stop pope visits Israel

pope visits Israel
Torn between competing ‘claimants,’ Pope faces uphill battle to spread peace on Holy Land visit
Francis wants to support reconciliation, peace talks, local Christians and more, on a tight, sensitive schedule, where every word and gesture will be scrutinized
By Lazar Berman May 22, 2014,

Pope Francis and Prime Minister Benjamin Netanyahu will meet when the pope visits Israel in May
    Jewish extremists barred from Jerusalem for pope’s visit
    Pope says Middle East trip will be ‘purely religious’
    Pope’s rabbi friend hails significance of wreath-laying at Herzl’s grave
    Christian emigration looms over pope’s first Holy Land visit
    Chasing Francis: Five spots to catch the holy rolling pope

Pope Francis has done very well in his first year in office.

Get The Times of Israel's Daily Edition by email
and never miss our top stories   Free Sign up!

His laid-back style has played well both in the pews and on the front pages, bringing Catholics back to church and winning over a media that has seemed far more inclined to portray the Vatican in a negative light.

And now, after countless invitations and endless speculation, Francis is heading for one of the arenas that holds the most potential peril, and opportunity, for a pope — the Holy Land.

Any papal visit to Israel risks sending an unintended message via a poorly worded statement or even an improvised gesture. Pope Paul VI’s historic 1964 visit was remembered here for his telegram of gratitude sent to Tel Aviv rather than Jerusalem — taken by many Israelis, and presumably intended, as a diplomatic slap in the face. Benedict XVI was criticized for his 2009 speech at Yad Vashem in which he did not specifically apologize for the Church’s conduct during the Holocaust.

Visiting Jordan, the Palestinian Authority, and Israel, Francis has a dizzying array of interests and expectations to balance on a three-day trip in which every word, every gesture will be examined. In this difficult environment, a visit must be planned meticulously to ensure that no party feels slighted and the intended message gets across as meant.

But even with a brief, low-key trip, in a land where some of his goals seem mutually exclusive, Francis risks stepping on the very message he intends to convey.

There are three competing “claimants” to the focus of this trip, explained Rabbi David Rosen, AJC’s director of interreligious affairs: the Orthodox ecumenical patriarch Bartholomew, Francis’s close friend Rabbi Abraham Skorka, and President Shimon Peres, whose retirement is impending. That is, the trip is being presented simultaneously as an intra-Christian affair, an opportunity to advance Catholic-Jewish relations, and a political encounter.

In all three arenas, Francis faces significant challenges.
‘That they may be one’

The view of the visit as a celebration of intra-Christian reconciliation is, officially, the correct one.

The trip marks the fiftieth anniversary of Paul VI’s visit to Israel, during which he met with the Ecumenical Patriarch Athenagoras, the “first among equals” of the Orthodox patriarchs. The meeting was a major step in healing the rift between the two churches, estranged and mutually excommunicated for nine centuries over a variety of cultural, political, and theological issues.

“It will be a purely religious trip,” Francis told pilgrims in St. Peter’s Square on Wednesday.

Indeed, the motto of the pontiff’s trip is Ut Unum Sint, meaning “so that they may be one,” and the official logo is an embrace between St. Peter, representing Catholicism, and St. Andrew, representing Orthodoxy.
Detail from logo for Pope Francis’s trip to Israel (photo credit: Vatican)

Detail from logo for Pope Francis’s trip to Israel (photo credit: Vatican)

Over the course of his two days in Israel, Francis will meet with current Ecumenical Patriarch Bartholomew four times in Jerusalem, for private talks, prayer, and a joint dinner.

“By commemorating it [Paul VI's meeting with Athenagoras],” George Weigel, senior fellow at the Ethics and Public Policy Center and biographer of John Paul II, told The Times of Israel, “the pope is underscoring his support for closing the breach between Rome and Constantinople — a process made much more complex by the aggressive actions of Russian Orthodoxy in recent years.”

The Russian Orthodox hierarchy has been at odds with Catholics since the fall of the Soviet Union, when the reinvigorated Russian church began a propaganda campaign against the Vatican, and passed laws targeting Russian Catholics. Catholic priests were kicked out of the country, and dialogue between the two communities ground to a halt.
Activists and priests pay respects to protesters who were killed in clashes with police in Kiev, Ukraine, Thursday, February 20, 2014 (photo credit: AP/Efrem Lukatsky)

Activists and priests pay respects to protesters who were killed in clashes with police in Kiev, Ukraine, Thursday, February 20, 2014 (photo credit: AP/Efrem Lukatsky)

The current crisis in Ukraine hasn’t helped matters. The Ukrainian Greek Catholic Church — in communion with Rome — has sided with the Ukrainian government in Kiev, while the Russian Orthodox church is considered close to the Putin regime and to separatists in eastern Ukraine.

Still, Francis has seen some success moving reconciliation forward, with Bartholomew attending his inauguration, the first time the leader of Orthodox Christians has done so since the 1054 split.
Striking a difficult balance

Though the visit is a Christian religious affair, Francis has other goals, some difficult to balance with the others.

“The pope also wants to demonstrate his love and esteem for Israel and its people,” Murray Watson, co-founder of the Center for Jewish-Catholic-Muslim learning at Ontario’s Western University, noted to The Times of Israel, “his solidarity with the Palestinian people and their aspirations, and his desire to support efforts toward a just and lasting peace between both peoples, which have encountered some rough spots in recent weeks and months.”

“The pope wants, most of all, to be a messenger of love and hope for all the peoples of this region, and to do whatever he can to strengthen the local Christian communities.”

But how many of these worthy, but complex, goals will Francis be able to advance in just 72 hours? And is his program even built for these ideas to be properly expressed?

His itinerary will make it tough to win over Israelis. Francis is rushing through Jewish sites — the Western Wall, Mount Herzl, and Yad Vashem — in little more than an hour, and from his schedule, it appears he will have almost no opportunity to improvise and interact with regular Israelis, one of his most important strengths.

In addition, it will be a major feat if Francis is able to satisfy both Israelis and Palestinians.

The official Vatican program says that Francis will be visiting “the state of Palestine,” which has led some to speculate that the Vatican may recognize a Palestinian state. Palestinian officials have publicly expressed their expectation that Francis will demand an end to Israeli occupation; it will take a very carefully worded spiritual message to satisfy Palestinian anticipations while not turning off Israelis.

Meeting with children who have grown up in refugee camps, while sure to demonstrate compassion for the suffering of Palestinians, also presents an opportunity for an slip-up. But insufficiently sympathetic statements will be taken as a slight by Palestinians.

On the stalled peace process, the pope’s role is quite limited. He can encourage efforts already in place, but is clearly in no position to bring about peace on his own.

But, says Watson, he is likely still looking to convey a message.

“He can encourage grassroots individuals and groups — especially in the Christian communities, but not only Christians — to continue their efforts toward greater respect, justice and cooperation, and he can speak — as someone who is respected as a friend of both ‘sides’ — a message that can challenge both groups.”

    ‘In the program at the moment, there is nothing’ dedicated to advancing peace between Israelis and Palestinians, noted Rabbi Rosen

Even that message won’t be simple to convey. Francis will have to communicate “without yielding to the temptation of a polarized discourse that might seek to ‘recruit’ the Pope as an ‘ally’ of their particular point-of-view, and against ‘the other,’” said Watson.

Francis might have missed an important opportunity to make a statement about Israeli-Palestinian peace with his choice of official travel companions, fellow Argentinians Rabbi Abraham Skorka and Sheikh Omar Abboud. While the inclusion of his colleagues sends “an extremely strong and explicit signal” about interfaith dialogue, in the words of chief Vatican spokesman Rev. Federico Lombardi, the fact that he is not bringing together any Jewish and Muslim clergy who actually live here could send a different message.

“In the program at the moment, there is nothing” dedicated to advancing peace between Israelis and Palestinians, noted Rabbi Rosen. “So he brings an Argentinian rabbi and an Argentinian imam, that’s very nice, but no event where he’s bringing together an imam or a rabbi here.”

His schedule is not conducive to the goal of supporting local Christian communities either. Most of Israel’s Christians live in the Galilee, especially in Nazareth, Haifa, and Shfaram, but Francis will not reach the area at all.

This is all the more perplexing given that the plight of local Christians is of prime concern for the Church. The Vatican’s local spokesman for the visit, Father David Neuhaus, told The Times of Israel that “we would like the theme to be increased awareness of the Christian presence in the land, an essential part of what this land is about.”

“Great concern arises from the condition of life faced by Christians who in many parts of the Middle East suffer gravely as a consequence of the current tensions and conflicts underway,” said Francis in November 2013.

“We must not resign ourselves to thinking of a Middle East without Christians, who for 2,000 years have confessed the name of Jesus, and have been fully integrated as citizens into the social, cultural and religious life of the nations to which they belong.”

The Christian population in the Holy Land, once 10 percent, has dwindled down to less than 3 percent, and vandalism by Jewish extremists has sparked growing concern by the Vatican over the seriousness of law enforcement efforts to stop the attacks.
A nun and a priest pass by the Basilica of the Annunciation in Nazareth (photo credit: Nati Shohat/Flash 90)
“The problem about any claim that he’s coming for the Christians is not only why is his visit so short, but why isn’t he going to the Galilee at all, where 80% of the Christians live. Therefore it’s rather disingenuous to say you’re coming for the Christians and ignore the vast majority of them,” said Rosen.
A question of legal personality

For more than four decades after Israel’s founding, the Vatican refused to officially recognize the Jewish state. Finally, after years of hints and small gestures, the two sides sat down in 1991 to negotiate what would become the Framework Agreement.

The talks covered three areas — the relationship between the Vatican and the State of Israel, Catholic-Jewish relations, and the status, or “legal personality,” of Church property and interests within Israel.

The negotiations, which wrapped up in 1993, succeeded in forging an agreement on the first two issues. Talks over the third have still not culminated in a comprehensive settlement.

Though Francis will not involve himself directly in the ongoing talks, the pope’s visit has the potential to provide added impetus to conclude a final agreement.

Here, too, obstacles have arisen.

The Church seeks a recognition of a special status, giving it certain tax and property privileges, and the recognition of canon law within the Israeli legal structure, but Israel is wary of establishing a sweeping precedent for one particular group.

Instead, Israel has insisted on negotiating every item and property, despite the fact that the Vatican signed the Framework Agreement with Israel with the understanding that legal personality issue would be agreed upon and ratified quickly.

“It’s never been brought to the government,” explained Rosen. “Never been ratified. As far as Israeli law is concerned, it doesn’t exist.”

Though the Vatican has submitted to Israel on the itemized negotiations, it has insisted on increased usage rights on property that was historically under its control.

One of those sites is the Cenacle, the site of the Last Supper on Mount Zion.

Ultra-Orthodox Jews have been spreading the idea that Israel is considering giving control of the Cenacle to the Church, not just granting increased prayer access. The issue has struck a nerve, and rallies opposing the idea have drawn thousands of religious Jews to the site.
Jewish men pray at David‘s Tomb, May 2014 (photo credit: Lazar Berman/Times of Israel)

Jewish men pray at David‘s Tomb, May 2014 (photo credit: Lazar Berman/Times of Israel)

Both sides reject the idea that it is considering giving up control of the site.

“We are not asking for sovereignty over Mount Zion or the Tomb of David,” said Neuhaus, who also serves as the leader of Israel’s Hebrew Catholic community. “We are asking for something very small. In view of the enormous importance of the site, we are asking for access.”

“There is no truth whatsoever to these rumors” about ceding control, said Akiva Tor, head of the Jewish Affairs and World Religions Bureau at the Foreign Ministry.

“The room of the Last Supper will remain under Israeli ownership and possession and will be operated by Israel in any future agreement. And the negotiations with the Vatican on exactly what will be the standing of the Cenacle is part of our negotiation with them…The negotiations on the economic agreement deals with many practical issues such as taxation and municipal taxes and other items related to Church property in Israel. Among the many issues discussed there has also been discussion about appropriate arrangements for Christian prayer in the Cenaculum.”

A source who asked not to be named told The Times of Israel that Israel has “basically agreed to give them usage,” but because of the recent campaign by ultra-Orthodox Jews to prevent increased Catholic control on Mount Zion, Israel has decided to wait until things quiet down after the pope’s visit.

“We’re toward the end of negotiations, but signing is not imminent,” said Tor.
Visual parables

Despite the competing expectations of the pope from involved parties, and the omissions built into the schedule of his short trip, Francis still can accomplish much in his time here.

He has already chalked up one achievement before even showing up. Francis’s impending arrival has brought media attention — and subsequent political action — to the recent rise in “price tag,” or hate crime, attacks against Christian sites and property.

“They are paying attention now because of the visit of the pope,” said Rosen. “That now is leading to certain actions being taken by law enforcement… both monitoring with cameras, more police presence, and especially with regards to Mount Zion, reining in some more extremist elements.”
Pope John Paul II places a letter between the stones of Jerusalem’s Western Wall on March 26, 2000. (photo credit: Amos Ben Gershom/Israel Government Press Office via Getty Images/JTA)

Pope John Paul II places a letter between the stones of Jerusalem’s Western Wall on March 26, 2000. (photo credit: Amos Ben Gershom/Israel Government Press Office via Getty Images/JTA)

Watson believes the trip will be thought of as a success if Francis “is able to speak a message of respect, love and support for Jordanians, Palestinians and Israelis alike, without any of those groups trying to exploit his words or actions for partisan political purposes, which could undermine his goals in coming here.”

He also expressed the hope that the pope’s visit to the Western Wall, his remembrance at Yad Vashem, and his meeting with Netanyahu, Peres, and the chief rabbis will serve as “visual parables” guiding Catholics in how they should think about Judaism.

Others believe that the key, at least to Jews and Israelis, to viewing the trip as a success is the wording of Francis’s statement at Yad Vashem.

“If there’s one word that Israelis really want to hear, it’s sorry,” Rosen explained. “And if at Yad Vashem he can say that the burden of Christian guilt or the role that the Christians played in paving the way or even collaborating in this most heinous of tragedies committed to Jews, should weigh heavily on the shoulders of every true Christian, that would gain him automatically his success card from Israeli society.”

Perhaps the most important fact to remember about Francis, however, is that one should expect the unexpected.

“He’s a man of surprises,” said Weigel, “so if something happens ‘off-schedule,’ I wouldn’t be completely surprised.”

Read more: Torn between competing 'claimants,' Pope faces uphill battle to spread peace on Holy Land visit | The Times of Israel http://www.timesofisrael.com/pope-faces-uphill-climb-to-achieve-visits-goals/#ixzz32TdIjIR1
Follow us: @timesofisrael on Twitter | timesofisrael on Facebook

Lacerato tra concorrenti ' pretendenti ', il Papa affronta dura battaglia per diffondere la pace in Terra Santa visita
Francesco vuole sostenere la riconciliazione , i colloqui di pace , i cristiani locali e di più , su una stretta, pianificazione sensibile , dove verranno esaminati ogni parola e gesto
Con Lazar Berman 22 Maggio 2014 ,

Papa Francesco e il primo ministro Benjamin Netanyahu si incontreranno quando il Papa visita Israele nel maggio
    Estremisti ebrei sbarrate da Gerusalemme per la visita del papa
    Papa: viaggio in Medio Oriente sara ' puramente religioso '
    Rabbino amico del Papa saluta significato della corona - posa sulla tomba di Herzl
    L'emigrazione cristiana sovrasta prima visita Terra Santa del Papa
    Chasing Francis : Cinque punti per catturare il papa rotolamento santo

Papa Francesco ha fatto molto bene nel suo primo anno in carica .

Get The Times di Israele Daily Edition per e-mail
e non perdere mai le nostre migliori storie Iscriviti ora!

Il suo stile rilassato ha giocato bene sia nei banchi e nelle prime pagine , portando i cattolici di nuovo in chiesa e vincere su un supporto che è sembrato molto più inclini a ritrarre il Vaticano in una luce negativa .

E ora , dopo innumerevoli inviti e infinite speculazioni , Francesco si sta dirigendo verso una delle arene che detiene il maggior potenziale pericolo , e l'opportunità , per un papa - la Terra Santa .

Ogni visita papale in Israele rischia l'invio di un messaggio non volute tramite una dichiarazione mal formulata o anche un gesto improvvisato . Storico 1964 la visita di Papa Paolo VI, è stato ricordato qui per il suo telegramma di ringraziamento inviato a Tel Aviv piuttosto che a Gerusalemme - presa da molti israeliani , e presumibilmente destinato , come uno schiaffo diplomatico in faccia . Benedetto XVI è stato criticato per il suo discorso 2009 alle Yad Vashem in cui egli non ha specificamente scusa per il comportamento della Chiesa durante l'Olocausto .

Visitando Giordania, Autorità palestinese e Israele , Francesco ha una vertiginosa serie di interessi e delle aspettative di equilibrio su un viaggio di tre giorni in cui ogni parola , ogni gesto sarà esaminata . In questo difficile contesto , la visita deve essere pianificata meticolosamente per garantire che nessun partito si sente disprezzato e il messaggio desiderato ottiene attraverso come significato .

Ma anche con un breve viaggio , low-key , in una terra dove alcuni dei suoi obiettivi sembrano escludersi a vicenda , Francesco rischia di salire sulla messaggio molto che intende trasmettere.

Ci sono tre concorrenti " pretendenti " al centro di questo viaggio , ha spiegato il rabbino David Rosen , direttore del AJC degli affari interreligiosi : il patriarca ecumenico ortodosso Bartolomeo , amico intimo di Francesco rabbino Abraham Skorka , e il presidente Shimon Peres , il cui pensionamento è imminente . Cioè , il viaggio viene presentato contemporaneamente come un affare intra - cristiano , un'opportunità per progredire le relazioni cattolico -ebraiche , e un incontro politico .

In tutti e tre arene , Francesco deve affrontare sfide significative .
' Che siano una cosa sola '

La vista della visita come una celebrazione di riconciliazione intra - cristiano è , ufficialmente , quello corretto .

Il viaggio segna il cinquantesimo anniversario della visita di Paolo VI a Israele , durante la quale ha incontrato il Patriarca Ecumenico Athenagoras , il " primus inter pares " dei patriarchi ortodossi . L'incontro è stato un passo importante nella guarigione della frattura tra le due chiese , estraniato e reciprocamente scomunicato per nove secoli su una varietà di questioni culturali , politiche e teologiche .

"Sarà un viaggio puramente religiosa ", ha detto Francesco pellegrini in Piazza San Pietro il Mercoledì .

Infatti , il motto del viaggio del pontefice è Ut Unum Sint , che significa " affinché siano una cosa sola ", e il logo ufficiale è un abbraccio tra San Pietro , che rappresentano il cattolicesimo , e St. Andrew , che rappresenta l'Ortodossia .
Dettaglio da logo per il viaggio del Papa in Israele Francis ( photo credit: Vaticano )

Dettaglio da logo per il viaggio del Papa in Israele Francis ( photo credit: Vaticano )

Nel corso dei suoi due giorni in Israele , Francis si incontrerà con l'attuale Patriarca Ecumenico Bartolomeo quattro volte a Gerusalemme , per colloqui privati ​​, la preghiera , e una cena in comune .

"Per commemorare esso [ l'incontro di Paolo VI con Atenagora ]", George Weigel , senior fellow presso l' Ethics and Public Policy Center e biografo di Giovanni Paolo II , ha detto al Times di Israele ", il papa sottolineando il suo sostegno per chiudere la frattura tra Roma e Costantinopoli - un processo reso molto più complesso dalle azioni aggressive dell'ortodossia russa negli ultimi anni " .

La gerarchia ortodossa russa è in contrasto con i cattolici dopo la caduta dell'Unione Sovietica , quando la chiesa russa rinvigorito ha iniziato una campagna di propaganda contro il Vaticano , e approvato leggi di targeting cattolici russi . Preti cattolici sono stati cacciati fuori dal paese , e il dialogo tra le due comunità a un punto morto .
Attivisti e sacerdoti pagano rispetti a manifestanti che sono stati uccisi in scontri con la polizia a Kiev , Ucraina , Giovedi, 20 February , 2014 ( photo credit: AP / Efrem Lukatsky )

Attivisti e sacerdoti pagano rispetti a manifestanti che sono stati uccisi in scontri con la polizia a Kiev , Ucraina , Giovedi, 20 February , 2014 ( photo credit: AP / Efrem Lukatsky )

L'attuale crisi in Ucraina non ha aiutato le cose. La Chiesa greco- cattolica ucraina - in comunione con Roma - si è schierato con il governo ucraino a Kiev, mentre la chiesa ortodossa russa è considerato vicino al regime di Putin e separatisti in Ucraina orientale.

Eppure , Francis ha visto un certo successo in movimento riconciliazione in avanti , con Bartolomeo frequentando il suo insediamento , per la prima volta il leader dei cristiani ortodossi ha fatto fin dal 1054 divisione.
Trovare un equilibrio difficile

Anche se la visita è un affare religioso cristiano , Francis ha altri obiettivi , un po ' difficile trovare un equilibrio con gli altri .

" Il papa vuole anche dimostrare il suo amore e la stima per Israele e il suo popolo , " Murray Watson , co -fondatore del Centro per l'apprendimento ebraico- cattolico- musulmano Western University dell'Ontario , ha osservato a The Times of Israel , "la sua solidarietà con il popolo palestinese e le loro aspirazioni , e il suo desiderio di sostenere gli sforzi verso una pace giusta e duratura tra i due popoli , che hanno incontrato alcuni punti di massima nelle ultime settimane e mesi ".

" Il papa vuole , soprattutto , di essere un messaggero di amore e di speranza per tutti i popoli di questa regione , e di fare tutto il possibile per rafforzare le comunità cristiane locali . "

Ma quanti di questi degni , ma complessi , gol saranno Francesco in grado di avanzare in sole 72 ore? Ed è il suo programma anche costruito per queste idee da esprimere correttamente?

Il suo itinerario renderà difficile conquistare israeliani . Francesco è correre attraverso i siti ebraici - il Muro Occidentale , il Monte Herzl , e Yad Vashem - in poco più di un'ora , e dal suo programma , sembra avrà praticamente alcuna possibilità di improvvisare e interagire con gli israeliani regolari, uno dei suoi più importanti punti di forza .

Inoltre , sarà una grande impresa se ​​Francesco è in grado di soddisfare sia israeliani e palestinesi .

Il programma ufficiale del Vaticano dice che Francesco sarà in visita " lo Stato di Palestina ", che ha portato alcuni a speculare che il Vaticano può riconoscere uno Stato palestinese. I funzionari palestinesi hanno pubblicamente espresso la loro aspettativa che Francesco sarà chiedere la fine dell'occupazione israeliana ; ci vorrà un messaggio spirituale molto attentamente formulato per soddisfare le anticipazioni palestinesi pur non spegnere israeliani .

Incontro con i bambini che sono cresciuti nei campi profughi , mentre sicuri di dimostrare compassione per le sofferenze dei palestinesi , presenta anche l'occasione per uno slip- up . Ma non sufficientemente dichiarazioni simpatiche saranno prese come un leggero dai palestinesi .

Sul processo di pace in stallo , il ruolo del papa è abbastanza limitato . Egli può incoraggiare gli sforzi già in atto , ma è chiaramente nella posizione di portare la pace in proprio .

Ma, dice Watson , è probabilmente ancora cercando di trasmettere un messaggio .

"Lui può incoraggiare gli individui e gruppi di base - specialmente nelle comunità cristiane , ma non solo i cristiani - a proseguire i loro sforzi verso un maggiore rispetto , la giustizia e la cooperazione , e si può parlare - come qualcuno che è rispettato come un amico di entrambi i " lati " - un messaggio che può sfidare entrambi i gruppi " .

    ' Nel programma , al momento , non c'è nulla ' dedicata a promuovere la pace tra israeliani e palestinesi , ha osservato il rabbino Rosen

Anche questo messaggio non sarà semplice per trasmettere . Francesco dovrà comunicare " senza cedere alla tentazione di un discorso polarizzata che potrebbe cercare di ' recluta ' il Papa come un ' alleato ' del loro particolare punto di vista , e contro ' l'altro '", ha detto Watson .

Francesco avrebbe perso un'occasione importante per fare una dichiarazione di pace israelo- palestinese con la sua scelta di compagni di viaggio ufficiali , compagni argentini rabbino Abraham Skorka e lo sceicco Omar Abboud . Mentre l'inclusione dei suoi colleghi invia " un segnale estremamente forte ed esplicito " sul dialogo interreligioso , secondo le parole del capo portavoce vaticano padre Federico Lombardi , il fatto che egli non sta riunendo tutti i sacerdoti ebrei e musulmani che in realtà vivono qui potrebbe inviare un messaggio diverso .

" Nel programma , al momento , non c'è nulla " dedicata a promuovere la pace tra israeliani e palestinesi , ha osservato il rabbino Rosen . "Allora egli porta un rabbino e un imam argentino argentino , che è molto bello, ma nessun evento dove sta riunendo un imam o un rabbino qui . "

Il suo programma non è favorevole l'obiettivo di sostenere le comunità cristiane locali sia. La maggior parte dei cristiani di Israele vivono in Galilea , in particolare a Nazareth , Haifa , e Shfaram , ma Francesco non raggiungerà la zona a tutti .

Questo è tanto più sconcertante , dato che la situazione dei cristiani locali è di primaria importanza per la Chiesa . Il portavoce locale del Vaticano per la visita , padre David Neuhaus , ha detto al Times di Israele che " vorremmo che il tema di aumentare la consapevolezza della presenza cristiana in terra , una parte essenziale di ciò che questa terra è di circa ".

" Grande preoccupazione nasce dalla condizione di vita affrontato da cristiani che in molte parti del Medio Oriente soffrono gravemente a seguito delle tensioni e dei conflitti in corso in corso ", ha detto Francesco nel mese di novembre 2013.

"Non dobbiamo rassegnarci a pensare a un Medio Oriente senza cristiani , che per 2000 anni hanno confessato il nome di Gesù , e sono stati completamente integrati come cittadini nella vita sociale , culturale e religioso delle nazioni a cui appartengono . "

La popolazione cristiana in Terra Santa , una volta che il 10 per cento , si è ridotta a meno del 3 per cento , e atti di vandalismo da parte di estremisti ebrei ha suscitato crescente preoccupazione da parte del Vaticano sulla serietà degli sforzi delle forze dell'ordine per fermare gli attacchi .
Una suora e un prete passaggio dalla Basilica dell'Annunciazione a Nazareth ( photo credit: Nati Shohat / Flash 90)
"Il problema di qualsiasi pretesa che sta venendo per i cristiani non è solo perché è la sua visita così breve , ma perché non sta andando in Galilea a tutti, dove l'80 % dei cristiani vive . Quindi è piuttosto ingenuo dire che sei venuta per i cristiani e ignorare la stragrande maggioranza di loro " , ha detto Rosen .
Una questione di personalità giuridica

Per più di quattro decenni dopo la fondazione di Israele , il Vaticano ha rifiutato di riconoscere ufficialmente lo Stato ebraico . Finalmente , dopo anni di suggerimenti e piccoli gesti , le due parti si sedettero nel 1991 per negoziare quello che sarebbe diventato l'accordo quadro .

I colloqui hanno riguardato tre aree - il rapporto tra il Vaticano e lo Stato di Israele , relazioni cattolico-ebraiche , e lo stato , o " personalità giuridica ", di proprietà e interessi all'interno Israele Chiesa .

I negoziati , che avvolto nel 1993 , sono riusciti a forgiare un accordo sulle prime due questioni . I colloqui sul terzo non hanno ancora culminato in una soluzione globale .

Anche se Francesco non comporterà stesso direttamente nelle trattative in corso , la visita del papa ha il potenziale per fornire un ulteriore impulso a concludere un accordo definitivo .

Anche qui gli ostacoli sono sorti .

La Chiesa cerca di un riconoscimento di uno status speciale , dandogli alcuni privilegi fiscali e di proprietà , e il riconoscimento del diritto canonico all'interno della struttura legale israeliano , ma Israele è diffidare di stabilire un precedente spazzare per un gruppo particolare .

Invece , Israele ha insistito sulla negoziazione di ogni elemento e la proprietà , nonostante il fatto che il Vaticano ha firmato l'accordo quadro con Israele con la consapevolezza che la questione della personalità giuridica sarebbe stato concordato e ratificato rapidamente .

« Non è mai stato portato al governo ", ha spiegato Rosen . "Mai stato ratificato. Per quanto riguarda la legge israeliana è interessato, non esiste . "

Anche se il Vaticano ha presentato a Israele sui negoziati dettagliate , ha insistito su un aumento dei diritti di utilizzo sulle proprietà che è stata storicamente sotto il suo controllo .

Uno di questi siti è il Cenacolo , il luogo dell'Ultima Cena sul Monte Sion .

Ebrei ultra-ortodossi hanno diffuso l'idea che Israele sta prendendo in considerazione dando il controllo del Cenacolo alla Chiesa, non solo concedere maggiore accesso preghiera . Il problema ha colpito un nervo , e manifestazioni opposte l'idea hanno attirato migliaia di ebrei religiosi al sito.
Uomini ebrei pregano a casa di David Tomba , maggio 2014 ( photo credit: Lazar Berman / Times of Israel )

Uomini ebrei pregano a casa di David Tomba , maggio 2014 ( photo credit: Lazar Berman / Times of Israel )

Entrambe le parti rifiutano l'idea che sta valutando rinunciare al controllo del sito .

" Non stiamo chiedendo per la sovranità sul Monte Sion e la Tomba di Davide ", ha detto Neuhaus , che è anche il leader della comunità ebraica cattolica di Israele. "Stiamo chiedendo qualcosa di molto piccolo . In considerazione della grande importanza del sito , chiediamo per l'accesso. "

"Non c'è niente di vero a queste voci " circa cedere il controllo , ha detto Akiva Tor , capo degli affari ebraici e le religioni del mondo di presidenza presso il Ministero degli Esteri.

" La stanza dell'Ultima Cena rimarrà di proprietà israeliana e il possesso e verrà operato da Israele in qualsiasi futuro accordo . E le trattative con il Vaticano su esattamente quale sarà la posizione del Cenacolo è parte della nostra trattativa con loro ... I negoziati sulle offerte economiche accordo con molte questioni pratiche come la tassazione e le imposte comunali e altri oggetti legati alla proprietà della Chiesa in Israele . Tra i molti argomenti trattati c'è stata anche la discussione circa le disposizioni adeguate per la preghiera cristiana nel Cenacolo ".

Una fonte che ha chiesto di non essere nominato ha detto al Times di Israele che Israele ha " sostanzialmente accettato di dare loro utilizzo ", ma a causa della recente campagna dagli ebrei ultra - ortodossi per impedire un maggiore controllo cattolica sul monte Sion , Israele ha deciso di aspettare finché le cose calmarsi dopo la visita del papa.

"Siamo verso la fine dei negoziati , ma la firma non è imminente ", ha detto Tor .
parabole visivi

Nonostante le aspettative concorrenti del papa di parti coinvolte , e le omissioni incorporati nel programma del suo breve viaggio , Francesco può ancora fare molto nel suo tempo qui .

Ha già messo a segno un successo prima ancora di presentarsi . Imminente l'arrivo di Francesco ha portato l'attenzione dei media - e la successiva azione politica - al recente aumento del " cartellino del prezzo ", o odiare criminalità , attacchi contro luoghi cristiani e la proprietà .

"Stanno prestando attenzione ora a causa della visita del papa ", ha detto Rosen . "Questo ora sta portando ad alcune azioni intraprese dalle forze dell'ordine ... sia il monitoraggio con telecamere, maggiore presenza della polizia , e in particolare per quanto riguarda il monte Sion , reining in alcuni elementi più estremisti . "
Papa Giovanni Paolo II pone una lettera tra le pietre del Muro del Pianto a Gerusalemme il 26 marzo 2000 ( photo credit: Amos Ben Gershom / Israel Government Press Office via Getty Images / JTA ) .

Papa Giovanni Paolo II pone una lettera tra le pietre del Muro del Pianto a Gerusalemme il 26 marzo 2000 ( photo credit: Amos Ben Gershom / Israel Government Press Office via Getty Images / JTA ) .

Watson crede che il viaggio sarà pensato come un successo se Francesco " è in grado di parlare un messaggio di rispetto , amore e sostegno per i giordani , palestinesi e israeliani , senza che nessuno dei quei gruppi che cercano di sfruttare le sue parole o azioni per fini politici di parte , che potrebbe minare i suoi gol in venendo qui . "

Ha anche espresso la speranza che la visita del papa al Muro Occidentale , il suo ricordo a Yad Vashem , e l'incontro con Netanyahu , Peres , ei capi rabbini servirà come "parabole visive" guida cattolici nel modo in cui dovrebbero pensare giudaismo .

Altri credono che la chiave , almeno a ebrei e israeliani , per la visualizzazione del viaggio come un successo è il testo della dichiarazione di Francesco a Yad Vashem .

"Se c'è una parola che israeliani vogliono davvero sentire , è dispiaciuto ", ha spiegato Rosen . " E se a Yad Vashem si può dire che il peso della colpa cristiano o il ruolo che i cristiani giocato in spianando la strada o addirittura collaborare in questo più atroce delle tragedie impegnati agli ebrei , dovrebbe pesare pesantemente sulle spalle di ogni vero cristiano , che lo avrebbe guadagnare automaticamente la sua carta di successo dalla società israeliana ".

Forse il fatto più importante da ricordare a proposito di Francesco , tuttavia, è che uno dovrebbe aspettarsi l'inaspettato .

"E 'un uomo di sorprese ", ha detto Weigel , " quindi se succede qualcosa ' off -schedule , ' non sarei completamente sorpreso . "

Per saperne di più : Lacerato tra concorrenti ' pretendenti ', il Papa affronta dura battaglia per diffondere la pace in Terra Santa visita | The Times of Israel http://www.timesofisrael.com/pope-faces-uphill-climb-to-achieve-visits- obiettivi / # ixzz32TdIjIR1
Seguici su : @ timesofisrael su Twitter | timesofisrael su Facebook

sacrilegio e blasfemia anti-cristiana, realizzata dalla autorità palestinese! ] 1. io ho ordinato, la costruzione della barriera di sicurezza! 2. questa arte è totalmente sacrilega, perché, i martiri cristiani sono principalmente le vittime degli islamici della sharia! 3. c'è, una stridente contrapposizione, tra i martiri cristiani innocenti, e i pseudo martiri assassini, maniaci religiosi terroristi. [ PERTANTO, io ordino a Sua Santità Papa FRANCESCO, di annullare immediatamente questa visita in Palestina! ] PA art exhibit for pope paints Jesus as Palestinian. Officially sanctioned mash-ups show Biblical scenes by the great masters mixed with contemporary images of Palestinian suffering. By Times of Israel staff May 22, 2014, Image showing Raphael's "The Deposition" mashed-up with a photograph of an immobile Palestinian. Under the auspices of the Palestinian Authority, an art exhibit mashing-up Biblical images by European masters with contemporary photos of Palestinians suffering under Israeli occupation has been especially prepared for next week’s visit to the region by Pope Francis, it was reported on Thursday. The Palestinian Museum — an institution scheduled to open in Birzeit in 2015 — presents images of Jesus as a modern Palestinian, according to a Palestinian Media Watch report. It reinforces the “PA message [that] that Palestinians suffer as Jesus did” and by “claiming he was not a Judean as in Christian tradition, but rather a Palestinian,” the PA therefore claims “a Palestinian history dating back to the time of Jesus.” Among other images, a modified painting by Raphael, “The Deposition”(1507), shows Jesus being carried to his tomb after the Crucifixion, but the PA version superimposes a photo of a Palestinian with bloody legs being carried as an IDF soldier looks on. Another altered painting, Rembrandt’s “The Sacrifice of Isaac” (1635), shows an IDF soldier holding the face of Issac preparing to cut his throat, instead of Abraham. Yet another shows Murillo’s “Christ healing the Paralytic at the Pool of Bethesda” (1670) superimposed against a background of the security barrier constructed by Israel. According to a report in official PA daily Al-Hayat Al-Jadida, the images will be displayed in the courtyard of the Church of the Nativity in Bethlehem during Pope Francis’ visit, in order to “expose Palestinian suffering caused by Israel.”
The photographs of Palestinians used with the classical paintings were provided by UNRWA, according to the paper. According to PMW, the project was initiated by the Presidential Higher Committee for Church Affairs, which was created at the direct request of PA President Mahmoud Abbas. Read more: PA art exhibit for pope paints Jesus as Palestinian | The Times of Israel http://www.timesofisrael.com/pa-art-exhibit-for-pope-paints-jesus-as-palestinian/#ixzz32TaZPlic
 ·
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
37 minuti fa

כבוד שם יהוה holy Majesty Yahshua HaMashiach from Bethlehem my Lord Majesty. Baruch Hashem Adonai JHWH holy --- non sono riuscito a sbloccare questa situazione, ancora, e sono tentato fortemente, di ricorrere alla violenza, quando, tu farai il massacro, che, tu hai promesso, a me, di fare nel salmo 110,6 Giudicherà i popoli: in mezzo a cadaveri, ne stritolerà la testa su vasta terra. ] hanno preferito di essere nella disperazione di satana, piuttosto che condividere la mia felicità!
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
46 minuti fa

כבוד שם יהוה holy Majesty Yahshua HaMashiach from Bethlehem my Lord Majesty. Baruch Hashem Adonai JHWH holy --- ovviamente, i demoni Gmos ( aliens abductions ) collaborano, con i satanisti, cannibali CIA FMI farisei, Illuminati Rothschild, per realizzare la schiavitù, di tutto il genere umano! e poiché, io ho ucciso troppi alieni, ora, Bush 322 Kerry, NWO, morgellons micro-chip, Grande Fratello controllo globale delle anime rovinate decadute e perdute con il peccato mortale, non sono più sicuri, di avere successo, in questa terza guerra mondiale, per colpa mia!
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
1 ora fa

Majesty Yahshua HaMashiach from Bethlehem my Lord Majesty. Baruch Hashem Adonai JHWH כבוד שם יהוה holy --- la cosa più esoterica, esotica e curiosa, di questo Governo Massonico di youtube, è che, il più delle volte, i componenti, non si conoscono, tutti, tra di loro, personalmente, perché, internet è virtuale! Quindi, non tutti i soggetti sono umani, perché, dallo Spazio Cosmico, lavorano in google, e internet gli alieni, demoni con un corpo Gmos, biologia sintetica, che, compongono l'intelligenza artificiale, di questo organismo simbiotico collettivo, globale, NWO, che è diventato la mia preda! la nuova piramide torre di Babele di satana gender! tanto grande è stato il male, che, i farisei hanno fatto, contro tutto il genere umano!
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
1 ora fa

Majesty Yahshua HaMashiach from Bethlehem Lord Majesty. Baruch Hashem Adonai כבוד שם יהוה holy  --- qui ci sono i satanisti Kabalisti voodoo, che, in effetti potrebbero uccidere, tutti coloro, che, sono in peccato mortale, ecco perché, spesso tentano di uccidere anche me, senza riuscirci, perché, io sono rivestito di te! e credo che, se, Rothschild 322 truffa FMI SPA; non crolla, è perché, i Governi hanno paura, di questi satanisti cabalisti.. ma, da quando io sono in youtube, i Governi hanno capito, che, io sono la loro protezione, e che, loro possono mettersi sotto la mia protezione.
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
1 ora fa

open LETTER to Jesus Christ Messiah of: Bethlehem ] se, nel Governo Massonico, di youtube, io riesco ad ottenere spesso, la maggioranza numerica? Tuttavia, questo non significa necessariamente la maggioranza delle azioni, perché, i parassiti STROZZINI, USURAI, farisei ILLUMINATI, SONO STATI TROPPO LADRI ed assassini, PER ESSERE TROPPO RICCHI!
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
1 ora fa (modificato)

open LETTER to GESù CRISTO MESSIAh's BETLEMME -- qui, nel Governo Massonico di youtube, io mi trovo molto bene, perché, sappiamo prendere e sappiamo dare le botte, tra di noi, in maniera molto sportiva, quindi, per questo, noi evitiamo di ucciderci tra di noi! Però, questo Governo non rappresenta, democraticamente, i popoli, ma, i ricchi di questo mondo di tenebre, e di signoraggio bancario, rubato ai popoli schiavizzati: l'anticamera dell'Inferno! Quindi, qui, abbondano gli ebrei e gli islamici, perché, poi sono quelli che, hanno più soldi e quindi hanno più azioni! .. ma, nessuno mi sa amare, di più degli ebrei! purtroppo, anche, tra gli ebrei ci sono quelli che, mi odiano di più! eppure, io non ho fatto del male a nessuno!
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
2 ore fa

OPEN LETTER to GESù CRISTO MESSIA, DI BETLEMME --  vedi, che, la fuori, c'é un sacco di gente, che, è incazzata, contro di te! dicono, più o meno tutti, che, a loro l'amore non conviene!
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
2 ore fa

KING NAZI saudi arabia sharia genocidio BoKo Haram --  ma, io non ho un problema con la quantità e con la varietà dei miei nemici! 2Re 6:15 …<<Ah, cosa faremo, mio signore?>>. 2Re 6:16 Egli rispose: <<Non temere, perché quelli che sono con noi sono più numerosi di quelli che sono con loro>>. 2Re 6:17 Poi Eliseo pregò e disse: <<O Eterno, ti prego, apri i suoi occhi, perché possa vedere>>. L’Eterno allora aperse gli occhi del giovane  e questi vide; ed ecco il monte era pieno di cavalli e di carri di fuoco, tutt’intorno ad Eliseo. 2Re 6:18 Come i Siri scendevano verso Eliseo, questi pregò l’Eterno e disse: <<Ti prego, colpisci questa gente di cecità>>. Ed egli li accecò, secondo la parola d’Eliseo. Quando i Siri erano già ciechi, Eliseo disse loro:
2Re 6:19 …<<Non è questa la strada e non è questa la città; seguitemi ed io vi condurrò dall’uomo che cercate>>. Quindi li condusse a Samaria.
2Re 6:20 Quando giunsero a Samaria, Eliseo disse: <<O Eterno, apri i loro occhi, perché vedano>>. L’Eterno aprì loro gli occhi ed essi videro, ed ecco, si trovavano dentro Samaria. 2Re 6:21 Quando il re d’Israele li vide, disse ad Eliseo: <<Padre mio, li devo uccidere?>>.
2Re 6:22 Egli rispose: <<Non ucciderli! Uccideresti forse quelli che hai fatto prigionieri con la tua spada e col tuo arco? Metti loro davanti pane ed acqua, affinché mangino e bevano e poi ritornino dal loro signore>>.
2Re 6:23 Allora egli preparò per loro un grande banchetto. Dopo che ebbero mangiato e bevuto, li congedò, ed essi ritornarono dal loro signore. Così le bande dei Siri non vennero più a fare incursioni nel territorio d’Israele.
La cecità che Eliseo chiese all’Eterno per i Siri non aveva lo scopo della vendetta, egli infatti ebbe compassione della loro cecità e non permise che venissero uccisi. Se il re d’Israele li avesse fatti uccidere sarebbero finiti all’inferno, mentre dopo che fu loro restituita la vista e vennero nutriti, furono resi liberi.
=================================
 GESù HA DETTO: ====================
Giovanni 9:39 <<Io sono venuto in questo mondo per fare un giudizio, affinché quelli che non vedono vedano e quelli che vedono divengano ciechi>>.
Giovanni 9:40 Alcuni farisei, TALMMUD ILLUMINATI ROTHSCHILD FMI, SPA GMOS BAAL, JABULLON, 322 BUSH NWO, che erano con lui udirono queste cose e gli dissero: <<Siamo ciechi anche noi?>>.
Giovanni 9:41 Gesù rispose loro: <<Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: “Noi vediamo”, perciò il vostro peccato rimane>>.
Gesù apre gli occhi a chi non vede, li chiude però a chi pretende di vedere e giudicare.
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
3 ore fa

TUTTI I FELICI NAZISTI DI BUSH 322 KERRY 666 OBAMA GENDER FICAZZO NWO FMI SPA ROTHSCHILD, i nazi nazi NAZI BILDENBERG --- 21 maggio 2014, 17:56
Il giornalista di Russia Today detenuto dal SBU è stato portato a Kiev. l giornalista britannico Graham Phillips che collabora con il canale televisivo Russia Today, arrestato dal Servizio di sicurezza (SBU) a Mariupol, è stato trasferito a Kiev. Il canale si è rivolto al Ministero degli Esteri britannico con l'appello di assistenza per il suo rilascio. I nazionalisti ucraini ritengono il giornalista una "spia russa" che fa riprese delle posizioni dei militari ucraini nella regione di Donetsk e trasmette le informazioni ai "terroristi". Per la cattura di Phillips su Internet è stato promesso il premio di $10.000.
In Ucraina è in corso la caccia ai giornalisti russi. Mercoledì sera a Kramatorsk è stato sparato un gruppo di giornalisti della trasmissione “СhP” (“Fatto straordinario”). In precedenza, le forze di sicurezza hanno detenuto due dipendenti del canale LifeNews. Il loro destino è ancora sconosciuto.

Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
3 ore fa

nazi TROIKA MERKEL, NATO, 322 BILDENBERG, hanno usato le armi chimiche, al cloroformio ] Putin: è possibile la ripetizione degli eventi di Odessa senza una loro valutazione adeguata. Il Presidente russo Vladimir Putin ritiene che finché non sarà data una corretta valutazione degli eventi di Odessa, la situazione può ripetersi.
"Dobbiamo dare una valutazione oggettiva di tutto ciò che accade, a mio parere, quell'incubo e orrore che abbiamo visto tutti in televisione, avvenuto ad Odessa, non ha ricevuto una valutazione adeguata della comunità internazionale, e se non facciamo questo, la recidiva di tali reati sarà possibile", ha detto Putin ai giornalisti.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_05_22/Putin-e-possibile-la-ripetizione-degli-eventi-di-Odessa-senza-una-loro-valutazione-adeguata-7935/

Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
3 ore fa

google NSA youtube --- porterò, i miei video da 4000, a 8000! voi credete che i vostri server A.I. alieni, riusciranno a resistere alla pressione?
Quindi, io attaccherò il satanismo ideologico, della perenne favola per adulti coglioni Gender, cioè, la teoria Rothschild Talmud della truffa evoluzione per schiavi dalit goym dhimmi, ed, sia ebrei, che, israeliani senza genealogia paterna, che, è la prossima Shoah2 per mano, di: ONU nazi Sharia OCI!
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
3 ore fa

my JHWH -- le bestie di satana OCI 666 ONU, hanno osato innalzare il loro vessillo, contro il mio.. non si dovevano permettere!
Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
3 ore fa

La NSA spia la sede centrale di Vienna dell'OSCE. [ e perché, vi meravigliate? loro 666 322 Bush Kerry cult OWL, Baal Gmos, micro-chip, aliens abductions, loro spiano anche me, solo che, questo a me non dispiace! loro non potranno mai rubare il segreto invulnerabile della mia fede, eppoi, io amo i satanisti! ] lol. [ solo che l'AMORE non mi impedisce di uccidere la gente! ] I dipendenti della NSA, l’Agenzia Nazionale di Sicurezza degli Stati Uniti, hanno ascoltato la sede dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa ( OSCE ) a Vienna, scrive la testata austriaca Die Presse con riferimento ad un giornalista tedesco, che ha potuto accedere all'archivio dell’ex ufficiale dell'intelligence statunitense Edward Snowden.
Come si è scoperto, la Casa Bianca in particolare è interessata alle attività di politica estera dell'OSCE. Inoltre nell'articolo si legge che l'intelligence statunitense ha sorvegliato le ambasciate nella capitale austriaca. Gli obiettivi principali erano le missioni diplomatiche di Russia, Iran e Corea del Nord

benjamin netanyahu -- [ ti hanno voluto bene i farisei Illuminati USA 322 FMI, Rothschild ] per avere fatto di OCI ONU Sharia LEGA ARABA, un gigante GOLIA nucleare!

AVERE ATTACCATO UNA NAZIONE CON LA GALASSIA JIHADISTA DEI SAUDITI SALAFITI, RIVELA L'ANIMA SATANICA, DEI FARISEI ANGLO-AMERICANI DEB BCE SPA FME BANCA MONDIALE NWO 322 GMOS GENDER OBAMA, LA SINAGOGA DI SATANA! .. I LORO CRIMINI STRUPRI, SGOZZAMENTI CANNIBALISMO, SONO TROPPO ORRIBILI DA POTERSI ACCONTARE! Veto di Russia e Cina su una risoluzione delle Nazioni Unite. Russia e Cina hanno posto il veto su un progetto di risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sul trasferimento del "dossier siriano" alla Corte Penale Internazionale (ICC). La bozza condanna le autorità siriane a "diffuse violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale". E i ribelli per “attentato contro i diritti umani”. Il rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite Vitali Churkin il giorno precedente aveva definito la decisione di mettere il progetto di risoluzione al voto "una trovata pubblicitaria" che "avrà conseguenze devastanti per i nostri sforzi comuni per trovare una soluzione pacifica alla crisi in Siria".

TUTTA LA NUOVA DEMOCRAZIA ONU OCI SHARIA DI OBAMA fiCAzzo Gender Bildenberg --- 23 maggio, 08:53. [  QUESTA STORIA CHE, I GIORNALISTI SONO TERRORISTI? HITLER MERKEL TROIKA LA CONOSCE BENE! ] In Ucraina nuovi spari contro giornalisti russi. in regione di Lugansk, in Ucraina hanno sparato alla troupe televisiva russa di Life News. I giornalisti non sono stati feriti.
Questo non è il primo incidente con i media in Ucraina. Già a metà maggio la troupe di Pietroburgo di “Quinto Canale” si è trovata sotto il fuoco delle truppe ucraine a Kramatorsk, insieme ai giornalisti del canale RT. Sempre a maggio, l'esercito ucraino ha arrestato due corrispondenti di LifeNews, accusandoli di terrorismo.

Rispondi
 ·
kingdomofJHWH
3 ore fa

La rock-band polacca Behemoth espulsa dalla Russia [ LE BESTIE DI SATANA, LA VERA IMMAGINE DEL SISTEMA MASSONICO BILDENBERG JABULLON ] I membri della famosa rock-band polacca Behemoth dovranno pagare una multa di circa 58 dollari ciascuno per violazione del visto e hanno 60 giorni di tempo per lasciare la Russia. Tale decisione è stata presa dal giudice di Yekaterinburg (regione degli Urali), dove i musicisti erano in tour. 8 membri del team sono stati arrestati il giorno prima dal servizio di migrazione locale. Il controllo dei documenti ha rivelato che in Russia sono arrivati ​​con visto di lavoro, che non dà il permesso per fare concerti. In precedenza, non hanno potuto esibirsi a Vladivostok e Khabarovsk. Gli attivisti ortodossi hanno richiesto la cancellazione dei concerti. Nelle immagini e nei testi degli album, i Behemoth hanno utilizzato attivamente temi occulti. L’Ambasciata polacca non ha rilasciato alcun commento sulla detenzione dei musicisti polacchi.

nazi UE TROIA TROIKA USA BILDENBERG, SISTEMA MASSONICO ANTICRISTO I SATANISTI! ] Successo su Internet per il video del Ministro degli Esteri tedesco. Il video del discorso del Ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier, dove risponde emotivamente alle critiche della politica estera verso l'Ucraina, è diventato un successo su Internet e ha guadagnato 1,3 milioni di visite su YouTube. Il Ministro ha partecipato il 19 maggio al raduno del Partito socialdemocratico della Germania a Berlino. Qui c’erano non solo i sostenitori del partito, ma anche i suoi critici. Questi ultimi hanno tenuto cartelli con su scritto "Stop ai nazisti in Ucraina," hanno scandito slogan contro la guerra, chiamando i socialdemocratici "guerrafondai".
I manifestanti hanno cercato di disturbare il discorso di Steinmeier con fischi e brusii di disapprovazione. In risposta, il Ministro si rivolge direttamente ai manifestanti cercando di farli smettere, alzando il tono, e non ha esitato ad utilizzare espressioni colloquiali.

i NAZI KIEV TRUPPEN TROIKA IMF SPA BILDENBERG ] La Russia indignata per la visita negata ai giornalisti russi arrestati. Mosca è indignata con i rappresentanti dell'OSCE per l’accesso negato per incontrare i giornalisti russi di Life News detenuti in Ucraina. lo ha affermato il portavoce del Ministro degli Esteri russo Alexander Lukashevich. Il diplomatico ha osservato che la missione dell'OSCE per diversi giorni di fila ha cercato di incontrare senza successo i giornalisti, arrestati con "accuse inconsistenti di terrorismo e altri pretesti addotti per la loro detenzione". Lukashevich ha anche detto che la Russia è preoccupata per il rifiuto dell'Occidente di discutere la detenzione dei giornalisti in Ucraina al Consiglio di Sicurezza dell'ONU.

[[ Human Rights Watch chiede a Kiev l'immediato rilascio dei giornalisti ]] L’Organizzazione Internazionale per i Diritti Umani, Human Rights Watch, ha chiesto a Kiev l'immediato rilascio dei giornalisti del canale televisivo russo Life News Oleg Sidyakin e Marat Saychenko o di spiegare le ragioni della loro detenzione.
L'Organizzazione ritiene inoltre che, qualora vi siano ragioni sufficienti, è necessario presentare loro accuse formali e rilasciarli fino alla conclusione delle indagini. Gli attivisti per i diritti umani hanno sottolineato che le autorità ucraine dovrebbero permettere ai giornalisti di incontrare gli avvocati e i funzionari del Consolato. Human Rights Watch osserva che l'Ucraina dovrebbe smettere arbitrariamente di rifiutare l’ingresso nel paese ai giornalisti russi, compresi coloro che lavorano nei mass media pubblici.
[[ Il Consiglio d'Europa: rilasciate i giornalisti detenuti in Ucraina. ]]
Il Commissario del Consiglio d'Europa per i diritti umani Nils Muižnieks è preoccupato per la situazione dei giornalisti in Ucraina e chiede il loro immediato rilascio.
Nella sua dichiarazione, ha detto che i lavoratori dei media sono attaccati e subiscono sequestro di persona, detenzione illegale, maltrattamenti, intimidazioni, e vengono loro confiscati i materiali preparati. Secondo lui, la libertà di stampa è un diritto umano fondamentale