerra contro l’Armata Rossa.
Più di recente, nazisti e takfiristi hanno combattuto di nuovo insieme contro i russi durante la creazione dell’Emirato Islamico di Ichkeria (seconda guerra cecena, 1999-2000). L’8 maggio 2007 a Ternopol (Ucraina occidentale), nazisti baltici, polacchi, ucraini e jihadisti ucraini e russi crearono un cosiddetto “Fronte anti-imperialista”, con il sostegno della CIA. Questa organizzazione è presieduta da Dmytro Yarosh, divenuto durante il colpo di stato a Kiev, nel febbraio 2014, vice segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale di Ucraina, poi candidato di Pravy Sektor alle elezioni presidenziali del 25 maggio. Nel luglio 2013, l’emiro del Caucaso nonché responsabile locale di Al-Qa’ida, Doku Umarov, fece appello ai membri del “Fronte anti-imperialista” affinché andassero a combattere in Siria. Tuttavia, non vi è alcuna documentazione chiara della partecipazione di nazisti nelle operazioni attuali di destabilizzazione del Levante.
Alla fine, alcune decine di jihadisti tatari della Crimea sono giunti a combattere in Siria, e poi sono stati trasportati dal MIT turco a Kiev per partecipare agli eventi di EuroMajdan e al colpo di stato del 22 febbraio a fianco di Dmytro Yarosh.Le misure adottate in Europa, su richiesta del segretario USA della Homeland Security Jeh Johnson, volte a impedire il ritorno degli jihadisti a casa loro, indicano che la CIA intende utilizzarli su un nuovo fronte . Le dimissioni forzate del principe Bandar bin Sultan, il 15 aprile, su richiesta del Segretario di Stato John Kerry , e poi quella di suo fratello, il principe Salman bin Sultan, il 14 maggio, su pressione del Segretario della Difesa Chuck Hagel , attestano la volontà statunitense si riorganizzare il dispositivo jihadista. I Resistenti europei e arabi sapranno allearsi anche loro? Thierry Meyssan. Fonte: Voltairenet

#Siria. UFFICIALMENTE CONFERMATO DA 'USA TODAY' : "GRUPPI MERCENARI IN SIRIA HANNO RICEVUTO MISSILI ANTICARRO TOW DI FABBRICAZIONE AMERICANA". Gli Stati Uniti sono un regime terroristico criminale e un pericolo per il mondo intero . Il quotidiano 'USA Today': " Gli USA hanno inviato missili ai terroristi in Siria per un programma pilota" . È confermato ufficialmente , i mercenari terroristi in Siria hanno ricevuto missili anticarro americani come parte di un progetto pilota per combattere siriani ed esercito arabo siriano . Questo modello di missili teleguidati (TOW) sono in grado di penetrare qualsiasi corazza, fortificazione e bunker, distanti anche oltre quattro miglia, ha detto il quotidiano 'USA Today'. Questo nuovo "progetto pilota" ha lo scopo di aiutare i mercenari che combattono contro i siriani, le forze nazionali e il governo di Damasco di Bashar al Assad . "Stiamo allo stesso tempo assicurandoci che queste armi pesanti non cadano nelle mani dei radicali-jihadisti", ha detto un funzionario esaltato del regime di Obama che ha parlato al quotidiano 'USA Today' in condizione di anonimato.
La propaganda di regime americano ha detto che questo arsenale deve essere utilizzato dai gruppi "moderati" terroristici in alcune città strategiche, come Aleppo: "Stiamo iniziando a provarli e poi vedremo se funzionano", ha detto (le cavie umane sono i cittadini siriani). Tradotto dal linguaggio biforcuto del regime USA significa: "Noi useremo queste armi e vedremo quanti siriani possiamo uccidere in un colpo solo: più persone le nostre marionette jihadiste saranno in grado di uccidere, più TOW noi consegneremo loro" .
L'amministrazione Obama a parole dice che questi missili raggiungeranno i gruppi moderati: il problema è che, in primo luogo, non esistono gruppi terroristici "moderati", e la seconda é che in realtà l'amministrazione Obama se ne frega, perché il suo unico obiettivo militare è quello di creare devastazione nel paese e uccidere più persone possibile, per facilitare il caos e la caduta del governo patriottico in Damasco.
Alcuni analisti internazionali sostengono che tale potente tecnologia è già, da mesi, nelle mani di diversi gruppi terroristici mercenari. Per ora, l'Esercito Arabo Siriano sta seppellendo terroristi mercenari a centinaia tutti i giorni, e si sa che i morti non sono in grado di utilizzare tali sistemi missilistici, se non che per un viaggio di sola andata per il loro inferno takfirista. http://wp.me/p1P9ia-8CB

Bashar al-Assad -- [ IMBECILLE ] -- TU SEI UNA VITTIMA, DELLA TUA STESSA SHARIA! IO NON SONO CON TE, AL 100% QUINDI! ] "Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo ] [ Ex ambasciatore francese: Basta con le menzogne sulla Siria ] di Michel Raimbaud. La Siria sta affrontando una guerra barbara, crudele ed implacabile: 150.000 morti, centinaia di migliaia di feriti, milioni di sfollati e di rifugiati (1 per ogni 3 siriani si trova in una di queste due ultime situazioni), distruzione di case, di scuole, di ospedali, di fabbriche, di infrastrutture, saccheggio del patrimonio archeologico e culturale. L’opposizione che si supponeva pacifica, quella a cui hanno dato appoggio i nostri dirigenti (occidentali e francesi) ed i loro amici islamisti della Turchia, dell’Arabia Saudita e del Qatar, è riuscita per molto tempo a mantenere una illusione e dissimulare la sua enorme responsabilità in questo bilancio. Adesso che iniziano a sciogliersi le lingue nessuno può continuare ignorando che la denominata  opposizione è ricorsa alle armi senza aspettare di vedersi sorpassata dai selvaggi yihadisti (integralisti islamici)  che stiamo vedendo in azione da circa 2 anni.  Questa chiamata opposizione aveva già ricorso alla provocazione così come alla violenza ed al terrorismo dai primi giorni della crisi. Era impossibile vedere, di conseguenza, che la predestinavano a convertirsi nel legittimo rappresentante del popolo siriano. Ma così lo avevano deciso i sottili personaggi che ci governano, .credendosi i padroni del mondo. E  questi personaggi vanno ancora più lontano in materia di cinismo nel mantenere il silenzio sugli orrori perpetrati dai jihaddisti moderati ed i terroristi democratici ed attribuire poi al regime la responsabilità per il calvario che oggi vivono i siriani.
Tuttavia i siriani, nella loro grande maggioranza- e basta ascoltare gli innumerevoli testimoni per convincersi di questo- solo vedono una soluzione per uscire da questo inferno: l’Esercito Nazionale, il cui intervento – dicano quello che vogliono dire i falsari che dissimulano le verità scomode- viene desiderato e non temuto, rappresenta l’unica speranza di salvezza.  L’Esercito Arabo Siriano, che è composto da reclute, simboleggia l’unità della Nazione, Assieme al presidente Bashar al Assad, l’Esercito Nazionale siriano è la garanzia della personalità dello Stato e delle sue istituzioni.
I residenti dei quartieri coinvolti nella disgrazia della “rivoluzione”, stabiliscono spontaneamente la differenza tra l’esercito regolare ed i selvaggi mercenari che pretendono di imporre una legge di altri tempi e non ci sono dubbi. Questo si riscontra quando scattano le foto per immortalare l’accoglienza che dispensano ai loro soldati che li liberano dei supposti “liberatori”, come successo recentemente ad Homs.
L’inganno è durato per troppo tempo. Bisogna smettere di mentire ai francesi ed abbandonare la difesa di una causa indifendibile. La Francia, che già ha partecipato attivamente alla destabilizzazione della Libia, non può continuare ad essere complice della distruzione della Siria, non può continuare ad essere complice della distruzione della Siria, non può seguire ad appoggiare in Siria i terroristi che dice di combatterein Africa, non può perseguire al Boko Haram in Nigeria ed ignorare il martirio che i suoi amici yihaddisti infliggono alla città siriana di Aleppo. Questa schizofrenia è semplicemente indecente. Aleppo è un caso degno di studio. Già da circa 2 anni che la capitale economica della Siria si trova sotto assedio ed è parzialmente occupata da una “rivoluzione armata” la cui difesa non può assumere nessuna persona decente. La popolazione di Aleppo viene castigata perché non ha accettato di appoggiare la “rivoluzione” di questi miliziani. Con un aperto e forte appoggio di un regime turco che ha gettato la maschera e perso la ragione, yihaddisti, terroristi e mercenari –che spesso provengono dal Caucaso e dall’Asia Centrale- si sforzano per bruciare la resistenza alla popolazione di Aleppo. Adesso sappiamo che le “grandi democrazie” non sono molto scrupolose nella selezione dei propri alleati e già si può comprovare che neppure dubitano nel presentare la Yihad come una guerra per la libertà e per i diritti umani (e delle donne). I ragazzi del Fronte al Nursa, succursale di al Quaeda nella regione, “stanno facendo un buon lavoro”, secondo quanto di è arrischiato a dire un ministro francese (ministro degli esteri) che rimarrà negli annali (Laurent Fabius). Questa fine osservazione, chepotremmo estendere quanto più sulla bocca di qualche analista da bancone di bar, suona abbastanza inappropriata in bocca al capo della diplomazia di una “grande democrazia” che passa la sua vita dando lezioni ad altri paesi.
“Non lo sapevamo”, diranno gli stessi che mai hanno voluto sapere. Questa frase ci porta molti ricordi. Sapere che? Che gli abitanti di aleppo si trovano sistematicamente vittime della fame e della sete che gli impongono i ribelli che li utilizzano come ostaggi ed i loro padroni turchi, ugualmente promotori del saccheggio e del furto alla Siria delle fabbriche intere trasferite ( in Turchia)? Che gli abitanti di Aleppo sono stati privati dell’acqua potabile, dell’elettricità, degli alimenti, delle medicine per un capriccio dei “liberatori” senza che la famosa “comunità internazionale”(che riunisce gli europei e gli statunitensi “dell’asse del bene”) dica neppure una sola parola- sembra che sia tutta impegnata nella ricerca delle scolari sequestrate in Nigeria. Non abbiamo ascoltato neanche una parola su Aleppo dalla bocca delle ONG, né quelle della Croce Rossa, né quello dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rigugiati , né da navi Pillay (capo dell’Alto Commissariato dell’ONU per i Diritti Umani), né dall’ineffabileConsiglio dei Diritti Umani dell’ONU, né dal placido signor Ban Ki Mon(segretario generale dell’ONU) e dai pupazzi del più citato “diritto umanitario” per denunciare il blocco (instaurato vicino aleppo) con la complicità degli Stati che si dicono “grandi”. Forse che non lo sapevamo?Non c’è bisogno di essere ministro, responsabile politico, intellettuale o giornalista per informarsi e annullare il muro dell’indifferenza selettiva, della disinformazione di massa, della menzogna collettiva. Basta essere una persona ragionevolmente onesta. Sarà questa una specie in via di estinzione ei nostri paesi, tanto soddisfatti di se stessi e tanto inzuppati di devozione quando si tratta di difendere diritti e libertà nei paesi degli altri? Le vittime della guerra universale che si sta sviluppando contro la Siria (di sicuro la metà di queste vittime provengono dall’Esercito siriano, dalle forze di sicurezza e dai comitati di difesa)sono morti vittime della barbarie, della menzogna, dell’indifferenza. Non lo sapevamo, andranno a dire. Si,si lo sapevano! Lo sapevano incluso tanto bene che, di forma cosciente e sistematica, si sono dedicati ad avvolgere i propri concittadini in una nube opaca di affermazioni false, di verità e bugie, di falsi valori, di ingannevoli figure. Chi si azzarderà a chiedere loro conto delle menzogne? Rimarranno impuniti, come sempre succede, per essere tanto potenti e tanto numerosi? Se soltanto uno di loro fosse preso di mira da un processo presso la Corte Penale Internazionale, come potrebbe esserlo un africano o un arabo qualunque, ci restituirebbe qualche speranza in termini di valori che vediamo ogni giorno calpestato e calpestato da coloro che li usano per nascondere la propria bassezza.
Fonte: Al Manar Michel Raimbaud, ex ambasciatore di Francia, docente presso il Centro Studi telegrafici e Strategici (CEDS), insignito della Legion D’Onore, ufficiale dell’ordine Nazionale del Merito, ex consigliere diplomatico e ministro in Brasile.
Traduzione di Luciano Lago

MALE MOLTO MALE! ONU NATO, OCI, LEGA ARABA USA. UE, SOSTENGONO LA GALASIA JIHADISTA! ] Israele si sta impegnando in una guerra diretta con la Siria
Il regime israeliano si sta impegnando in una guerra diretta con la Siria attraverso la realizzazione di diversi attacchi contro il paese arabo, lo dice un analista  statunitense,, Jimmy W. Dean, direttore della rivista  “VT Veterans Today”.
“Abbiamo scoperto attraverso le nostre fonti che i siriani misero fuori combattimento uno dei sottomarini  invisibili di Israele che essi catturarono vicino alla riva, dove un elicottero, aveva lanciato un siluro homing torpedo”, ha detto Jim W. Dean.
Lo stesso ha aggiunto che Israele ha risposto un paio di giorni dopo ed ha usato un’arma mini-nucleare sul grande deposito di armi al di fuori della capitale siriana, Damasco.
Il regime di Tel Aviv ha anche condotto diversi altri attacchi aerei interritorio  siriano, questo ha dimostrato che Israele è direttamente impegnata in una guerra con la Siria, ha spiegato. Il commentatore ha inoltre dichiarato tutti i paesi occidentali, compresi gli stati membri della NATO, sono responsabili per il loro coinvolgimento nella formazione e sostegno dei terroristi in Siria, dicendo: “Non stanno neppure arrestando qualcuno dei terroristi che fanno ritorno a casa (in Europa); agiscono come se non ci fosse niente che si possa fare a riguardo “. Dean ha anche sottolineato che la comunità internazionale e anche molti stati membri delle Nazioni Unite “sono attivamente impegnati nel terrorismo di Stato verso uno Stato membro delle Nazioni Unite.” L’analista ritiene che l’ONU ha sostanzialmente disonorato la sua funzione in quanto si comporta come se cercasse  di tenersi fuori ad ogni costo da questo conflitto. Facendo riferimento al rapimento delle ragazze della scuola nigeriane da parte del gruppo Boko Haram Takfiri ei terroristi in Siria, l’analista ha detto che ” la reputazione internazionale americana è stata totalmente distrutta da queste vicende, visto che incidente dopo incidente, si assiste all’applicazione del doppio standard che significa: quando noi lo facciamo, è OK, quando Israele fa è OK; è solo una brutta cosa quando altre persone lo fanno “.
Dean ha concluso che i futuri giovani del mondo potrebbero vedere che tutto quello che fanno gli americani corrisponde a menzogna, provocazione e cinismo.
L’analisi dell’analista è arrivata dopo che l’ambasciatore siriano  alle Nazioni Unite,   Bashar Ja’afari,  è intervenuto il Martedì scorso ed ha denunciato che il regime israeliano sostiene miliziani stranieri, terroristi – che operano contro il governo del presidente Bashar al-Assad. Ja’afari ha anche sottolineato il doppio standard di Washington dimostrato nel trattare con gruppi militanti in Siria e in altri luoghi del mondo, dicendo che l’amministrazione americana considera militanti Takfiri in paesi come la Nigeria come terroristi, ma definisce gli stessi militanti in altro paese come “opposizione moderata armata” e li sostiene concretamente.